Sudditi di un Bastardo!

 

di don Giorgio De Capitani

Che strano questo popolo italiano che in pochi mesi va a votare e poi si astiene, vota in un modo e poi vota in un altro. Strano! Veramente strano!

E i politologi lì a cercare le ragioni più profonde e convincenti, dimenticando che, una volta trovatene alcune, saranno di nuovo spiazzati alle prossime votazioni. Gli italiani cambieranno ancora umore?

Strano questo popolo che politicamente pensa di destra, e poi sceglie i sindaci di sinistra. Dimenticano Berlusconi quando si tratta di votare amministratori onesti, ma poi, alle politiche, è ancora pronto a votare il Porco e il Maledetto, l’Osceno e il Corrotto.

Strano questo popolo! Veramente strano!

Per questo non mi illudo, quando le cose sembrano andare per il verso giusto. C’è sempre qualche dubbio che possano di colpo cambiare.

Datemi le ragioni che volete, ma non accetterò mai che politicamente una massa di coglioni possa ancora dare fiducia ad un Mondezzaio. La cosa non sta in piedi. E smettiamola di distinguere la grande politica dalla piccola, che viene fatta dalle amministrazioni comunali. Ma non riusciamo a capire che è in gioco la medesima politica, con al centro il Bene comune, sia che si tratti del bene della nazione in genere, sia che si tratti del bene di ogni singolo paese. Come possiamo non capire che, tranne eccezioni che confermano la regola, di mezzo c’è quella benedetta Democrazia di cui tutti parlano, ma di cui ben pochi sanno che cosa sia, tanto è vero che, appena è in gioco un nostro piccolo interesse personale, siamo tutti quanti pronti a dividerla in pezzi, con la pretesa di portarne a casa anche più di un pezzo?

Questo popolo italiano è veramente maledetto! Usa due pesi e due misure, dividendosi nel cervello e nella coscienza, a seconda delle opportunità. E poi urla giustizia, appena viene meno un diritto, non importa se da anni milioni di esseri umani stanno crepando di fame, per colpa anche della nostra indifferenza, quando il benessere ci aveva baciato anche nel culo, ma nessuno di noi pensava che con il nostro superfluo e i nostri avanzi avremmo potuto sfamare tante persone. Ma chi siamo? Razza di ipocriti e di egoisti del cazzo!

Ora piangiamo sui nostri mali! E i poveri maledetti dalla nostra pancia piena ora a ragione ridono divertiti. Come possiamo biasimarli?

Maledetto è questo popolo che ora si aggrappa alla coscienza universale, dopo averla calpestata impossessandosi anche dei diritti degli altri, come ladri che rubano a dei poveracci.

E poi, con tutta la disinvoltura di chi ha perso ogni pudore, sogna ancora che Berlusconi lo tiri fuori dalla crisi, cancellando di colpo ogni decoro istituzionale e quel senso di giustizia che milioni di anni di storia non hanno ancora inculcato nella nostra piccola testa.

Sudditi di un Bastardo che ci ha fatto finora mangiare solo il desiderio di briciole dei suoi piaceri  e gustare la merda dei suoi escrementi, non vogliono ancora aprire gli occhi, per decidersi una buona volta da che parte stare. Già, da che parte stare? Esiste un’altra sponda verso cui approdare, e trovare un’altra possibilità di vita? Questo è il nostro vero problema. Ci è rimasta un’altra possibilità? Il dilemma sembra proprio questo: Berlusconi o il nulla! Preferirei il nulla: dal nulla Dio creò il mondo, ma da Berlusconi Dio non può creare che un altro Berlusconi. E la maledizione continuerebbe a regnare sulla terra.   

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=HwUgVWqnDik[/youtube]
 

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Si tratta di un dato di fatto acclarato: l’italiano medio ha un rapporto piuttosto problematico con la cabina elettorale e sembra quasi non capirne l’importanza. Tranne, forse, in momenti particolari, come ad esempio i referendum (ma non tutti) che in teoria gli offrono l’opportunità di condizionare l’operato del legislatore. Per il resto credo sia molto diffusa la sensazione che votare o no sia del tutto indifferente, perché il nostro voto non è necessario o serve a poco, visto che poi chi sarà eletto tenderà a non tenere in considerazione le idee e le aspettative degli elettori, finendo per perseguire i suoi obiettivi personali, magari spesso non edificanti. Anche perché le stramberie del sistema elettorale sembrano fatte apposta per aumentare il distacco tra elettorato ed eletti. Se alle amministrative (in qualche caso) tutto ciò non si verifica potrebbe dipendere dal fatto che enti come i comuni e i municipi sono percepite come realtà più vicine su cui il cittadino ha la sensazione di poter incidere di più, consentendo ancora la possibilità di esprimere la preferenza. Insomma, si tratta più di un voto alla persona che allo schieramento.
    Per quanto riguarda Berlusconi, non tutti si rendono conto con chiarezza di quanto ci abbia danneggiato la sua “discesa in campo” e riescono a vedere le conseguenze nefaste della sua dissennata gestione del potere. Preferiscono fermarsi all’apparenza, guardando al personaggio da gossip, e lasciandosi sedurre dalle sue capacità di affabulatore. Che ci pensino gli alteri a criticarlo.

  2. Luciano ha detto:

    Alcuni italiani sembra che non riescano a vedere l’evidenza. Da questo popolo, continuano ad uscire all’estoro, delle menti brillanti e capaci di scoprire o di inventare delle cose di cui ne giova l’umanità. Già il fatto che ci sia una disoccpazione giovanile del 40%, la dice lunga sul futuro dell’Italia. Non riesco davvero a comprendere cosa debba fare ancora Be4rlusconi, per fare aprire gli occhi a quegli italiani che ancora lo hanno votato! Non comprendo come faccia la sinistra di Letta a non farsi schifo! Non capisco come gli elettori di sinistra, continuino a dare fiducia a questi leader doppiogiochisti. Non capisco il movimento di Grillo che pende dalle sue labbra e che pare interessato solo ad epurare chi, nel movimento, non gli da il consenso assoluto, tralasciando il disastro in cui imperversa l’Italia e gli italiani!!! Attualmente, sembra che la nostra Nazione, sia inesorabilmente condannata a cadere nel baratro dello sfacelo senza ritorno. Apparentemente non si vede un futuro per i giovani, non ci sono progetti per l’econima disastrata. Si ciurla per il manico, parlando di evitare l’aumento dell’IVA, di togliere o slittare l’IMU, di non fare ricevere più i rimborsi elettorali ai partiti ma fra 3 anni. Non stanno facendo un cazzo di nulla, tranne che continuare a prenderci per il culo, tenendo stretto tra le loro chiappe sfondate, il loro cadreghino con tutti i molti benefici. Io sono sempre più convinto che, se non ci riprendiamo il maltolto, loro, quei disgustosi figuranti della marcia politica, certamente non lo faranno mai. Faccio davvero fatica a sperare in un futuro migliore!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi