prima pagina
16 luglio 2011

Proponi su: | | | | . |
POVERA ITALIA. Istat: 8 milioni di indigenti in Italia. Uno su due è al Sud


da Lettera 43

Povera Italia

Istat: 8 milioni di indigenti in Italia. Uno su due è al Sud.

di Alessio Lana

Italiani, povera gente. Secondo l'ultimo rapporto Istat sulla ricchezza degli italiani sono 8 milioni 272 mila le persone indigenti che vivono nel nostro Paese, il 13,8% dell'intera popolazione. E dal prossimo anno le famiglie sono destinate a dover pagare anche gli effetti della manovra finanziaria, che per il nucleo medio corrisponde a mille euro di tasse in più in due anni. Colpa del taglio di deduzioni, detrazioni e sconti fiscali previsto nel 2013 e nel 2014.
POVERTÀ RELATIVA E ASSOLUTA. Lo studio dell'Istituto statistico nazionale è stato calcolato usando due parametri differenti.
Un milione e 156 mila famiglie, il 4,6% di quelle residenti, risultano in condizioni di povertà assoluta, hanno una spesa mensile pari o inferiore a quella minima necessaria per acquisire beni e servizi considerati essenziali per uno standard di vita minimamente accettabile. Loro sono i veri poveri, o i più poveri tra i poveri, come vengono spesso definiti.
MENO DI 992 EURO AL MESE. Diversa la situazione per le famiglie in condizione di povertà relativa, che sono 2 milioni e 734 mila, l'11% del totale. In questo caso il parametro adottato dall'Istat ha misurato tutti coloro che non possono permettersi una spesa mensile che per un nucleo di due componenti è pari a 992,46 euro.

Sud sempre più povero: maglia nera per la Basilicata

I 150 anni di Unità d'Italia, e le sue celebrazioni, non sembrano aver modificato le storiche differenze tra Nord e Sud. Il nostro Paese, infatti, appare ancora profondamente diviso in due tronconi.
IL SUD È PIÙ POVERO. Nel Mezzogiorno infatti l'incidenza di povertà relativa cresce dal 36,7% del 2009 al 47,3% del 2010 tra le famiglie con tre o più figli minori. Praticamente quasi la metà di questi nuclei è povera. La maglia nera nel 2010 va in particolare a Basilicata, Sicilia e Calabria, Regioni in cui le famiglie che versano in condizioni di povertà relativa sono rispettivamente il 28,3, il 27 e il 26% del totale. Fanno eccezione Abruzzo e Molise, in cui la media è simile a quella del resto del Paese.
MEGLIO IL NORD. La Lombardia, invece, soffre meno insieme all'Emilia Romagna, visto che sono le due regioni con i valori più bassi dell'incidenza di povertà. Qui infatti l'indice si assesta intorno al 4,0% e al 4,5%, un quinto rispetto alla media del Sud.
Anche Umbria, Piemonte, Veneto, Toscana, Friuli Venezia Giulia e la provincia di Trento stanno relativamente bene, visto che la popolazione che vive in stato di povertà si colloca intorno al 6% di quella totale.
MALE LE FAMIGLIE NUMEROSE. A soffrire al Sud sono anche le famiglie numerose. Una su due è povera e se per alcune categorie gli indici sono rimasti sostanzialmente stabili rispetto al 2009, per alcune fasce della popolazione le condizioni sono peggiorate. La povertà relativa infatti è aumenta tra le famiglie di 5 o più componenti, che passano dal 24,9% al 29,9%, tra quelle con membri aggregati, in cui c'è un anziano che vive con la famiglia del figlio, passate dal 18,2% al 23%, e quelle monogenitore, che crescono dall'11,8% al 14,1%.
Venerdì, 15 Luglio 2011

 

REGOLAMENTO DEI COMMENTI
Il sito dongiorgio.it uno spazio aperto a vostra disposizione, creato per confrontarsi direttamente. I commenti sono soggetti ad approvazione, non assicuriamo l'immediata pubblicazione del vostro commento. Si prega gentilmente di non inviare messaggi doppi. L'utilit del sito dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili dei vostri commenti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post, per questi ultimi usare il guestbook
- messaggi pubblicitari, propagandistici e spam
- messaggi dal contenuto offensivo, razzista sessista o sessuale
- messaggi il cui contenuto costituisca violazione alle leggi italiane

Postando il vostro commento, acconsentite implicitamente a queste regole.
Lascia un Commento

S, inviatemi una e-mail quando un nuovo commento viene pubblicato.

Dillo ad un amico:  
<<indietro