Un Mario Draghi super su tutto e su tutti

Un Mario Draghi super su tutto e su tutti

Ho già parlato di un’orgia mediatica tra opportunisti malati di audience per di più redditizio economicamente e filosofi o cattedratici, le cui cisterne di cultura sono “screpolate (direbbe ancora il profeta Geremia).
Ma qualche faro di saggezza non manca, per fortuna, e si distingue proprio perché questa società, soprattutto italiana, è talmente tenebrosa che basta un raggio di luce per dare qualche speranza.
Di Mario Draghi all’estero riconoscono la bravura e l’intelligenza acuta, ma qui in Italia la stupidità è tale che si preferisce essere auto-lesionisti.
Malati di masochismo, gli italiani si godono orgasmi, quando vorrebbero distruggere il giusto, amando il marcio.
Mario Draghi sulla guerra in Ucraina ha sempre avuto una netta diciamo radicale diciamo intelligente convinzione, ed è così chiara e giusta che insiste nell’esprimerla in ogni occasione.
In breve: gli ucraini devono vincere questa guerra, tanto ingiusta da non accettare minimamente che ci possano essere dubbi.
L’Ucraina va aiutata anche con le armi perché possa difendersi dall’ingiusto criminale bastardo oppressore, l’esercito russo agli ordini di un folle chiamato Putin.
Inoltre, solo gli ucraini hanno il diritto di una eventuale pace: la pace non sopporta compromessi o sedersi attorno a un tavolo e accettare le condizioni del criminale oppressore.
Giustamente l’Ucraina esige la restituzione delle sue terre, ingiustamente occupate.
Guai se l’Ucraina perdesse questa guerra, perciò deve resistere al criminale, il quale, se gli ucraini dovessero cedere, si sentirà poi in diritto di occupare tutte le terre che vuole, e questo si chiama “ingiustizia” che scatenerà altre guerre.
Lo ripeterò sempre: la pace si fonda sulla giustizia, e la giustizia non è mai un compromesso tra i prepotenti e gli innocenti.
I pacifisti sono idioti, ovvero ciechi e ottusi: pretendono di sistemare gli squilibri del mondo su una pace fondata sulla resa.
La Chiesa ha le idee parecchio confuse, contorte, e questo papa continua a dire imbecillità, cretinerie, dimostrando quanto la Chiesa cattolica sia nel buio più totale.
Avere le idee chiare oggi sembrerebbe quasi impossibile: la confusione che regna è tale che è difficile distinguere il torto dalla ragione, ma ciò che confonde e annebbia la mente è quel conformismo o, diciamo meglio, quell’opportunismo, frutto di utilitarismo oscenamente egoistico per cui anche le religioni non dipendono dalla giustizia, ma da tutto ciò che procura benessere materiale o quello star bene, che in fondo non è che uno star male, dentro.
Mario Draghi è forse l’unico, con Sergio Mattarella, che sta lavorando seriamente per la pace, proprio perché è forse l’unico tra i politici (anche se
Draghi non è un politico in senso stretto) ad avere idee chiare sulla giustizia.
Questo Draghi mi piace, perché le sue idee sulla giustizia e sulla pace collimano con le mie.
Ogniqualvolta lo sento parlare mi consolo, pensando che il mio pensiero è uguale al suo.
Duro e schietto, duro con i forti e schietto con i deboli.
Gli italiani capiranno prima o poi che la loro salvezza dipenderà dal loro consenso a Mario Draghi, piuttosto che a una petulante e ridicola Meloni o a un osceno disfattista di nome Matteo Salvini.
Certo, sto male pensando che la Chiesa cattolica sia così diabolica da mettere nello stesso calderone le ragioni e i torti, criminali e innocenti, forse per quel senso di pacifismo ecumenico, per cui anzitutto quell’osceno tenere insieme i buoni e i cattivi, e in seguito quel voler una pace, un coacervo di emotività carnali, come se bastasse per una pace autentica e duratura mettere nella stessa stalla porci e agnellini, lasciando che i porci divorino gli agnellini, in obbedienza devota agli ordini del più forte.
Se anticamente la Chiesa era la prima a distinguere i lupi dagli agnelli, i dissidenti dagli obbedienti, con dure condanne che tutti ben conosciamo, oggi sembra caduta nell’eccesso opposto in nome di uno sciocco ecumenismo, per cui tutto fa brodo, tutto serve per fare un bel minestrone.
Ma una cosa univa gli intenti della Chiesa ai tempi imperiali e unisce gli intenti della Chiesa di oggi: stare sempre dalla parte del più forte, sempre con lo scopo, così si dice, di convertire soprattutto i lupi, convincendo gli agnellini a sottomettersi al loro volere.
C’è anche una notevole differenza: ai tempi della Mistica medievale c’era un tale nobile dissenso da far tremare la Chiesa istituzionale e gli imperi politici, che son dovuti ricorrere alla violenza fisica: oggi non c’è più bisogno che i prepotenti ricorrano alla forza, tanto la Chiesa gerarchica è in balìa del nulla e i credenti se ne infischiano, perché si godano la propria vita nel “migliore” dei modi, ovvero nel consenso a tutto ciò che i populisti promettono e la Chiesa supinamente approva.

8 Commenti

  1. Martina ha detto:

    Mario Draghi è come una Ferrari come don Giorgio.
    Visioni chiare e lucide da sempre e un gran senso del dovere e della giustizia per entrambi.
    Don Giorgio in più, una elevazione Mistica.
    Mentre Mario Draghi viaggia come pochi sanno fare, chi lo circonda è da rottamare.

  2. Federico ha detto:

    Mario Draghi è il miglior Presidente del Consiglio che abbiamo avuto negli ultimi anni e, forse ingenuamente, spero che rimanga anche dopo le prossime elezioni. Concordo in pieno con la decisione di aiutare l’Ucraina anche con l’invio di armi. Tuttavia mi chiedo: Putin essendo un dittatore criminale accetterà mai una sconfitta militare? L’Ucraina riuscirà mai a prevalere riprendendosi la Crimea ed i territori oggi occupati dai Russi?
    Ho paura che ancora moltissimi civili moriranno.

    • Dario ha detto:

      Leggo ora questo commento e vorrei a mia volta dire qualcosa. È evidente che dobbiamo continuare a fornire armi difensive all’Ucraina, è un dovere morale combattere contro un invasore. Se tuttavia vogliamo tentare una previsione degli eventi futuri il mio semplice parere è che la NATO non abbandonerà mai l’obbiettivo (dichiarato) di indebolire la Russia e che la Russia non accetterà mai di essere sconfitta. Come ultima risorsa userà le armi nucleari tattiche di cui dispone (meno di 1 kilotone) e la NATO non potrà farci niente.
      Col senno del poi potremmo dire che molto prima dell’invasione, l’intelligence USA sapeva di questa intenzione. Ebbene, Biden avrebbe dovuto chiamare Putin e sollecitare un incontro per spegnere questa miccia e sollecitare dei negoziati con l’Ucraina che prima o dopo dovranno avvenire. Ha voluto invece seguire la spinta dei militari che volevano un confronto col nemico di sempre, ed ecco quello che hanno ottenuto.

      • Don Giorgio ha detto:

        NATO o non NATO, una cosa OGGI è certa: c’è un aggressore a dir poco criminale e c’è una Nazione libera e democratica che è stata aggredita. Non c’è alcuna ragione perché si scatenasse una guerra. Putin è da condannare e da punire, e la pace si avrà secondo quella giustizia che punisce gli aggressori senza se e senza ma. La pace dovrà essere detta solo dalla giustizia e non dalla diplomazia che misura i se e i ma. La diplomazia fatta di compromessi ha sempre creato premesse di altre guerre.

        • Dario ha detto:

          Esatto, ed è per questo che Biden avrebbe dovuto fare l’impossibile per impedire la guerra con la diplomazia. Ora è tardi e la carneficina continuerà fino a che la Russia oppure l’Ucraina non si arrenderanno. Io credo che ciò sarà impossibile e questo è molto triste.

          • Don Giorgio ha detto:

            Credo che fare dietrologia è sempre superficiale e inutile. Una cosa è certa: non è l’Ucraina a doversi arrendere, ma la Russia a doversi ritirare dai territori ingiustamente occupati. Senza se e senza mai. Tutto il resto è discorso di opinionisti pantofolai, da salotto televisivo. Alla Orsini, il pirletta da quattro soldi.

  3. Patrizia ha detto:

    Grande super Mario, ma anche grande Don Giorgio.

  4. luigi egidio ha detto:

    Quanti la pensano come lei don Giorgio su Draghi e sulla Chiesa? Penso siano una minoranza. La (s)fortuna delle minoranze è legata alle divisioni della maggioranza. A Verona il vescovo prende i gender per orientare il voto su Sboarina visto i contrasti con Tosi. Come Draghi non è uno stupido, non lo sono gli uomini di Chiesa. Sono dell’idea che sulle ideologie, le fedi ed altro prevalgano gli interessi economici che sono la forza del capitalismo. Il comunismo è fallito più per gli interessi economici che per l’ideologia. Su questo stanno giocando sporco a danno degli ucraini non solo i russi ma tutte le altre potenze Cina in primis, India … Le titubanze dell’UE e degli USA vanno a vantaggio della Russia e su questo Draghi ha le idee chiare per questo è super.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi