Omelie 2015 di don Giorgio: PRIMA DI AVVENTO

15 novembre 2015: Prima di Avvento
Is 13,4-11; Ef 5,1-11a; Lc 21,5-28
Premetto subito che anche questa predica l’ho preparata una decina di giorni prima,  per cui non potevo certo prevedere ciò che è successo l’altro ieri sera, a Parigi. Ma, anche se lo avessi saputo, avrei probabilmente scritte le stesse cose, magari con una maggiore determinazione.
Che senso dare al catastrofismo biblico
Per noi di Rito ambrosiano, inizia oggi il periodo dell’Avvento, che durerà sei settimane. In questa prima domenica anche la Liturgia non sembra invitarci alla Sorpresa mistica, ma a qualcosa di spettacolare nel senso apocalittico, inteso come qualcosa di negativo: una quasi vendetta di Dio che usa perfino la natura per punire l’umanità ribelle. Già il significato etimologico del termine “apocalisse”, che significa “manifestazione”, dovrebbe indicarci un’altra strada: quella, appunto, di un Dio che “si rivela”, non come implacabile giudice che condanna, ma come colui che salva l’umanità migliore.
Dunque, attenzione! Sì, di attenzione ce ne vuole ogniqualvolta parliamo di Dio, di quel Dio che “si manifesta” nel profondo del nostro essere e del Creato, per cui restare in superficie, all’esterno dell’essere, e pretendere qui, fuori dall’essere, di cogliere qualcosa del Mistero divino è metterci nella peggiore situazione che ci allontana dal Mistero stesso.
Certo, anche nella Bibbia ci sono pagine e libri che, se li prendiamo alla lettera, non ci aiutano ad accostarci al Dio dell’Essere, ma al Dio ridotto a idolo, a immagine delle nostre povere conoscenze umane, e pensare che Dio, già nell’Antico Testamento, tramite i suoi profeti, aveva condannato duramente ogni forma di idolatria.
Ad esempio, il primo brano, che fa parte del Libro di Isaia, è una rilettura per lo meno “equivoca” della Sorpresa di Dio, intesa come “Giorno del Signore”, sempre pronto a esplodere, mediante minacce, fulmini e morte. Il “Giorno del Signore” è un’espressione profetica che è stata intesa, in modo limitativo, come Vendetta di Dio che punisce e distrugge gli imperi umani. Una Vendetta che non risparmia neppure gli innocenti: se andate a leggere i versetti successivi al brano di oggi, troverete scritto: «Quanti saranno trovati, saranno trafitti, quanti saranno presi, periranno di spada. I loro piccoli saranno sfracellati davanti ai loro occhi, saranno saccheggiate le loro case, violentate le loro mogli… Con i loro archi abbatteranno i giovani, non avranno pietà del frutto del ventre, i loro occhi non avranno pietà dei bambini» (Is 13,15-16.18).
Si può immaginare un Dio che vuole queste cose? Eppure, questa idea di Dio che giudica e punisce, condanna e tortura, è entrata perfino nella Chiesa cattolica, ed è rimasta ancora in alcune religioni, nelle loro forme più fondamentaliste e violente.
La Storia di Dio e la storia umana
È vero: il giudizio di Dio è già presente nella Storia, ma come Legge inesorabile per cui chi agisce male, prima o poi, sarà travolto da quella Sorgente di energie vitali, presenti nell’Universo, che non si lasceranno mai sorprendere del tutto, ma che prima o poi si faranno valere. Solitamente diciamo che la storia è fatta dagli uomini, e dagli uomini peggiori: è vero fino a un certo punto.
L’uomo che agisce bene contribuisce a sviluppare le migliori energie presenti nel Cosmo, mentre l’uomo che agisce male solo apparentemente sembra un vincitore, in realtà, sarà travolto dal suo stesso male. Prima o poi la Storia capovolgerà tutto.
Da ultimo. Gli ebrei avevano una concezione della storia a modo loro. Dio è sempre pronto a punire i nemici d’Israele, travolgendo gli oppressori: prima gli Egiziani, poi gli Assiri, poi i Babilonesi, poi di nuovo gli Assiri. Ma forse dimenticavano che, finché ci sarà questo mondo, ci sarà sempre un oppressore. Non credo che Dio si diverta a buttar giù dal trono i potenti, sapendo che quel trono sarà ben presto occupato da un altro potente. Dio ha un’altra visuale della Storia: i deboli sono i veri vincenti, e per debole s’intende non tanto colui che è impotente, fragile, povero, oppresso, ma colui che pone la propria fiducia in qualcosa che non fa parte della forza, del denaro, del potere, dell’avere: una storia, questa, che è fatta anche dal popolo che, quando è oppresso, sogna la libertà, e quando l’ha raggiunta, rientra nel sistema della forza, del denaro, del potere, dell’avere.
Il regno della luce che è bontà, giustizia e verità
San Paolo, nella lettera ai cristiani di Efeso, ricorre al contrasto tra tenebre e luce, e la luce richiama il giorno. Altro che il “giorno del Signore”, inteso come vendetta di Dio!
Nelle lingue di origine latina come l’italiano, il francese e lo spagnolo, il termine Dio, Dieu o Dios deriva dal latino “deus” (a sua volta collegato ai termini, sempre latini, di “divus”, “splendente”, e “dies”, “giorno”). Il termine “Dio”, dunque, ha il valore di “luminoso, splendente, brillante, accecante”. Quando pensiamo a Dio dovremmo pensare a un cielo che si apre, sempre più terso, e non a un cielo che si copre di nubi minacciose. Ecco l’invito di San Paolo: «Comportatevi come figli della luce; ora il frutto della luce consiste in ogni bontà, giustizia e verità».
Qui sta anche il progresso dell’Umanità. Ho detto “progresso”, da intendere come cammino. Si cammina per andare avanti. Sempre San Paolo: «Camminate nella carità». La carità non è da intendere solo nel fare qualche opera buona. La Carità consiste nel camminare verso quell’unità profonda, dove ci si sente uniti, perciò solidali, e ciò avviene nel nostro essere più interiore, condotti dallo Spirito di Dio. Lo Spirito di Dio non agisce in superficie, non ci aiuta a costruire castelli sulla sabbia, ma ad entrare nel cuore dell’Umanità, là dove ogni distinzione si scioglie.
Dove sta la novità del Cristo radicale?
Anche il brano del Vangelo va letto in profondità, al di là delle descrizioni apocalittiche. C’è una storia che è legata al tempo che passa, e che travolge ogni cosa: l’uomo ne è l’artefice e ne è contemporaneamente vittima. Più egli fa, più disfa. Più l’uomo agisce in superficie, più distrugge e si auto-distrugge, in un vortice di cui nessuno conosce bene la portata delle conseguenze, ma… c’è un ma.
Il mondo sarebbe già finito da secoli, se non ci fosse quell’altro mondo di energie interiori, che, men che te lo aspetti, salva l’Umanità da ogni catastrofe.
Qui si inseriscono i due inviti di Cristo. Il primo: «Badate di non lasciarvi ingannare!». L’inganno, la menzogna, il profetismo di sventure sono sempre stati i veri nemici dell’Umanità. Un’opera diabolica che si realizza ogni giorno nelle istituzioni statali e nelle istituzioni religiose. Il diavolo per definizione è colui che divide, con l’inganno.
Tutto è inganno: viviamo tra inganni d’ogni tipo. I nostri occhi non sono sufficienti a scoprire le menzogne. La nostra mente resta all’esterno della realtà. Il cuore rimane turbato, ma non va oltre.
Ed ecco il secondo invito: «Risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina». Finché rimarremo chini su noi stessi, ricurvi sulle cose che passano ingannandoci, stretti tra le menzogne di missionari di professione, non potremo vedere la nostra liberazione, che l’autore dell’Apocalisse esprimerà con le parole: “nuovi cieli, nuova terra”.
Il vero dramma di questo mondo sta nel divario tra l’esterno che passa, travolto dagli eventi, e l’interno dell’essere umano che viene lasciato indietro, incapace perciò di dare novità di vita al mondo stesso. Risollevarci e alzare il capo significa, perciò, fermarci per qualche tempo, toglierci l’ingombro delle cose ingannevoli, riprendere quel respiro profondo dell’Umanità, che si chiama spirito vitale.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi