Omelie 2021 di don Giorgio: NELLA CIRCONCISIONE DEL SIGNORE

1 gennaio 2021: NELLA CIRCONCISIONE DEL SIGNORE
Nm 6,22-27; Fil 2,5-11; Lc 2,18-21
Giornata della pace
È stato Paolo VI a istituire il primo dell’anno come Giornata della pace. Era il 1968. Da allora si sono susseguiti ogni anno messaggi sulla pace, vista da varie angolature, in senso anche socio-politico.
Forse qualcuno dirà che il primo dell’anno non è il giorno più adatto per riflettere su cose serie, dopo una notte di baldoria. Tuttavia una cosa è certa: il tempo passa, e ogni anno siamo qui, più che a ricordare un anno passato, da ammazzare, come si dice, con botti o altro, a pensare al presente che è sempre un inizio, che sia o no il primo dell’anno.
Ma che significa pace? Oggi è una parola troppo logora, da tutti usata, per coprire quel vuoto che è la mancanza della pace interiore.
Parole come pace, amore e giustizia hanno solo quella parvenza epidermica di una società epidermica. Se sganciate pace, amore e giustizia dal mondo dello spirito interiore, non avrete che parole parlate e non parole parlanti.
Primo brano
Il primo brano della Messa, secondo gli studiosi, è uno tra i testi più antichi della Bibbia. La formula di benedizione, attraverso Mosè, è attribuita a Dio stesso. I sacerdoti di per sé, se benedicono, lo fanno per il potere divino. Un prete non dovrebbe mai dire: “Io ti benedico”, ma “Il Signore ti benedice”.
Anzitutto, che significa ”benedire”? Il suo significato etimologico sembrerebbe banale: “dire bene”. Ma se prestassimo più attenzione alle parole “dire” e “bene”, allora vi troveremmo qualcosa di Divino.
“Dire” ovvero ”parlare”, richiama la Parola di Dio. Dio solo “parla”: Lui è il Verbo, il Logos, la Parola.
Ogni parola è dono, perciò “dire” significa dare, comunicare, offrire.
Solo Dio può donare, perciò solo Dio può parlare.
Noi siamo casomai il Dono di Dio, ovvero il Dono della Parola di Dio.
Noi diciamo solo cose, in tal caso ci allontaniamo dalla Parola di Dio che è il Dono di Se stesso, Gratuità assoluta, Essenzialità assoluta, Bene assoluto.
Dio non dà cose, perché non dice cose: Dio dona se stesso, perché dice se stesso.
Noi siamo il Dono di Dio, in quanto essere, non in quanto avere.
Le nostre parole sono parole di avere, perciò parliamo contro noi stessi, contro il nostro essere.
Quando parliamo tra di noi, a parlare è il nostro corpo o al massimo la nostra psiche. Lo spirito tace. Se lo spirito parlasse, nessuno ci ascolterebbe.
Il nostro corpo non ce lo ha donato Dio, ma i nostri genitori. Dio ci ha donato l’essere, ovvero lo spirito. Ce lo ha donato, e ce lo dona ininterrottamente.
Siamo composti di corpo, di anima, ovvero psiche, e di spirito. E noi, anche credenti, parliamo come corpo e come psiche, difficilmente come spirito.
E allora, all’inizio di questo nuovo anno, di che cosa abbiamo bisogno?
Che Dio ci faccia prendere coscienza che siamo anzitutto spirito.
E qui entra in gioco l’altra parola: “bene”. Bene-dire, ovvero dire o dare il bene. Ma quale bene?
Non possiamo non pensare a tutto quel mondo di carnalità, che noi riteniamo beni essenziali o assoluti (soldi, salute, buona posizione sociale, carriera, lavoro, ecc.), dimenticando o mettendo in secondo ordine quel bene, l’unico Assoluto, che è Dio.
Specifichiamo subito: dire Bene assoluto vuol dire un Bene che è sciolto da ogni condizionamento, perciò sciolto anche dalla religione, che è un legame.
All’inizio di un nuovo anno, che cosa dovremmo chiedere a Dio?
Non cose, ma che Dio doni se stesso, in quanto Bene assoluto, come il Dono più gratuito che possa esistere.
Non dobbiamo chiedere a Dio che ci ami. Forse che Dio non ci ama? Ma come ci ama? Qui sta il punto. La religione ci fa credere in un Dio che è l’esatto contrario di ciò che Egli è. Anche se non sappiamo nulla di Dio – è l’Indicibile per la sua stessa natura divina –, però possiamo pensare che Dio non è così come ce lo presenta la religione.
A me piace pensare che Dio non ami me stesso, ma ami in me Se stesso. Lui si ama sempre in quanto Bene assoluto, ed è questo che io sento o dovrei sentire quando rientro in me stesso: più scendo nel profondo del Pozzo, più Dio si rivela nel suo farsi amare per ciò che Egli è.
E che cosa succede? Càpita che ci aggrappiamo a cose o a beni particolari che ci separano da Dio, Bene assoluto, ed è qui la nostra infelicità, perché i beni particolari tolgono o spezzano la nostra tensione al Bene divino.
Giacomo Biffi (cardinale di Bologna dal 1984 al 2003), in un libretto a forma di intervista sull’aldilà, alla domanda: “Che cosa è l’inferno?”, dà questa risposta: l’inferno è la sospensione eterna della tensione del nostro essere a Dio. Qualcosa di sconvolgente! Pensiamo allo stato d’animo di chi tende verso una realtà, senza mai poterla raggiungere.
Secondo Biffi l’inferno non sarebbe una punizione nel fuoco eterno, come se quel condannato fosse costretto a odiare Dio per tutta l’eternità. Tutto il contrario. L’essere in quanto essere tende per la sua stessa natura all’Essere supremo, e l’inferno sarebbe una tensione che non raggiunge mai l’Essere divino.
All’inferno non ci sarà il corpo, lo spirito sarà nudo e la nudità renderà al massimo la tensione verso Dio. Mentre viviamo su questa terra, il corpo attutisce, se non addirittura spegne ogni tensione verso il Sommo Bene.
Perché Dio viene negato dagli atei o dimenticato dai credenti? È la carnalità che allenta o addirittura blocca la tensione verso Dio.
Non è paradossale che all’inizio di un nuovo anno siamo costretti a invocare la “benedizione divina”, come se avessimo bisogno di una scossa interiore perché lo spirito si svegli dal coma e con lo spirito si risvegli il mondo del Divino?
No, non è paradossale: è una esigenza!
Ed ecco l’altra invocazione contenuta nella benedizione: “Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace”.
Grazia e pace sono la stessa realtà. Sono beni interiori. Fuori, nella carnalità, c’è solo infelicità, violenza, e a nulla serviranno le marce della pace se prima non saremo rientrati in noi stessi.

2 Commenti

  1. Luigi Sirtori ha detto:

    E’ giusto dire: “Il Signore ti benedice” e non “Io ti benedico”. Il prete è solo uno strumento del Signore. L’aveva capito Francesco d’Assisi che inizia la preghiera semplice con: “Oh! Signore, fa di me uno strumento della tua pace: …” Sa cosa penso don Giorgio? Che finchè che non capiamo che il benessere non è il Bene dell’Essere resteremo schiavi della carnalità. Non saremo autentici Spiriti liberi. E le nostre testimonianze saranno solo formali e non credibili.

  2. MaM ha detto:

    STUPENDA, GRAZIE DON GIORGIO!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi