In fila a Torino. Per mangiare

Uno dei centri di smista-mento di generi alimentari della rete “Torino solidale”, nata su iniziativa di Comune e terzo settore – Collaboratori
25 luglio 2020
da AVVENIRE
Pandemia sociale /4.

In fila a Torino. Per mangiare

Andrea Zaghi, Torino
Triplicate in due mesi le richieste di cibo e pacchi alimentari per l’assenza di lavoro. Comune, Chiesa e terzo settore insieme: 11 gli snodi per lo stoccaggio di cibo, «ma ancora non basta»
Il colpo d’occhio è impressionante: le file ordinate, come si conviene ad una città nota per il suo rigore. Sono dappertutto: per mangiare, per dormire, per contare su un ascolto non distratto. E poi fuori dai negozi, al Banco dei pegni. La sferza di Covid-19 ha colpito Torino duramente. Lo fa ancora, anche se l’emergenza sanitaria sembra finita. La chiusura delle fabbriche e il serrarsi in casa hanno fermato la pandemia, ma hanno infiammato la povertà. Chi non lavora e non ha risorse, semplicemente non mangia. E qui sono in molti. Così come – per fortuna – sono in molti a darsi da fare per contrastare tutto questo. La città dei santi sociali, del lavoro, della solidarietà, s’è messa in moto da subito.
Basta poco per capire la crisi. Nello scorso marzo i buoni spesa statali per circa 4 milioni e 252mila euro, messi a disposizione attraverso il Comune, sono andati esauriti in poche ore e hanno aiutato 11.705 famiglie. Nuovi poveri, spesso. Circa metà delle famiglie aiutate hanno “componenti in età produttiva”.
L’Ires (che si occupa delle ricerche economiche e sociali in Piemonte), certifica che oltre la metà dei nuclei familiari con reddito e pensione di cittadinanza si trova proprio nel Torinese (37.367 su 61.762). E indica un aumento della fascia di popolazione in crisi. A provarlo sono anche le domande del cosiddetto Rem (Reddito di Emergenza). Uno degli indicatori più significativi della crisi (anche in prospettiva), è il ricorso alla cassa integrazione, con il Piemonte tra le regioni ai primi posti in Italia. Solo quella in deroga tocca già 92mila persone e 22,6 milioni di ore di lavoro. L’intreccio perverso tra crisi economica, disagio sociale e povertà trova proprio qui di che alimentarsi. Ma c’è anche il bene.
È nato per esempio il progetto “Torino Solidale”, iniziativa dell’amministrazione comunale con l’Associazione Damamar (che fa capo ai Padri Giuseppini del Murialdo), il Banco Alimentare del Piemonte, il Banco delle Opere di Carità e la rete del privato sociale del territorio. Attraverso questo canale, da marzo, agendo su più fronti, sono state sostenute circa 15mila famiglie. Merito di una rete capillare fatta di 11 “snodi” che garantiscono il rifornimento e lo stoccaggio di beni alimentari e di prima necessità e la distribuzione di pacchi alimentari.
A sostenere tutto, fondi comunali per oltre mezzo milione ma anche quelli di privati. Il progetto non si è concluso, anzi. In queste settimane si sta effettuando la consegna di altri panieri mensili a circa 10.000 famiglie; si continuerà anche in autunno. Nella seconda fase dell’emergenza, poi, altri attori sono entrati in scena. La Fondazione Cottino ha donato beni per 500.000 euro; la Nova Coop ha curato la preparazione e l’immagazzinamento 13.700 pacchi alimentari. Anche le fondazioni bancarie hanno fatto la loro parte. La Fondazione Crt, per esempio, ha stanziato circa 1,2 milioni. La sindaca Chiara Appendino spiega: «Ogni risorsa è preziosa per rispondere alle richieste e siamo orgogliosi di constatare come la città abbia ancora una volta risposto».
Ma mangiare per molti non basta. A Torino, ci sono circa 2.500 persone senza fissa dimora: gente che spesso si vede accoccolata sotto i portici della città, bersagli facili per Covid-19. Così, se nella fase più dura i posti letto sono stati aumentati, adesso è stato deciso di mantenerne almeno 40. Un’operazione resa possibile dagli “Asili Notturni Umberto I” nei quali lavorano 300 volontari (un terzo dei quali medici e paramedici). Poi ci sono le iniziative particolari. Come quella del Convento di Sant’Antonio da Padova il cui padre superiore, Fra’ Mauro Battaglino, dice: «È cambiata la tipologia di persone, adesso ci sono più italiani. I poveri che vivono in strada ci sono sempre, ma ci sono anche quelli che hanno perso il lavoro». Solo il convento ogni giorno fornisce 400 pasti e aiuta circa 230 famiglie con almeno due pacchi-spesa al mese.
Certo, a Torino disagio sociale e povertà non sono nati con Covid-19: gli effetti della crisi del 2008 si sentivano ancora all’inizio del 2020. Ma la pandemia ha tarpato le ali alla ripresa. A spiegare la situazione è Pierluigi Dovis, direttore della Caritas diocesana. «L’impatto è stato tale – dice –, da non consentire rilevazioni statistiche precise, ma nelle nostre mense c’è stato un aumento delle presenze anche dell’80%. In marzo-aprile 2019 al Centro di ascolto diocesano “Le due tuniche” sono passate circa mille persone, quest’anno negli stessi mesi sono state oltre 3mila».
Anche Dovis, come Fra’ Mauro, nota poi il cambiamento: «C’è stata una crescita del numero di persone che non erano mai venute in un centro di ascolto: in alcuni casi si è superato il 100%». A chiedere aiuto non è solo chi lavorava in nero, ma anche i lavoratori domestici e quelli stagionali (dell’alberghiero, della cultura e dell’intrattenimento), persone quindi con una istruzione anche medio-alta. Senza dire dei piccoli commercianti, delle partite Iva.
Sempre Dovis aggiunge: “I problemi più importanti sono legati alla mancanza di liquidità. Sono stati fatti molti proclami i cui effetti però sono arrivati tardi rispetto al bisogno». Dovis punta il dito sul futuro. «In questi mesi – spiega –, ho visto grandi erogazioni per la sanità e gli alimenti. Fondi doverosi, io però ho il forte timore che in autunno vi sarà bisogno di altri interventi ma che le risorse non saranno più le stesse». Insomma, il peggio potrebbe ancora arrivare.

1 Commento

  1. antonio ha detto:

    Carabinieri e poliziotti a gestire cosche e narcotraffico, sistemi legnano ad infiltrare in ogni ambito corruzioni e malaffare, comuni ed intere regioni governate da malviventi, che fanno bottino in Italia, per poi sfruttare i loro ‘sistemi’ per stoccare le refurtive in conti svizzeri e paradisi fiscali, una scuola costosissimo ammortizzatore sociale con eserciti di ‘lavoratori’ che preparano i nuovi schiavi a calarsi le braghe come piace ai viziosi satanisti capitalisti, una sanità dove una borsa di prada vale la vita di almeno mille pazienti senza referenze e pedigree, una pubblica amministrazione interamente al servizio dei massoni… solo per citare alcuni peccati veniali del ‘sistema’ Italia…

    Questo sistema precipiterà tutti gli esseri ancora umani nella miseria prima di implodere nel sottosviluppo… è umanamente inevitabile accada.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi