Oltre il Carlo Maria Martini di ieri

L’EDITORIALE
di don Giorgio De Capitani

Oltre il Carlo Maria Martini di ieri

Il 31 agosto del 2012 moriva il cardinale Carlo Maria Martini. Aveva guidato la diocesi milanese per ventidue anni, dal 1979 al 2002.
Ricordarlo oggi è per me un dovere morale. Forse per Scola è solo un dovere formale. Lo si capirà dalle sue parole di convenienza, domenica 31 agosto, nel Duomo di Milano.
Ripetere come un pappagallo le solite cose su ciò che Martini ha fatto o ha detto, mi pare del tutto noioso e lo ritengo anche del tutto inutile.
L’ante Martini mi interessa se mi porta al post Martini, ovvero se mi spinge a cogliere nel suo pensiero e nella sua opera l’aspetto profetico. E dire Profezia non è così scontato come sembra, in una società dove tutto sembra morire con la morte dei profeti. Sembra cioè che non ci sia l’oltre. Resta solo il ricordo, restano le commemorazioni, restano tante accademiche parole che dicono e non dicono. Ci si rivolge al passato. E si va magari a ripescare cose inedite, che servono solo a soddisfare la curiosità.
Bisogna andare oltre Martini. A me i miti non piacciono, perché servono solo a coprire le insensatezze di chi vive di ricordi ma senza aver colto nel personaggio, trasformato in un mito evanescente, le sue idee profonde, il suo divenire che va oltre la morte fisica.
I miti sono un mondo di ipocrisie che coprono la Profezia, che va ben oltre la vita terrena.
Anche nei nostri piccoli paesi è facile costruire il mito di un prete, morto e sepolto da anni. Parlo di Rovagnate, come potrei parlare di altri paesi. Si piange sulla demolizione di una costruzione materiale, resa inagibile dal logorio del tempo e dalle novità pastorali e sociali.
Ecco, ci si attacca al mito a tal punto da non permettere che le opere si adattino allo spirito del profeta, che se rivive oggi non è certo per le sue costruzioni materiali, che subiscono necessariamente il consumo del tempo.
Oggi chi è per me Martini? Ecco la vera domanda. Oggi. Anche il Martini di ieri mi interessa. Anzi, dovrò continuamente approfondire ciò che ha detto e ciò che ha fatto, cercando soprattutto di intuire ciò che intendeva dire, al di là di ciò che effettivamente ha detto, costretto com‘era nella sua autorevole posizione a pesare bene le parole.
Oggi Martini sarebbe magari più libero di esprimersi, ma non è detto. Più libero di esprimere cose che ieri erano tabù, ma sarebbe ancora condizionato nel dire cose che oggi sono ancora tabù. E sarà sempre così. La missione del profeta non avrà mai un termine. Ogni tempo ha bisogno di profeti. Ogni epoca ha le sue paure, i suoi limiti, i suoi schemi.
Martini oggi lo vedrei di nuovo come il buon pastore che conduce il gregge verso cieli aperti. Ma soprattutto come quel pastore che ama le pecore chiamandole per nome e si tiene accanto i suoi collaboratori, senza farne delle ombre o delle mummie, ovvero senza renderli ciechi esecutori dei suoi comandi.
Ci sono pecore che escono dall’ovile, tante, tantissime, per motivazioni l’una diversa dall’altra, e ci sono ministri di Cristo che vanno alla loro ricerca, uscendo dal gregge comune. Perché lasciarli soli, peggio emarginarli?
Martini ha voluto e saputo riprendere il dialogo con tanti preti milanesi, che si erano allontanati, perché allontanati dalla cecità di un loro vescovo. Martini diceva loro: “Ho bisogno anche di voi. Soprattutto di voi! La diocesi è grande, ha mille problematiche da risolvere, voi mi dovete aiutare!”.
Oggi non è più così. Almeno nella chiesa milanese. Chi esce dall’ovile, ovvero dalla rigida struttura ecclesiastica, viene emarginato. Rimproverato. Fatto oggetto di provvedimenti disciplinari.
Martini vedeva oltre lo steccato, e sognava una Chiesa più in avanti di quella dei suoi tempi, indietro di duecento e più anni. Ma sognando la Chiesa oltre lo steccato, desiderava riavvicinare i preti più ribelli: ribelli verso una Chiesa indietro di duecento e più anni.
Oggi la diocesi milanese è tornata indietro, mettendosi sulla stessa linea della Chiesa indietro di duecento anni.
L’effetto Bergoglio non è servito a nulla. È solo una patina di apparenza. L’aggiornamento della Chiesa, ovvero il suo mettersi al passo del cammino dell’Umanesimo, ci sarà solo quando i pastori capiranno di superare lo steccato, per andare alla ricerca delle pecore disperse. E tra queste pecore disperse ci sono i profeti, che vorrebbero richiamare la gerarchia ai valori più alti della coscienza, della libertà, della giustizia, che non hanno etichette, che non hanno schemi precostituiti, che chiedono spazi aperti. 
Fino a quando la Chiesa ascolterà il latrare dei cani pastori per rimettere in riga le pecore in fuga, non ci sarà rinnovamento. Ogni chiusura porta al fallimento, e allontana il Progresso Umano.
I profeti hanno un brutto destino, quello di finire canonizzati santi: è la rivincita della Chiesa-struttura. Anche in tal caso, soprattutto in questi casi, spetta agli spiriti liberi l’opera di salvare la Profezia dalle grinfie della Chiesa-religione.
Su Martini sono già state dette troppe parole, si sono già fatti troppi elogi, si è già tentato un lavoro di restauro. Ed è per questo che non amo questo Martini. Amo invece pensarlo a modo mio, ovvero in quel mondo utopico di una Chiesa ancora in fieri, ma pronta a dare via libera alle energie più vitali.
Il Martini storico mi interessa, eccome, ma solo per riscoprire in lui il Martini mistico, il Martini utopico, il Martini profeta dell’oggi, del domani e del post domani.
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2
31 agosto 2014

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi