Le battute infelici del vescovo della Diocesi più grande del mondo

di don Giorgio De Capitani
Già ho i miei pregiudizi, che in realtà non solo tali, avendo alle spalle una esperienza personale che è reale, realissima, e che mi ha segnato nel profondo, se poi Mario Delpini, neo vescovo di Milano, fa di tutto per confermare ciò che penso di lui, beh, allora, sarebbe da sciocco da parte mia far finta di nulla, e buttare la faccenda su una questione del tutto personale.
C’è in gioco anche l’onorabilità di una Diocesi, quella milanese, che senz’altro non merita di essere trattata come un giocattolo con cui trastullarsi.
Accetto tutto, anche una nomina che non rientrava nelle mie aspettative e nelle aspettative della maggior parte del clero milanese. Ma non accetto certi giochi, come ad esempio di Bergoglio che teme che qualche diocesi possa offuscare la sua immagine di leader indiscusso. Questo Papa è riuscito a farci rimpiangere un certo passato: Papa Benedetto XVI, e ora mi sta facendo rimpiangere, con la nomina di Mario Delpini, il suo precedessero Angelo Scola.
Che volete, io non sopporto le marionette e chi le manovra, tanto più se queste marionette fanno la parte del giullare di corte.
Che volete, io non sopporto che l’arcivescovo della più grande diocesi del mondo reciti barzellette o faccia battute di cattivo gusto, soprattutto in contesti solenni in cui parole fuori posto, battute stupidamente ironiche offendono anche le mura del Duomo.
Certo, non faccio una malattia per queste sottigliezze, e le sopporterei anche se il neo vescovo dicesse anche qualcosa di veramente elevato, oltre alle solite cose trite e ritrite, frutto di una mentalità quadrata di un cervello quadrato.
Sì, non sarà che un burattino nelle mani di papa Bergoglio. Non si permetterà di fiatare, fuori comando. Se ne guarderà ben dal contestarlo, ma lo imiterà soprattutto nello stile goliardico di un pontefice tanto banale da interessare solo gli sprovveduti o i soliti atei devoti che cercano consenso all’ombra del consenso altrui, quando soprattutto questo “altrui” sembra offrire il paradiso anche per un piatto di lenticchie.
Posso anche accettare che il neovescovo di Milano sia tutto obbediente ai voleri del Papa, ma che lo faccia con una certa dignità. La Cattedra di Sant’Ambrogio non sopporta di essere ridicolizzata da cabarettisti.
7 ottobre 2017 Beatificazione di Padre Arsenio – il saluto dell’Arcivescovo di Milano mons. Delpini
Per conoscere il contesto dell’intervento di Mario Delpini
leggi qui

 

 

3 Commenti

  1. Patrizia ha detto:

    Visto come ha trattato don Giorgio, speriamo che gliela faccia anche a lui una grazia.

  2. Giuseppe ha detto:

    So molto poco della diocesi di Milano. Credo sia fatta risalire a san Barnaba, amico e compagno di viaggio di san Pietro, ma che abbia assunto un ruolo fondamentale grazie a sant’Ambrogio, al punto da essere chiamata ambrosiana, e che ha la prerogativa pressoché unica di avvalersi di un calendario liturgico e un cerimoniale dei riti in parte differente da quello universalmente adottato dal resto della chiesa cattolica. Che la sua estensione è molto vasta, perché oltre a comprendere i territori della provincia di Milano ha giurisdizione anche su buona parte di quelli di quasi tutte le altre provincie lombarde. E so anche , ovviamente, che è stata spesso retta da personaggi insigni come san Carlo Borromeo, Achille Ratti (Pio XI), Shuster, Montini (Paolo VI) e Carlo Maria Martini. Per questo penso di essere il meno indicato ad esprimere un giudizio e, tantomeno, fare un paragone tra l’attuale arcivescovo e chi l’ha preceduto. Mentre, avendo una mia opinione su papa Francesco, pur rispettando i punti di vista altrui, preferisco evitare altri motivi di polemica. Potrei solo dire che è molto diverso da Benedetto XVI. Il quale, essendo un eminente teologo, a mio avviso, aveva provato ad impostare il suo pontificato su basi dottrinali, mentre non si trovava a proprio agio con l’attività “burocratica” e di governo che il suo ruolo comportava. Mi risulta inoltre che fosse proprio il cardinal Martini a caldeggiare la candidatura di Bergoglio nell’ultimo conclave a cui prese parte.
    Posso dire qualcosa, invece, riguardo alla mia esperienza diretta, avendo vissuto a Milano per motivi di lavoro, in maniera discontinua nell’arco di tre anni, tra la fine del 1968 e l’estate del 1971. Soggiornavo presso il pensionato degli Scolopi, adiacente alla parrocchia di San Giuseppe Calasanzio, in via don Gnocchi, zona San Siro ed essendo molto giovane avevo a che fare di frequente con Padre Livio Fanzaga, da poco ordinato sacerdote, che svolgeva le mansioni di assistente spirituale dell’oratorio e si occupava degli altri ragazzi che “bazzicavano” la parrocchia. Il padre Livio che ho conosciuto era molto diverso da quello che dirige Radio Maria e che si è assestato su posizioni ultratradizionaliste, rischiando spesso guai con le autorità, anzi, recandosi regolarmente all’Università Cattolica, allora fulcro dei movimenti di protesta e di contestazione (da quell’ateneo, se non sbaglio, sono usciti, tra l’altro, Renato Curcio e Mario Capanna), aveva idee molto progressiste e parlava un linguaggio molto vicino a chi come me, sentendosi solo e un po’ spaesato, avrebbe potuto rischiare la depressione. In effetti avevo una vita sociale molto limitata, circoscritta ad alcuni colleghi e poche altre persone che risiedevano nel pensionato e non ero affatto interessato né informato riguardo alla trasformazione in atto nella nostra società, che oltretutto proprio a Milano stava esplodendo in tutta la sua violenza. Basti pensare che della strage di Piazza Fontana venni a sapere solo casualmente mentre ero a Roma, durante uno dei viaggi lampo con cui cercavo di tornare a respirare le mie origini. In parole povere, a Milano mi ci sono sempre sentito di passaggio e, probabilmente, ho fatto ben poco per viverla più a fondo…

  3. coscienza critica ha detto:

    Ratzinger è considerato fine teologo, al confronto del quale Bergoglio……i puntini di sospensione sono più che sufficienti, vista la differenza intellettuale tra i due.
    Certo, si può non concordare con personalità come quelle di Ratziger o di Scola, ma credo che al loro confronto, ripeto, Bergoglio…
    Quanto a Delpini non lo conosco, ma mi pare che il discorso sia analogo.
    Nel senso che almeno Scola e Ratzinger esprimevano una certa visione, condivisibile o meno, ma la esprimevano.
    Mi pare che invece Bergoglio e Delpini facciano solo battute.
    Forse, perchè neppure conoscono approfonditamente le materie, di cui dovrebbero occuparsi?
    Potrebbe essere, visto che taluni hanno addirittura detto che praticamente Bergoglio elargiva tesi eretiche, probabilmente senza neppure accorgersene.
    E va bene che non si richiede chissà quale conoscenza teologica, per divenire vescovo o papa, però bisogna avere il senso di chi si mette a capo di una chiesa, o di una diocesi come quella milanese.
    Non si tratta dell’ultima parrocchia dell’ultimo paesino sperduto, ovviamente con tutto il rispetto anche per questa.
    A volte pare manchi il senso delle nomine, ma nella chiesa è così.
    I cardinali eleggono il papa, poi il resto, cioè cardinali e vescovi, li nomina il papa.
    Probabilmente Bergoglio ha pensato di nominare qualcuno che gli assomigliasse.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi