Vescovo Zenti, quando te ne vai a riposare… in pace?

da IL GAZZETTINO

“Silurato” don Campedelli,

aveva criticato le posizioni elettorali del vescovo:

Zenti gli toglie l’insegnamento

30 Giugno 2022
VERONA – Il vescovo Zenti è in attesa del successore. Nel frattempo, con la sua uscita in campagna elettorale, “letta” a favore del candidato Sboarina, non ha raccolto ascolti, quando invece l’altro candidato Tommasi, molto sospinto dai giovani, e non solo, di oratori e parrocchie, ha vinto la sfida elettorale. Il prelato ha pensato bene di silurare dall’insegnamento don Marco Campedelli, il sacerdote che aveva “osato” con una lettera aperta criticare il vescovo nella sua posizione esternata a favore del sindaco uscente, il quale dopo le sue esternazioni aveva anche avuto esplicitati i consensi di ambienti Lega e Flli d’Italia.

don Marco Campedelli

Il grazie di Montevecchi a Zenti

Ad esempio Matteo Montevecchi, della Lega, così aveva salutato l’esternazione di Zenti: «Grazie al vescovo di Verona Zenti per la sua chiarezza e le sue importanti parole. I politici di sinistra lo hanno preso di mira perché in una lettera ha ricordato che alle elezioni i cattolici dovrebbero premiare chi ha cuore la famiglia voluta da Dio e non alterata dall’ideologia gender. Ha fatto bene. Abbiamo tanto bisogno di pastori come lui».

Rete Studenti con Campedelli

Dopo il “licenziamento” di Campedelli, oggi la Rete Studenti Medi ha preso subito posizione: «Il docente di religione Marco Campedelli è stato licenziato dal suo incarico al liceo Scipione Maffei dal vescovo Zenti. Una notizia che ci lascia amareggiati, in linea con le posizioni che il vescovo ha tenuto per tutta la campagna elettorale, durante la quale ha rilasciato dichiarazioni pesanti per un vescovo, invitando i suoi seguaci a votare Federico Sboarina. Questa volta – si legge nella nota degli Studenti – ha superato le semplici parole, utilizzando il potere decisionale nelle sue mani per attaccare un docente che ha dissentito apertamente con le sue imposizioni attraverso una lettera aperta, pubblicata da svariati giornali locali. In questa lettera il docente ha denunciato le sue perplessità verso la politica propagandistica del vescovo attraverso un’analisi lucida e profonda, ponendo una serie di riflessioni sul ruolo della Chiesa e sul suo rapporto con la politica. Come comunità studentesca e come suoi alunni siamo laicamente e sinceramente dalla parte del prof Campedelli, che con coraggio ed onestà sta cercando di scardinare gli atteggiamenti reazionari che tentano di imporre dogmi religiosi nella politica».

Le accuse del don: «Preti devono solo obbedire?»

Don Campedelli aveva scritto, tra l’altro: «L’iniziativa del vescovo Zenti può essere considerata un incidente di percorso? Guardando indietro non si può invece leggerla come iscritta nel suo modo di porsi rispetto alla città? E al suo modo di interpretare il ruolo di vescovo? Nel 2015 cambiavano i destinatari: gli insegnanti di religione a cui indicava di sostenere la candidata di Salvini per le elezioni, adesso i destinatari sono i preti e i diaconi… Il vescovo Zenti – ha proseguito Campedelli – vietò a un consistente gruppo di giovani di una parrocchia cittadina di fare una esperienza ecumenica, creando un vero disagio in quei ragazze e ragazzi, che si erano studiati il Concilio e il cammino ecumenico delle Chiese. Quanto incidono certi divieti nel vissuto di un giovane che vorrebbe una Chiesa aperta e conviviale?». E poi scriveva una serie di domande: «Il Sinodo è patrimonio di una Chiesa o è proprietà di un vescovo? Per esercitare il proprio ruolo bisogna sempre appellarsi al principio di autorità? L’autorità va sempre di pari passo con l’autorevolezza? Oggi nel 2022, c’è bisogno che il prete dica ancora alla gente che cosa votare? Siamo sicuri che i laici e le laiche circa le vita, con la sua concretezza, siano meno esperti dei preti (che circa la vita in realtà sono sempre un po’ in ritardo)? Perché il vescovo Zenti su certi temi nella lettera è così preciso e dettagliato? Parla di “gender”, “scuola cattolica”, ma su altri è così generico come “ accoglienza dello straniero”. Perché allora in questo caso non parlare di “ius soli” o di “ius culturae”? Perché il vescovo Zenti ha messo cosi tanto zelo nel voler ostacolare e chiudere esperienze in città e in provincia particolarmente attente al dialogo con le diversità? Come San Nicolò all’Arena o Marcellise?».

«Una Chiesa senza dialogo può restare viva?»

E inoltre: «Si dice che la Chiesa non sia una democrazia. E questo sarebbe un motivo sufficiente per non esprimere il proprio dissenso? Per cercare di aprire nuovi cammini? I preti devono sempre obbedire? E cosa significa obbedire? Una Chiesa che non custodisce il dialogo critico, l’intelligente dissenso, può mantenersi viva?». «Come potete vedere sono solo domande – scriveva Campedelli nella lettera aperta -. Perché il senso di queste parole è provocare un dialogo, un confronto, un intelligente e responsabile dissenso. Una Chiesa viva deve rinunciare a questo? Un’ultima domanda: non è vero che ciò che viene mormorato nelle segrete e sacre (anche virtuali) stanze, alla fine, per fortuna, viene gridato dai tetti?».

1 Commento

  1. simone ha detto:

    Sinceramente sono contento quando accadono questi scandali che definirei “rivelatori”. Sì perchè la situazione è diffusa in tutte le diocesi, grandi o piccoli, ma ultimamente sembra che esistano un numero maggiore di preti capaci di uscire dal coro ossequioso verso il proprio Vescovo ed alzare qualche critica. In Italia siamo ancora allo stadio 1 dove il Vescovo non è criticabile e in alcuni casi nemmeno il parroco. Il prete che critica il Vescovo viene spedito nel paesino sperduto con 4 vecchietti ad espiare oppure punito come don Campedelli. Il laico che critica il parroco, se non il vicario, viene isolato nella comunità, cancellato da ogni cosa e costretto a cambiare parrocchia (vedasi il sottoscritto).
    Il vescovo Zenti, fortunatamente, ce lo leveremo presto dai piedi e questo scandalo velocizzerà il processo ma il problema son tutti gli altri identici nella forma e nella supponenza. E questi parlano uno giorni sì e l’altro pure di sinodalità. Gente falsa e senza la minima decenza morale. Chiariamo, quando si parla di pastorale o governo della chiesa il prete è tenuto, anche se pure su questo ci sarebbe da discutere, ad obbedire al Vescovo. Dico così perchè se il Vescovo prende decisioni pochi illuminate che si fa? Bisogna obbedire ciecamente ad una castroneria? Non a caso dovrebbero esistere i consigli che illuminati dallo Spirito dovrebbero sostenere ed aiutare il Vescovo nelle scelte. Di fatto son popolati da zerbini che rettificano le idee illuminanti o meno del Vescovo.
    Ma quando il Vescovo parla di politica, di orientamenti politici ma vorrei capire che obbedienza dovrebbe garantire un suo prete? Stiamo parlando di un ambito che esula.
    Ah vero, il vecchio parroco del mio paese è stato di fatto anche sindaco e i vari sindaci popolari che si son susseguiti han sempre preso le decisioni in casa parrocchiale e non in consiglio comunale. Vero anche che tutti i preti nativi del mio paese e con la residenza, ai tempi era raro cambiarla ogniqualvolta ci si spostava per ministero, andavano prima dal parroco e poi al seggio a votare il sindaco. Ma son particolarità del passato. Il modo in cui ha agito questo Vescovo è a dir poco maldestro oltre che imperialista. Siamo arrivati a togliere il diritto di oppinione ai preti. Non contento ha cercato di ritrattare le cose passando per vittima, definendosi ferito e risentito e ricordando che lui prega per don Campedelli e che spera si converta e ritorni in comunione col Vescovo.
    Qui siam noi che dobbiamo pregare per lei e sperare che presto la sollevino dall’incarico che non è più in grado di sostenere. Dobbiamo pregare perchè mandino un Vescovo capace di far crescere i suoi preti; non come tanti soldatini ma come uomini maturi e liberi.
    Vescovo Zenti rifletta prima di peggiorare ulteriormente la situazione; il silenzio, in certi casi, è la strada migliore.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi