Omelie 2016 di don Giorgio: FESTA SACRA FAMIGLIA

31 gennaio 2016: S. Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe
Sir 44,23-45,1c.2-5; Ef 5,33-6,4; Mt 2,19-23
Una Famiglia del tutto originale, e fuori del comune
Non vorrei, ogni anno, quando si celebra la Festa della Sacra Famiglia, ripetere la solita cosa, ovvero che è assurdo presentarla come il modello di ogni famiglia cristiana. Madre vergine, padre putativo e figlio unico del tutto eccezionale: giudicate un po’ voi!
Eppure c’è qualcosa nei Vangeli, come vedremo, che dovrebbe mettere in crisi la famiglia tradizionale.
“Al di là della biologia”
Nei giorni scorsi, sono andato a rileggere l’omelia sulla Sacra Famiglia, scritta da Padre Ernesto Balducci. P. Balducci, dell’Ordine degli Scolopi, è stato uno dei religiosi più in vista e attivo nel campo, non solo religioso, anche socio-politico, tra gli anni ‘50 e ‘‘90. I suoi interessi erano i grandi temi planitari dei diritti umani, del rispetto dell’ambiente, della cooperazione, della solidarietà e della pace in una frontiera culturale tra credenti e non credenti. L’omelia che ci riguarda riporta come data il 1986. Titolo: “Al di là della biologia”.
Tenterò ora di fare una sintesi del suo pensiero a proposito della Sacra Famiglia e delle famiglie cristiane e umane.
Famiglia patriarcale e famiglia cristiana
P. Balducci parte affermando che la famiglia cristiana della nostra epoca industriale è il risultato di una elaborazione, ben studiata, della famiglia patriarcale, risalente all’epoca dell’agricoltura. La famiglia patriarcale si reggeva su alcuni principi solidi, ovvero: l’autorità indiscutibile del padre, la subordinazione della moglie e la dipendenza dei figli nei confronti dei genitori. Ecco la conclusione di P. Balducci: questo modello patriarcale oggi non regge più.
Anzitutto, diciamo che anche per la nostra legislazione civile l’autorità familiare non è più univoca. Oramai il diritto prevede due capi della famiglia, il marito e la moglie. Ma la vera  autorità dovrebbe essere un’altra, ovvero l’amore interno alla famiglia. È l’amore che tiene uniti, non l’autoritarismo. Un amore che ha mille modi di manifestarsi, ma che non ammette dipendenze, non segue metodi coercitivi che non siano ispirati alla stessa legge dell’amore, e quindi l’amore diventa il valore portante della famiglia.
Altra novità dei nostri tempi: l’emancipazione della donna, come soggetto integro. Il cammino, comunque, è ancora lungo. Terza novità: l’indisponibilità dei figli a far propri i modelli dei genitori in modo acritico: essi vogliono fare le loro scelte.
Dunque, afferma P. Balducci, il nucleo tradizionale familiare sembra disgregarsi. Tuttavia, rapportarsi con questi fatti nuovi non significa cedere alla critica distruttiva di ciò che di buono abbiamo potuto ereditare, ma, nello stesso tempo, non si può più rimanere chiusi nel torpore delle nostre privilegiate esperienze. Occorre, in altre parole, affrontare con coraggio le nuove sfide.
La Novità sconvolgente del Vangelo
Ecco la domanda cruciale: il Vangelo che cosa dice a proposito della famiglia? Anzitutto, non dimentichiamo che ancora ai tempi di Gesù i rapporti patriarcali erano rigidissimi. Gesù, dice P. Balducci, entrò in quel mondo e se fu respinto fu proprio perché non si adattò al modello. Egli non visse in una famiglia patriarcale. Ecco il punto. La sua era una famiglia del tutto fuori del comune. Già a dodici anni, come racconta l’evangelista Luca, Gesù si sottrasse all’autorità dei genitori e insegnò nel Tempio, rivendicando il proprio diritto di fare le cose del Padre celeste. Nei confronti della donna, egli si comportò con estremo rispetto, esaltandone la libertà e l’autonomia. Dette alla donna un ruolo fondamentale nell’annuncio stesso del Vangelo: non dimentichiamo che il primo annuncio della Risurrezione fu portato da una donna, Maria di Magdala.
Nel Vangelo, dunque, continua P. Balducci, c’è una ricchezza di spunti profetici che alludono a un’altra condizione umana. Ma questi spunti sono rimasti senza sviluppo a causa della sistemazione della Chiesa all’interno della cultura del mondo greco-romano. È allora che la Chiesa ha compiuto una sintesi tra valori profetici, di tipo evangelico, e strutture etico-giuridiche, desunte invece dalla storia e perciò provvisorie. Ora siamo alle decomposizione di tale sintesi.
Come trovare una via d’uscita?
A questo punto, P. Balducci si pone la domanda: come trovare una via d’uscita? Da una parte, non si può negare l’evidenza, ovvero la disgregazione dell’ordine costituito tradizionale, che aveva retto per millenni, dall’epoca dell’agricoltura, fondato sull’autoritarismo maschilista; e, dall’altra, c’è il Vangelo che va nel senso opposto, ovvero per un altro ordine, fondato sull’amore e sulla dignità dell’essere umano.
Se è vero che non possiamo fare a meno dell’ordine, altrimenti ci sarebbe un caos che trascinerebbe con sé tutto il buono finora raccolto, è anche vero che c’è ordine e ordine: il Vangelo parla di un ordine “nuovo”. Ecco dove sta il segreto, la via d’uscita.
La sfida moderna quale sarà? Non consisterà nel tenere a tutti i costi i modelli arcaici, tentando di armonizzarli con i nuovi modelli di vita. È quanto sta facendo ancora la Chiesa, dimenticando, proprio lei, che il Vangelo non porta con sé modelli stabiliti di vita e di organizzazione. La sfida consisterà allora in una nuova sintesi tra valori propri del Vangelo e i modelli di vita che stanno sorgendo.
Pensiamo anche al dramma di San Paolo. Nei suoi scritti, molte volte parla della donna come un rabbino dei suoi tempi, cioè con profondo maschilismo, e allora la sua è una cultura già finita, che non ha più senso. Ma la Chiesa che fa? Continua a riprestarci nella liturgia brani intrisi di maschilismo paolino, dimostrando così di essere anch’essa ancora rabbinica dei tempi di Gesù. Ma c’è in San Paolo anche una tensione profetica, là dove egli scrive che davanti al Cristo non ci sono né uomo né donna. Le differenze appartengono ai limiti della storia. Non fanno parte del disegno di Dio. Quando questi limiti si spezzano, non dovremmo scandalizzarci, ma essere pronti ad accogliere il nuovo che emerge.
In sintesi, commenta ancora P. Balducci, chi osserva il mondo e si limita ad osservarlo, oggi non può essere che pessimista disperato; ma chi osserva il mondo per cogliere nelle disgregazioni diffuse germogli nuovi e si impegna a lottare perché i germogli maturino, costui è un ottimista, un ottimista critico che vede con occhi lucidi il male che lo circonda, ma vede anche la novità che nasce.
Il Vangelo autentico si sta liberando dalle sintesi storiche che lo avevano come incapsulato e ibernato. Il Vangelo o si assume come parola proiettata sul futuro o ha perso senso. Ma siccome il Vangelo ha questa capacità, che è per la mia coscienza una specie di riprova esistenziale della sua origine divina, allora dobbiamo avere il coraggio di far fronte alle nuove emergenze della storia senza avvilirci, sapendo che soltanto la violenza conquista il regno di Dio, secondo le parole di Gesù: «Il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono” (Mt 11,12). Ma di quale violenza si tratta? Non di violenza che opprime e distrugge, ma di violenza che fa nascere: la violenza della levatrice, la violenza che fa venir fuori dalle viscere del creato la novità che urge dentro. È questa la violenza che l’educatore, il magistrato pubblico, il genitore, il ministro della parola di Dio, tutti devono esercitare insieme perché il mondo nuovo nasca.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi