Sinodalità, per una comunità capace di fraternità e accoglienza

L’Arcivescovo, la moderatrice Claudia La Via e il cardinale Zuppi (foto Agenzia Fotogramma)
Sono riuscito, ma in due tempi, a vedere fino in fondo il video dell’incontro/confronto/dibattito tra due “giganti” della Chiesa di oggi, così sembra definirli la spigliata giornalista moderatrice.
So di essere il solito bastian contrario, ma non è che il dibattito mi abbia particolarmente entusiasmato. Cose scontate, già dette e ridette, senza notare quel decollare verso cieli e terre nuove.
A parte il nostro “piccoletto”, con qualche piglio ironico di rivincita campanilistica, osannante una diocesi enfaticamente tutta brio ed effervescenza, quasi modello venerabile per la Chiesa universale (felice lui così ottimista, peccato che vede solo ciò che vuole vedere, ovvero un apparato carnale che ha qualche risorsa eccezionale), ciò che mi ha particolarmente deluso è quella visuale di fede di Matteo Zuppi, cardinale di Bologna e Presidente della Cei, che in ogni occasione, con una noia anche irritante, insiste su una Chiesa “in uscita”, parlando anche di spiritualità, ma intesa a modo suo, senza mai pronunciare la parola “mistica”, rimasta ancora sepolta sotto strati e strati secolari di condanne e di voluti silenzi di una Chiesa sempre in difensiva, altro che in uscita o, chiariamo, in uscita sì, ma dal proprio mondo interiore, per cui avrebbe bisogno di rientrare “in casa”, secondo anche i suggerimenti dell’antico oracolo di Delfi: “Conosci te stesso, e così conoscerai te stesso e conoscerai la Divinità”.
La parola “sinodalità” deriva da “sinodo”, dal greco “σύν”, insieme, e “ὀδός”, via, cammino, dunque “camminare insieme”.
Spiegare le parole è indispensabile, tanto più se oggi vengono storpiate: che senso dare alla parola “sinodalità”, che sa troppo di vago o astratto?
Nel libro “Atti degli apostoli”, i primi credenti venivano chiamati “fratelli”, “santi” e “cristiani”, ma anche “quelli della Via” (il termine greco “odòs” fu tradotto dalla Chiesa con la parola “dottrina”, solo ultimamente è stato ripreso il senso originale di “cammino”).
Cammino che senso ha per la Chiesa?
Ma forse alla Chiesa interessa camminare “insieme”, stare uniti, fedeli alla struttura stessa della Chiesa.
Una volta l’“insieme” veniva imposto con la virtù dell’obbedienza, anche con i dogmi e le minacce; oggi si cerca di essere più diplomatici, ma l’intento è sempre il medesimo.
Forse la Chiesa istituzionale non vuole ancora capire che sta camminando fuori del messaggio di Cristo: messaggio che non è tanto una dottrina, casomai quell’invito pressante: “Metanoèite”, cambiate mentalità, il vostro modo di pensare, che sta all’origine di ogni conversione.
La Chiesa, dopo il Sinodo (2021-2023), decollerà verso cieli e terre nuove?
***
da www.chiesadimilano.it

Sinodalità,

per una comunità

capace di fraternità e accoglienza

Sul cammino in atto nella Chiesa italiana e nella Diocesi il presidente della Cei Zuppi e l’arcivescovo Delpini si sono confrontati nella serata conclusiva della Settimana dei Centri culturali cattolici
di Annamaria BRACCINI
La sinodalità non è, e non può essere, una moda, una parola astratta e vuota, ma è snodo cruciale, in questo crocevia della storia, per il futuro di una Chiesa che vuole essere ancora «capace di intercettare le istanze e i bisogni delle donne e degli uomini di oggi per portare il messaggio di sempre». A dirlo – pur con accenti differenti, derivanti anche dalle esperienze maturate alla guida delle rispettive Chiese locali – sono stati il cardinale Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Presidente della Conferenza episcopale italiana, e l’Arcivescovo, impegnati in un dialogo a 360 gradi su «La Chiesa, cantiere di comunione e dialogo. Percorsi di sinodalità in Italia e a Milano».
Una serata affollatissima presso l’Auditorium Giovanni Paolo II della parrocchia milanese di Santa Maria del Rosario, moderata dalla giornalista di Avvenire Claudia La Via, che ha concluso al meglio la Settimana dei Centri culturali cattolici della Diocesi promotori dell’iniziativa attraverso il loro Coordinamento, unitamente alla Zona pastorale I e al Cedac, storico Centro culturale fondato 43 anni fa da Walter Tobagi. Presenti in prima fila il vicario episcopale per Milano monsignor Carlo Azzimonti, il responsabile del Coordinamento don Gianluca Bernardini, il teologo Pierangelo Sequeri, il decano Giovanni Castiglioni, sacerdoti e animatori del Cedac, tra cui il 99enne Giorgio Bagliani, uno dei fondatori. A portare il suo saluto, anche a nome dei molti parrocchiani che non hanno voluto mancare a questo appuntamento di eccezione, il parroco don Marco Borghi.

Un cammino che parte dal basso

Dalle parole con cui papa Francesco ha definito la sinodalità – «non il capitolo di un trattato di ecclesiologia, tanto meno una moda, uno slogan o il nuovo termine da usare o strumentalizzare», ma ciò che esprime «la natura della Chiesa, la sua forma, il suo stile, la sua missione» – si avvia il confronto, nella convinzione che appunto per questo la sinodalità sia un «camminare insieme che parte dal basso», come dice il cardinale Zuppi. «La questione – aggiunge subito – è trovare i modi per farlo. Dal basso, sempre, ma anche con una rispondenza dall’alto perché cambino le forme dei percorsi condivisi; non per guardarci ancora una volta, ma per chiederci cosa ci chiede il mondo». Insomma, come già ha più volte indicato il Cardinale, «la sinodalità come esatto contrario dell’autoreferenzialità».
Concorde monsignor Delpini, che sottolinea il percorso realizzato con il Sinodo minore «Chiesa dalle Genti», avviato nel 2018 (vedi qui lo speciale), e con il Sinodo diocesano giunto al suo secondo anno (vedi qui lo speciale) dopo l’esperienza dei 56 Gruppi Barnaba decanali (su 63 Decanati), strumento di conoscenza delle realtà territoriali. Da qui la definizione della Chiesa ambrosiana come «esempio virtuoso di ascolto». «In questi mesi, attraverso il lavoro dei Gruppi Barnaba, abbiamo condiviso la gioia di raccontare quanto bene, magari sconosciuto, c’è nel territorio. La sinodalità è stato un lavoro di “mani”, più che di “carte”, e ciò implica una responsabilità: l’ascolto ci interroga non come professionisti cui si chiede una ricetta o una medicina, ma come discepoli in cammino, chiamati a compiere quell’aspetto della sinodalità che porta alla missione. Perché le persone sono sole? Perché sono disperate? Questo ci domanda una risposta. Lo strumento sinodale diventa così lo stile di una fraternità che diventa accogliente».
«La gente sola ci ferisce», osserva Zuppi che, parafrasando Delpini, scandisce: «Conservare la propria identità non significa rimanere al chiuso, anche se molti lo pensano. Questo è il pericolo maggiore. In termini comunitari e di Chiesa è la fine, perché il Signore ci ha sempre chiamati per andare. Bisogna farsi ferire dalle situazioni di solitudine e povertà e domandarsi cosa fare: la missione è questa. Non a caso le parole del Sinodo generale (vedi qui lo speciale) sono partecipazione, comunione e missione, ma il punto di partenza rimane la compassione. Se un nucleo familiare su tre in Emilia Romagna (ma il dato non è puramente regionale), è composto da una sola persona, vorrà dire qualcosa e ci deve interrogare». Così come devono farlo le migrazioni, su cui torna l’Arcivescovo in riferimento al Sinodo minore.

La Chiesa dalle genti

«A lungo i migranti sono stati interpretati come un capitolo riguardante solo la Caritas. In verità si è visto che l’enfasi sulla disperazione di alcune situazioni – come il naufragio dei barconi anche di questi giorni – ci abbia impedito di vedere le migliaia di persone che sono tra noi, magari impegnate in lavori che gli italiani non fanno più. Il Sinodo “Chiesa dalle Genti” è nato dall’intuizione che coloro che vengono da ogni parte del mondo arricchiscono la Chiesa di Milano. Non si tratta unicamente di assistere dei poveri, né di integrarli perché ci assomiglino, ma di avere consapevolezza che sono “germogli”, la possibilità di allargare l’orizzonte di questa nostra Chiesa che invecchia e che deve cambiare perché è cambiata la società».
Un percorso impegnativo – non si nasconde il Pastore di Milano – «che non è già segnato o compiuto, ma per il quale dobbiamo chiedere il dono dello Spirito, ricordando che la Chiesa ha il compito di annunciare il Vangelo che è come una carezza, ma anche come una profezia che contesta. Io credo che un segno di cui abbiamo bisogno sia la gioia. La città è piena di modi di divertirsi, ma forse abbiamo smarrito il segreto della gioia, di come incontrarla, così come la speranza. Dobbiamo imparare a dire alla città che c’è una ragione per cui vivere, anche se pare non interessare a nessuno. La sinodalità diviene, allora, quel convenire che permette di decidere le vie della missione. Non basta produrre parole o documenti, dobbiamo essere un segno del Regno che viene».

La sinodalità del buon vicinato

Dal titolo del primo Discorso alla Città dell’Arcivescovo «Per un’arte del buon vicinato» (2017, vedi qui lo speciale), riparte il cardinale Zuppi per delineare il senso di una sinodalità ordinaria che è missione: «Il vantaggio di questo momento, tra la pandemia e l’altra pandemia di domande che è la guerra, è la consapevolezza di essere nella stessa barca che può permetterci di riprendere una comunicazione con i nostri compagni di strada. Quando ci si accorge del peso della solitudine, occorre un linguaggio diverso per annunciare il messaggio di sempre. La Chiesa italiana ha scelto la definizione di cammino sinodale, lasciando un orizzonte di riferimento volutamente aperto. Camminare insieme significa anche interrogarsi sui ministeri (infatti nel Documento generale vi è anche una riflessione sul Clero) perché la Chiesa non vive per se stessa, ma per raggiungere tutti», spiega ancora l’Arcivescovo di Bologna, richiamando il valore dei suoi incontri con disabili e carcerati.

Il contributo della Chiesa ambrosiana

Il pensiero dell’Arcivescovo va a ciò che anche la Chiesa ambrosiana può e deve fare: «Spesso il racconto del presente tratteggia una specie di giudizio universale che fa torto a una situazione dove c’è anche gran bene. Mi pare, invece, che un aspetto bello della narrazione potrebbe essere il tema della conversazione, che è il modo con cui ci si ascolta a vicenda e si cerca insieme: un ascolto attivo. Proprio perché sappiamo chi siamo, possiamo forse accendere un po’ di fuoco per avere una città più accogliente. La conversazione è un modo di abitare un mondo come una casa: questo è stato lo stile dei Gruppi Barnaba, a cui dobbiamo molto. Mi sembra che il cambiamento delle parrocchie sia uno dei fattori fondamentali per riflettere. La Chiesa di Milano deve essere grata al Papa che ha messo in atto un movimento e una consultazione capillare che forse non è mai stata fatta nella storia».
Arriva, così, la parola «eccoci». «Eccoci, perché abbiamo qualcosa da offrire al volto di Chiesa che il Papa vuole costruire. Mi commuove pensare che questa terra di Milano è una terra di santi come Gianna Beretta Molla, don Gnocchi, Armida Barelli, don Mario Ciceri, don Luigi Monza, pur tanto diversi tra loro. Questa fioritura di santità può contagiare la gente, così come il numero di missionari che da Milano sono partiti e che partono per aiutare. Questa terra è generosa, si fa carico volentieri del dolore del mondo. Aiutateci, poveri del mondo, a comprendere la beatitudine della povertà, aiutateci ad amare la vita al punto di donarla e di mettere al mondo bimbi, perché la società non sia fatta di celle di eremiti».
Sul ruolo della nostra Chiesa conclude anche il cardinale Zuppi: «La Chiesa ambrosiana, con il suo rito, ha una caratterizzazione così forte che significa anche un grande esempio e un’indicazione per la Chiesa del futuro, al fine di saper cogliere e valorizzare le diversità e perché questo porti a essere un poliedro, per usare l’immagine di papa Francesco, oltre la tentazione dell’uniformità. Non è un cammino scontato. Abbiamo enorme bisogno, come si fa qui, di sapere coniugare le tante realizzazioni fattuali con la contemplazione e con la cultura, perché la nostra esperienza di cristiani nel mondo possa diventare chiave per interpretarlo e ponte di collegamento. La missione, la diversità nella comunione, la modernità spirituale e la cultura sono una responsabilità».

2 Commenti

  1. Simone ha detto:

    Io ho provato a seguire il dibattito ma ho interrotto dopo 20 minuti scarsi. L’ho trovato noioso e senza troppi spunti. Sembra quasi che gli interlocutori fossero obbligati a parlare di qualcosa che in realtà non praticano.
    Trovo questa movimento verso la sinodalità un cammino già visto in molte aziende che si pongono un obbiettivo ma sanno che sarà solo una facciata. Quante volte ho sentito parlare di partecipazione nelle scelte strategiche ma poi alla fine l’ultima parola rimaneva sempre a chi comanda. Camminare insieme è una bella definizione ma si pone in contrasto con la struttura gerarchica della Chiesa. Camminare insieme verso quale direzione? Quella del Vangelo? Quella che la sensibilità collettiva riconosce come la ‘giusta strada’? Oppure quella imposta dall’alto? E quindi questo movimento ha lo scopo di ricacciare le persone in un recinto e controllarle con l’autorità come si faceva prima con i sensi di colpa e i precetti?
    Insomma mi sembra di percepire, ma forse sbaglierò, evidenti impatti sulla struttura di potere della Chiesa in questo spot sulla sinodalità. Come dire, se non modifichi qualcosa nella struttura in alto questo rimarrà solo uno spot che riempie convegni e annoia la gente. Il rischio è che rimanga qualcosa di intangibile e la mia sensazione è che parte del clero spera che questo tentativo venga presto archiviato per passare ad altro. Peraltro i gruppi Barnaba non sono stati istituti in tutti i decanati e nella maggior parte dei casi sono composti da componenti degli attuali consigli pastorali o da ex e quindi ricadiamo sempre nei fanatici,nei preti mancati o nei baciarosari. Insomma non stiamo uscendo dalla sempre più ristretta cerchia dei praticanti.

    • Don Giorgio ha detto:

      Ho visto tutto il video, in due tempi, perché mi sembrava corretto arrivare alla fine per poi dire la mia, anche se, prima di vederlo, non mi aspettavo certo chissà quale novità. Di Delpini sappiamo già tutto, non possiamo aspettarci qualche miglioramento, ma sentirlo enfaticamente esaltare la diocesi milanese, quella attuale, sinceramente mi ha mandato ancor più in crisi.
      E mi ha ulteriormente deluso Matteo Zuppi, per la sua visuale di Chiesa ancora carnale. Non dico altro.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi