Omelie 2020 di don Giorgio: PASQUA DI RISURREZIONE

12 aprile 2020: PASQUA DI RISURREZIONE
At 1,1-1-8a; 1Cor 15,3-10a; Gv 20,11-18
Kerigma
Potrei parlare del Mistero pasquale in genere. Un serio problema sarebbe da che parte iniziare. Comunque una cosa andrebbe detta chiaramente: il Mistero pasquale è il cuore del Vangelo, ovvero della Buona Novella, intesa anche come messaggio o kerigma. La parola “kerigma” è collegata agli emissari o messaggeri reali – i “kerix” -, uomini che percorrevano i regni proclamando le notizie collegate alla vita di palazzo.
Quindi, possiamo dire che il kerigma è il primo messaggio, il nucleo essenziale della Buona Novella, che nei primi tempi della Chiesa consisteva in tre parole: passione, morte e risurrezione di Cristo. I primi missionari, ovvero gli apostoli e i discepoli del Cristo risorto, andavano in giro a proclamare come primo annuncio: Cristo ha patito, è morto ed è risorto, senza separare tra loro i tre aspetti (passione, morte e risurrezione), ma vedendoli in un unico Mistero, il Mistero pasquale, che è quello dello Spirito che nasce nell’Amore tra il Padre e il Figlio.
Le apparizioni del Cristo della fede
Parlando di Spirito santo entrano in scena i racconti evangelici che narrano le apparizioni di Gesù risorto alle donne e agli apostoli. Di che si tratta in realtà? Sono racconti quasi caotici (ogni vangelo ne parla a modo suo) che rivelano quanto gli stessi evangelisti fossero in grande difficoltà nel raccontare del Cristo risorto. Credo che gli studiosi avranno ancora molto da fare per dirci qualcosa di veramente nuovo che ci aiuti a cogliere il senso profondo, direi mistico, di tali apparizioni.
Cristo, apparendo dopo la risurrezione nei quaranta giorni che la separa dalla ascensione, assume apparenze fisiche diverse, così riferiscono gli evangelisti forse un po’ confusi e disorientati. Dunque, come interpretare tali apparizioni?
Il verbo “vedere”
È necessario partire da un verbo che è presente nei racconti, ed è “vedere”. In questo verbo possiamo trovare il segreto, se vogliamo cogliere il senso profondo dei racconti evangelici. Già nel brano di questa Messa si dice che Maria di Magdala «vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù», poi, scrive sempre Giovanni, la Maddalena «si voltò indietro e vide Gesù, in piedi, ma non sapeva che fosse Gesù», infine la donna «andò ad annunciare ai discepoli: “Ho visto il Signore”».
Succederà ai due discepoli di Emmaus; dopo il viaggio verso casa, insieme allo strano pellegrino, mentre sono a casa, durante la cena, Gesù spezza il pane, e allora, scrive Luca, «si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero”.
Sempre Giovanni, parlando dell’apostolo Tommaso, scrive: «Non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: “Abbiamo visto il Signore!”».
Che significa allora “vedere”? Si è trattato veramente di un vedere con gli occhi fisici, oppure con gli occhi della fede? Non è facile rispondere, abituati come siamo a far dipendere anche il mondo del Divino dagli occhi carnali.
E, tornando all’episodio di Tommaso, troviamo la risposta nelle parole di Gesù che dice all’apostolo incredulo: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto».
Che significa “non hanno visto”? Appunto, non hanno visto con gli occhi fisici, carnali, ma beati sono coloro che vedono con gli occhi della fede.
Solo gli occhi mistici sanno vedere il Cristo, al di là della sua storicità o della sua incarnazione, aspetto che è morto sulla croce. Il Cristo risorto è il Cristo della fede mistica, il che significa in poche parole: se i nostri occhi fisici sanno vedere solo il Cristo storico (ha fatto questo, ha detto quello, ecc.), solo gli occhi della fede mistica sanno vedere il Cristo risorto, ovvero il suo Spirito, che è lo Spirito santo. Il Cristo risorto è il Cristo dello Spirito, e se è Spirito come si può vederlo con gli occhi carnali?
Ancora oggi la Chiesa si sofferma sul Cristo storico, come se la risurrezione lo avesse trasfigurato, ma in che senso? Gesù stesso aveva detto ai suoi discepoli: “È bene per voi che me ne vada (fisicamente), altrimenti non avrete modo di avere con voi lo Spirito, quello Spirito che vi consegnerò sulla croce”.
Il Risorto e le donne
E qui vorrei soffermarmi, almeno oggi, giorno di Pasqua, sulla presenza delle donne nei racconti della vita di Gesù, soprattutto durante la passione e la risurrezione di Cristo.
L’evangelista Luca fa notare che al seguito di Gesù, durante il suo ministero pubblico, c’era anche un gruppetto di donne, tra cui Maria di Magdala. Nessuno o ben pochi lo dicono.
A parte Maria e Elisabetta, troviamo nei vangeli alcune figure caratteristiche di donne: la samaritana, l’emorroissa, la donna colpita dall’artrosi, l’adultera, la cananea, la vedova di Nain, Marta e Maria, sorelle di Lazzaro, per non parlare poi della Maddalena, ecc. Ma è soprattutto sotto la croce che Marco annota: “Vi erano là alcune donne, che osservavano da lontano, tra le quali Maria di Magdala, ecc.”. Notate: “osservavano da lontano”. Osservavano! Sono loro che poi testimonieranno quanto era successo, i maschi erano tutti scappati tranne Giovanni.
Testimoni, eppure la donna a quei tempi non era ritenuta credibile, per cui non poteva ad esempio fare da testimone nei tribunali. Ma la cosa più sensazionale è questa: Gesù appare per primo non a sua madre, ma alla Maddalena, che così diventa la prima testimone della risurrezione di Cristo.
Su questa donna speciale, presente nei Vangeli, sempre accanto a Gesù, si sono dette troppe cose, anche sbagliate, e il motivo è molto semplice: nel vederla o giudicarla si sono sempre usati occhi carnali, non si è mai o quasi mai cercato di usare gli occhi mistici, e allora avremmo potuto scoprire cose meravigliose del cammino di una donna dal male al bene assoluto, da un amore carnale ad un amore mistico.
La Donna di Magdala e Gesù. Un amore mistico che li ha uniti in modo del tutto originale, e Gesù l’ha premiata dandole per prima l’annuncio della sua risurrezione. Forse sarebbe il caso di dire che è proprio alle Donne che Gesù dona questo annuncio ogni giorno: nella loro verginità mistica partorire il Nuovo.

1 Commento

  1. Luigi ha detto:

    Perchè il coronavirus colpisce più gli uomini che le donne? Perchè sono meno responsabili dello scempio sulla Natura? Perchè le donne vivono più a lungo degli uomini? Perchè già agli inizi della Chiesa c’era conflitto tra Pietro e la Maddalena? Sono tanti gli interrogativi che si possono porre. La Bibbia o la Scrittura, penso, non diano risposte. Aiutano a porre le domande nella ricerca della Domanda. Chi è il Risorto? E’ Gesù di Nazaret? E’ il suo Spirito? O entrambi? Lo si può risolvere con Cristo come, penso abbia fatto Paolo? O con la Parola o Verbo di Giovanni? Il termine Logos è molto più ampio. O il Sermo di Erasmo da Rotterdam? Per lui Verbum in greco aveva diversi significati: parola, orazione, discorso, ragione, misura, calcolo. Al culto o cultura non servono i rituali come alle religioni. Lo hanno capito le mistiche e i mistici. Per la Maria cattolico più che Vergine e Madre è Donna che le racchiude entrambe. Ho un debole per la Donna, prima carnale, adesso spirituale o mistico. Ho conosciuto donne bellissime sceme e stupide. Meno belle intelligenti. Perdonami un particolare don Giorgio su Maria (il nome di mia mamma). Maria Maddalena ha avuto bisogno di “vedere” il Risorto per credere. Maria no. Sotto la Croce era già risorto dentro di lei. Penso che da qui sia nata la Chiesa.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi