prima pagina
13 novembre 2011

Proponi su: | | | | . |
Ed ora, senza pietà, l’ergastolo e la confisca di tutti i suoi beni!


Se fosse ancora in vigore,
chiederei la pena di morte:

questa è la giusta pena per un criminale!

Sì, un criminale!

Non è forse un crimine avere attentato
- alla democrazia
- al bene comune di un Paese?

Non è forse un crimine
- aver contaminato buona parte della mente degli italiani
- aver distrutto il futuro dei nostri figli?

Non è forse un crimine
- aver fermato la storia civile di una Nazione
- aver offuscato la storia millenaria del nostro Genio “italico”?

Non è forse un crimine
- avere attentato ai diritti umani
- alla libertà di pensiero e di parola?

Non è forse un crimine
- aver fatto della giustizia un servizio al potere personale
- aver calunniato per anni e anni la magistratura sana?

Non è forse un crimine
aver violato impunemente ogni senso etico?

Non è forse un crimine
aver calpestato la dignità della donna?

Ma la cosa più criminale è
- averci tolto i Sogni, le Utopie, le Speranze!

Siamo stati governati da un Bastardo
e da una banda di bastardelli.

Sì, non è solo il Coso da portare in tribunale:
ci sono complici altrettanto colpevoli!

In primis, la Lega che ha favorito un criminale,
perciò merita la stessa condanna;

e poi, tutta la corte imperiale
dove è difficile distinguere la puttana dall’opportunista!

Ultimamente si è verificato un fuggi-fuggi,
caratteristico di quel fenomeno antico
che si chiama tradimento.

E ciò sta succedendo non solo tra i parlamentari,
ma tra gli stessi cittadini che si vergognano ora
di riconoscere di averlo eletto e sostenuto fino all’altro giorno.

E che dire della responsabilità del vaticano,
e di quella parte di chiesa fatta di Movimenti o Associazioni
che hanno collaborato con un governo di ladri e di criminali
(in primis, Comunione e liberazione)?

Colpevoli! Colpevoli!

Certo, il Capobanda merita una condanna maggiore:
minimo l’ergastolo e che gli siano confiscati tutti i suoi beni;

si è costruito un regno economico rubando,
con intrecci illeciti, mafiosi, criminali:
è giusto che gli venga tolto ogni suo avere
per darlo al Bene comune.

Non facciamoci prendere dalla pietà!

La pietas lasciamola a Dio!
Alla storia la giustizia!

La migliore vendetta sarà l’oblio:
si potrà far dimenticare ai posteri un nome
che è riuscito a farsi idolatrare
da milioni di coglioni di italiani?

Una specie di cremazione della memoria,
così da disperdere le ceneri nel deserto più arido!

Mettiamo in quarantena (di anni!) la Lega, il minimo
perché nel frattempo possa andare a scuola,
imparare qualche lezione di galateo,
e soprattutto leggersi qualche buon libro “intelligente”:
certo, sarà impresa ardua coi caproni,
ma bisognerà pur mettere qualche limite
alla ignoranza popolare e alla idiozia dei caporioni.

E con il mondo cattolico fondamentalista
che non sa distinguere la mafia dalla Parola di Dio
che faremo?

È più difficile convertire un ciellino che milioni di atei,
anche perché gli atei non hanno bisogno di per sé di conversione,
ma i i ciellini come potrebbero rimanere sordi
alla voce dello Spirito santo?

Lascerei allo Spirito santo questa rogna:
far sì che la gramigna venga estirpata al più presto
dal regno di Dio.

Ma avrei un’altra proposta:
don Luigi Giussani dovrebbe fare un miracolo
se vuole ottenere la canonizzazione della Chiesa,
perché allora non distrugge il suo figlio più caro
ormai diventato un mostro?

Chissà… chissà… chissà…

NotaBene.
In questi giorni si sta parlando tanto di un governo di tecnici oppure no, o di nuove elezioni. Dico la mia. Oggi come oggi, in questo momento abbiamo bisogno di una persona tecnicamente preparata, che sappia di economia, che sia credibile e stimata dal mondo intero, che porti fuori il nostro Paese dal baratro. In seguito, usciti dal baratro, potrà dire la sua la politica, ma occorrerà cambiare aria, ritrovare la Politica con la P maiuscola. Siamo stanchi di puttanelle, di ladri, di farabutti, di mestieranti, di zoticoni, di ignoranti, di approfittatori. Bisogna dare un taglio netto, e ritrovare la via della saggezza. Ma non sarà facile, tanto più che non si vede nemmeno l’ombra di quella Metapolitica di cui parlava Raimoin Panikkar. A Sinistra c’è il vuoto, a destra c’è il vuoto. Bisognerà rimboccarsi le maniche e fare un lavoro di ricostruzione dalle fondamenta. Qui in Italia non c’è il minimo senso di Democrazia. Bisognerà partire da zero. Non perdiamo tempo. Cominciamo a seminare qualche nuova Idea che attinga all’Umanità. Sarà un cammino lungo, ma bisogna pur iniziare. Contro tutti e contro tutto. La gente non è abituata a cambiare stile di vita, e a pensare in grande. 
REGOLAMENTO DEI COMMENTI
Il sito dongiorgio.it è uno spazio aperto a vostra disposizione, creato per confrontarsi direttamente. I commenti sono soggetti ad approvazione, non assicuriamo l'immediata pubblicazione del vostro commento. Si prega gentilmente di non inviare messaggi doppi. L'utilità del sito dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili dei vostri commenti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post, per questi ultimi usare il guestbook
- messaggi pubblicitari, propagandistici e spam
- messaggi dal contenuto offensivo, razzista sessista o sessuale
- messaggi il cui contenuto costituisca violazione alle leggi italiane

Postando il vostro commento, acconsentite implicitamente a queste regole.
Lascia un Commento

Sì, inviatemi una e-mail quando un nuovo commento viene pubblicato.

Dillo ad un amico:  
<<indietro