Quebec, striscione degli indigeni durante la messa del Papa: “Cancella la dottrina”

www.ilfaroonline.it

Quebec,

striscione degli indigeni

durante la messa del Papa:

“Cancella la dottrina”

Quella che gli indigeni chiedono al Papa di ripudiare è la “Dottrina della Scoperta”, un aspetto su cui fazioni indigene continuano a spingere anche dopo che il Pontefice ha espresso le sue storiche scuse per gli orrori delle scuole residenziali. Ecco di cosa si tratta
di Redazione – 28 Luglio 2022
Quebec – Momenti di tensione all’inizio della messa di Papa Francesco nel santuario nazionale canadese di Sainte-Anne-de-Beaupré, nella città di Quebec, dove un gruppo con insegne di indigeni ha innalzato uno striscione davanti all’altare con la scritta “Rescind the doctrine”, ovvero “cancella la dottrina”.
Gli agenti della sicurezza hanno quindi fatto rimuovere lo striscione, senza particolari resistenze da parte dei manifestanti, che si sono allontanati e recati all’esterno della chiesa (dove hanno riesposto lo striscione), senza momenti di eccessiva turbolenza.
Quella che i manifestanti indiani chiedono al Papa di ripudiare è la “Dottrina della Scoperta”, un aspetto su cui fazioni indigene continuano a spingere anche dopo che il Pontefice ha espresso le sue storiche scuse per gli orrori delle scuole residenziali.
La dottrina a cui si fa riferimento è un pronunciamento della Chiesa cattolica vecchio più di 500 anni che diede libero sfogo alle potenze coloniali per invadere qualsiasi terra non ancora “scoperta” dai cristiani.
La Dottrina della Scoperta ebbe origine sotto forma di bolle papali, editti emessi dalla Chiesa cattolica nel XV secolo per autorizzare Portogallo e Spagna a colonizzare, saccheggiare e schiavizzare l’Africa occidentale e le Americhe. Altre potenze coloniali presto seguirono l’esempio e la dottrina divenne la base per la schiavitù e le rivendicazioni europee sulla terra e sui popoli indigeni.
Secondo alcuni gruppi indigeni canadesi, ancora oggi si sentono gli effetti di quella dottrina, sotto la forma dei traumi nelle scuole residenziale, l’Indian Act, il sistema delle riserve, la crisi dell’acqua pulita nelle comunità indigene e altro ancora.
“Da parte del Papa non basta la ricerca del perdono e della riconciliazione, non avendo ancora sentito nulla sul ripudio della Dottrina della Scoperta, da cui deriva gran parte della legislazione politica su quello che essi ritengono un vero ‘genocidio’, appunto l’Indian Act, le scuole residenziali, la creazione delle riserve”, spiega Judy Wilson, capo della Neskonlith Indian Band e segretario-tesoriere dell’Unione di B.C. capi indiani. In altre parole, le scuse del Papa sono prive di significato senza annullare la Dottrina della Scoperta, cosa che solo lui può fare.
Trudeau: “La Chiesa affronti la Dottrina della Scoperta”
Il primo ministro Justin Trudeau “ha ringraziato Papa Francesco per aver visitato il Canada per impegnarsi con i popoli indigeni nelle loro terre ancestrali, riconoscere le verità sul sistema scolastico residenziale e riconoscere la sua dolorosa eredità per i popoli First Nations, Inuit e Métis in Canada”. Lo si legge in una dichiarazione del primo ministro dopo gli incontri di ieri con il Papa e con il cardinale segretario si Stato Pietro Paorolin nella ‘Citadelle de Quebec’.
“Dopo le scuse personali che Papa Francesco ha consegnato ai sopravvissuti, alle loro famiglie e alle comunità lunedì, a Maskwacis, Alberta”, il premier, il Pontefice e il cardinale Parolin hanno discusso “dell’importanza del continuo e significativo impegno della Chiesa cattolica romana con le Prime Nazioni, gli Inuit, e Métis nel promuovere la guarigione e la riconciliazione”.
Hanno anche discusso “della necessità che la Chiesa intraprenda azioni concrete per rimpatriare manufatti indigeni, fornire accesso ai documenti delle scuole residenziali, affrontare la Dottrina della Scoperta e garantire giustizia per i sopravvissuti, anche per il caso Rivoire”. Trudeau “ha sottolineato l’impegno continuo del governo canadese a tracciare un nuovo e migliore percorso da seguire con i popoli indigeni e tutti in Canada”.
Sempre il primo ministro Trudeau e Papa Francesco “hanno anche discusso di sfide globali senza precedenti, tra cui la pace e la sicurezza in Ucraina e gli impatti globali dell’insicurezza alimentare, in particolare per i più vulnerabili del mondo». Il premier e il segretario di Stato hanno inoltre «scambiato opinioni su questioni relative alla migrazione di massa e ai cambiamenti climatici e hanno auspicato un ulteriore rafforzamento delle relazioni tra il Canada e la Santa Sede”. (fonte Ansa)

1 Commento

  1. Andrea G ha detto:

    Da quando sono al mondo, non ho mai visto cose simili: questo pontefice è così autorevole da guadagnarsi striscioni contro, o comunque non di esaltazione come avveniva in passato. Non voglio entrare nel merito della questione dottrinale, e non importa che il consenso sia sempre alle stelle, ma che senso ha tutto questo? Aveva e ha ancora un’occasione da non perdere, recarsi a Mosca o a Kiev e contribuire davvero alla Pace e alla Giustizia. Invece non è altro che una “trottola” come quello di Milano…

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi