Prima Pagina

5 novembre 2011


Il presidente: “Le chance per una soluzione diplomatica si stanno affievolendo, l’opzione militare è più vicina”. Nel mirino la bomba atomica che, secondo Tel Aviv, Ahmadinejad e gli ayatollah avranno tra soli 6 mesi.

 
4 novembre 2011


Voi che vi riempite la bocca di parole trite e ritrite: “crescita, sviluppo, competitività”. Ripetute come un mantra per nascondere il vuoto delle vostre idee. Dogmi imparati come scolaretti per essere promossi dalle maestrine di Confindustria e dei mercati finanziari. Non avete nessun diritto di piangere! Voi che quando siete seduti sulle comode poltrone a Porta a Porta vi lanciate, l’uno contro l’altro le medesime ricette stantie: “Dobbiamo rilanciare le grandi opere, dobbiamo far ripartire l’edilizia, ci vuole un nuovo piano casa, forse anche un nuovo condono”.

 
3 novembre 2011


Che l'ENI fosse la distruttrice di tutto quello che gli capita sottomano, già lo sapevamo abbondantemente. Basta guardare cosa hanno combinato in tutta Italia - teoricamente la loro patria: dei 57 siti più inquinati d'Italia metà sono dell'ENI o di loro associate petrolchimiche - Saipem, Polimeri Europa etc etc, ditte che l'ENI controlla al 100%.

 
2 novembre 2011


“Acuire la crisi” è un “compito storico” della classe lavoratrice, è il suo “dovere” fondamentale. La crisi capitalistica non è necessariamente un problema, può essere parte della soluzione, dal versante proletario. Può essere l’inizio della soluzione dei problemi dello sfruttamento e dell’oppressione; se però la classe lavoratrice inasprisce la crisi e non aiuta certo a risolverla; altrimenti diventa “collaborazionista” con il capitale.

 
1 novembre 2011


No allo spin off di idroservice, no alle multiutilities. Sì ad un unico ente di diritto pubblico per l'acqua. L'acqua non può essere materia di soli Consigli d'Amministrazione.

 
31 ottobre 2011


«È arrivato il momento in cui le coscienze devono risvegliarsi. E in cui bisogna essere tutti uniti per battere questo schifo di governo, di incompetenti, di ladri, di bugiardi arroganti»: in un nuovo libro, lil testamento civile della grande scienziata.

 
30 ottobre 2011


Fare un estratto conto preciso al centesimo dei soldi a disposizione di questa lobby politico-finanziaria non è facile. La Cdo è una nebulosa proteiforme posizionata nell’area grigia tra profit e noprofit dove i dati pubblici sono merce rara. L’unica certezza è che negli ultimi anni, crisi o non crisi, ha continuato a crescere.

 
29 ottobre 2011


Ferdinando Imposimato è un magistrato che si è sempre opposto alla gestione criminale dell'alta velocità, a iniziare dalla tratta Roma-Napoli. Per questo è stato emarginato in modo bipartisan dai partiti ed escluso dalla Commissione antimafia. Il giudice Imposimato crede che gli stessi rischi di infiltrazioni mafiose attraverso collusioni politiche si possano manifestare anche nell'opera insensata della Tav in Val di Susa. Un'opera che non serve assolutamente a nulla se non alla spartizione di 22 miliardi a carico dei cittadini.

 
28 ottobre 2011


Siccome ai Moratti non basta essersi ingoiati le speranze e i sogni di Sarroch, con la sua raffineria Saras che ha di fatto impedito a qualsiasi altra attività sana di svilupparsi sul territorio, ora ci riprovano, questa volta con le trivelle su terraferma. In questi giorni infatti la Saras si prepara a trivellare in provincia di Oristano, fra i campi di fragole di località Arborea. Hanno già fatto le esplorazioni sismiche, sono contenti di quello che c'è sottoterra e cosi ora partono con il progetto "Eleonora" che include dei pozzi esplorativi.

 
27 ottobre 2011


“Alienum est a ratione”. È un latino facile. Vuole dire: “È fuori dalla ragione”, “fuori di testa “, “roba da persone disturbate mentalmente”. È un’espressione usata da Giovanni XXIII nell’Enciclica Pacem in Terris (1963), dove si afferma che ritenere che le guerre possano portare alla pace “alienum est a ratione”.

 
25 ottobre 2011


Per uscire dal coma non ci resta che pensare in grande. E per fare questo non bisogna perdere altre occasioni per trasformare la piazza da luogo di manifestazioni inutili e illusorie in una grande scuola di idee. I raduni oceanici di un giorno non servono, e si prestano a violenze d’ogni tipo.

 
25 ottobre 2011


Voi giornalisti, siete bastardi figli di troie! Tutti quanti! Di destra e di sinistra! Maledetti! Malati, assetati di macabro, pervertiti! Non sapete che cos’è il rispetto della privacy. Siete peggiori dei vampiri! Fatevi curare!

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20