prima pagina
8 novembre 2011

Proponi su: | | | | . |
Cornizzolo: l’escavazione consapevole


Non ho alcuna pretesa di far rinsavire quelli della Holcim. So che a loro non interessa nemmeno discutere di salute, di ambiente, di rispetto per le bellezze naturali e artistiche. Ragionano con la testa del profitto, e da lì, dal profitto, non li schioda nessuno, neanche se si promettesse loro il paradiso eterno. Di mestiere fanno il sensale: comperano e vendono i prodotti, e non guardano per il sottile: ogni carne è buona, anche quella umana, quella animale e quella vegetale. Tutto da macellare, purché si guadagni bene. Ogni metodo è lecito, in base al principio machiavellico: il fine giustifica i mezzi. E i mezzi usati dalla Ditta Holcim per acquistare i terreni ora una manna per raggiungere lo scopo prefisso, non sono stati certamente trasparenti, e questo grida vendetta al cospetto di Dio. Ma si sa: Dio ha certe volte tempi lunghi per la sua giustizia, e nel frattempo prevale la prepotenza dei ricchi. A questi basta, per il momento, fare qualche opera buona, tanto per tenersi buoni quei credenti che, ancora una volta, brillano per la loro assenza nel difendere quel Creato che, loro, i credenti, dovrebbero sapere che è opera meravigliosa di Dio.
Ma è altrettanto arduo far ragionare la gente comune, la quale, talora, si fa comperare con mille promesse, e con belle parole che, ancor più efficaci di quelle di un mago stregone, vogliono garantire una perfetta guarigione per le ferite all’ambiente, procurate allo scopo di sanare l’economia, l’eterna ammalata, il solito alibi per fare i cazzi propri.
Ditemi pure che non è vero. Tanto non ci casco. Non mi farei commuovere nemmeno da milioni di cassintegrati alla ricerca disperata di un posto di lavoro, e che avrebbero la possibilità di mangiare qualora si sventrasse una montagna. Non sarebbe meglio tirare un po’ la cinghia, piuttosto che essere maledetti un domani dai nostri ragazzi?
Buttare tutto in questo gioco al massacro - lavoro o ambiente? - non sarà una partita vincente per nessuno: l’operaio di nuovo sarà fregato, senza una vera casa, che è l’habitat naturale.
Dài, avanti, continuate a dire bugie, a illudere la gente, a promettere fumo! Prima o poi, vi cadrà addosso la maledizione di una giustizia che quando arriva non risparmia nessuno.
      

da Merateonline

Cornizzolo: l’escavazione consapevole


"Escavazione consapevole"... dopo la birra analcolica, le patatine fritte senza grassi, la bomba intelligente e la democrazia esportabile non pensavamo che altri strabilianti ossimori potessero arricchire il già ben nutrito elenco del "sembra un controsenso, ma, fidatevi, è possibile".

Ci sbagliavamo.

Si scopre infatti che, in tema di cave, "le ricadute sull'ambiente dipendono da come si procede" e, visto che sul Cornizzolo "si parte da zero", è sufficiente partire bene ed è fatta.

Lo sforzo della Holcim per rassicurare noi poveri paesanotti capaci di ragionare solo con la pancia, è commuovente e noi intendiamo darle una mano spiegando, perché ormai ne siamo convinti, che esistono cave brutte e cave belle, che la nostra sarà una delle più belle e che tutti ce la invidieranno tanto che, passando, diranno "Che bella cava consapevole!".

Infatti, e ora lo sappiamo, esistono modi di procedere civili e rispettosi del territorio che partono dai piccoli gesti, come quello di suonare il campanello e chiedere permesso prima di entrare fin nel cuore della montagna e strapparle milioni di metri cubi dalle viscere, per arrivare ai grandi: dopo vent'anni tutto verrà "recuperato" e "rinaturato"... forse...

Esiste però un secondo punto, ancora più convincente che riafferma con forza l'intenzione dei nostri benefattori di non "rovinare" la nostra terra: "l'80% dei lavoratori della nostra azienda abita proprio su questo territorio"... che motivazione geniale, che trovata brillante, che asso di briscola calato al momento più opportuno.

Effettivamente se abiti a Chernobyl, mica ti viene in mente di lavorare nella centrale nucleare che potrebbe cancellarla nel giro di pochi secondi... no?

Se si potesse scherzare su una tragedia simile potremmo dire che in quella centrale la lingua più diffusa fosse l'Inuktitut, ma non è così, e qui ci fermiamo.

Incontrovertibile rimane il fatto che, soprattutto in tempo di crisi, quando uno cerca, trova o continua a svolgere il proprio onesto lavoro non pensa prima di tutto al pane da portare a casa, alle bollette, all'assicurazione della macchina o al mutuo da estinguere, ma, con eroico senso civico, si chiede: "Quello che faccio è bene o male per il mio territorio?".

Funziona così, no?

E siamo arrivati alla terza e decisiva freccia scagliata dalla portavoce della Holcim, quella che fuga qualsiasi dubbio e che fa venir voglia di far parte di questa grande  multinazionale della consapevolezza: "Quella del Cornizzolo è una condizione potenzialmente migliore essendoci meno vincoli...".

Chi di noi pensava che il paesaggio montano fosse di per sé un valore da rispettare, sbagliava. Chi di noi pensava che San Pietro fosse un tesoro da difendere e valorizzare, sbagliava. Chi di noi pensava di avere il diritto di vivere in un territorio nel quale potersi riconoscere, sbagliava. Chi di noi pensava che il volere dei tanti contasse più dell'interesse dei pochi, ancora, sbagliava. Questi non sono vincoli, ma sentimentalismi da paesanotti e battaglie per pensatori di pancia.

No, è un po' troppo da digerire.

Una cava è una cava e, anche servita su un piatto d'argento, sa di polvere e devastazione.

Nascondersi dietro l'80% dei dipendenti che abita su questo territorio è quantomeno scorretto perché gli utili se li spartiranno altri e altrove.

A loro, come a noi, non rimarrà altro che l'ennesimo insulto alla bellezza della nostra terra e noi, comuni cittadini, saremo il più grande vincolo col quale vi troverete ad avere che fare.

Coordinamento del Cornizzolo

 

REGOLAMENTO DEI COMMENTI
Il sito dongiorgio.it è uno spazio aperto a vostra disposizione, creato per confrontarsi direttamente. I commenti sono soggetti ad approvazione, non assicuriamo l'immediata pubblicazione del vostro commento. Si prega gentilmente di non inviare messaggi doppi. L'utilità del sito dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili dei vostri commenti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post, per questi ultimi usare il guestbook
- messaggi pubblicitari, propagandistici e spam
- messaggi dal contenuto offensivo, razzista sessista o sessuale
- messaggi il cui contenuto costituisca violazione alle leggi italiane

Postando il vostro commento, acconsentite implicitamente a queste regole.
Lascia un Commento

Sì, inviatemi una e-mail quando un nuovo commento viene pubblicato.

Dillo ad un amico:  
<<indietro