Merate (Lc), 18/3/2017, Incontro con Marco Vannini: “La Mistica nella Chiesa e nella società di oggi”

Ecco il video dell’Incontro con Marco Vannini, filosofo e storico di mistica, sabato 18 marzo 2017, presso l’Auditorium comunale di Merate (Lc). Anche su richiesta dello stesso Vannini, ho tolto la parte finale, quella riguardante le domande di alcuni del pubblico e le risposte del relatore.
Metto il testo della mia relazione introduttiva.

INTRODUZIONE DI DON GIORGIO
Incontro con Marco Vannini

Vorrei partire da una data, l’anno 2013, quando il cardinale Angelo Scola mi ha messo “forzatamente” in pensione, a vita privata. Solo apparentemente è stato l’inizio della fine, in realtà è stato l’inizio di una nuova avventura, che mi ha portato, in questi tre anni e mezzo, a scoperte del tutto imprevedibili.
Usando un’espressione dantesca, “galeotto fu” anzitutto un libro su Raimon Panikkar, e successivamente i libri di Marco Vannini sulla grande Mistica. Come si suol dire, un libro tira l’altro, e le citazioni di altri libri mi portavano ad acquistarli, fino alla scoperta di grandi mistiche (Margherita Porete) e di grandi mistici (Meister Eckhart), di grandi pensatori (Simone Weil, Angelus Silesius, Sebastian Franck), e ultimamente di un monaco benedettino francese, sceso in India, attratto dalla spiritualità induista, Henri Le Saux: ho rubato da lui l’espressione “Caverna del cuore”.
Ma facciamo qualche passo indietro negli anni. Figlio del ’68, ho creduto anch’io ad una rivoluzione strutturale, poi man mano ho capito che le strutture non cambiano o, meglio, cambiano sì ma per lasciare il posto ad altre, magari peggiori. Il cardinale di Milano, Giovanni Colombo, all’epoca degli anni della contestazione accusava noi preti giovani di essere “orizzontali”, ovvero di pensare troppo alle cose sociali, e di essere poco “verticali”, ovvero di pensare poco alle realtà divine. Aveva ragione, e aveva torto. Aveva ragione nel dire che eravamo “orizzontali”, ovvero all’esterno del nostro essere interiore, ma aveva torto perché intendeva per “verticale” il verticalismo puramente religioso, ovvero legato ad una specifica religione, dimenticando che il cristianesimo non è una religione, ma qualcosa di completamente “altro”, di meglio, di essenzialmente interiore.
Poco prima di Natale un amico mi ha regalato un libro: “L’Isolotto: una comunità tra Vangelo e Diritto canonico”: l’ho letto in pochi giorni. Non sto qui a dire le mie sensazioni. Dico solo: la Chiesa e la società civile non vanno contestate sul loro stesso terreno: forse è giunta l’ora di cambiare tattica, ovvero di partire non più dall’uomo nel suo orizzontalismo esistenziale, ma dalla sua dimensione “spirituale”, che non è quella strettamente religiosa, ma dell’essere umano nella sua più intima interiorità.
Tra l’orizzontalismo di carattere socio-politico e il verticalismo di carattere religioso, esiste una terza via, ed è quella della “interiorizzazione”, ovvero della scoperta dell’essere umano nella sua sorgente più profonda.
Non si vince il potere con l’anti-potere, non si vince la struttura con l’anti-struttura, non si vince la gerarchia ecclesiastica con l’anti-gerarchia ecclesiastica, non si vince la religione con l’anti-religione. L’alternativa al potere, alla struttura, alla gerarchia e alla religione non sta in un anti, ma in un intra: l’”anti” ci pone ancora sullo stesso piano di ciò che vorremmo contestare, ovvero ci pone fuori dall’essere umano in quanto “spirituale”, mentre l’”intra” sposta il campo di battaglia: dalla realtà extra l’essere umano al suo interno, nel fondo dell’anima.
Veniamo ora al mio recente libro scritto in occasione del 50° della morte di don Piero Pointinger, che ha esercitato il suo ministero pastorale presso la parrocchia di Rovagnate, dal 1948, appena ordinato sacerdote, fino alla sua prematura morte, 7 giugno 1967.
Non ho voluto ricordare don Piero per le sue pur lodevoli opere, che tra l’altro il tempo in questi cinquant’anni ha in parte logorato, ma ho scritto il libro “DAL PARADISO ALLA CAVERNA DEL CUORE” per stimolare i lettori a riscoprire il suo pensiero, rimasto ancora nascosto o dimenticato, giustificandosi che don Piero era difficile nelle sue omelie. Certo, era profondo, ma stanno qui la sua vera ricchezza e la sua vera eredità.
Dunque, non ho inteso spiegare/interpretare e tanto meno banalizzare/ridurre in slogan i pensieri profondi, ritenuti ermetici, di don Piero. Avrei commesso un grosso sbaglio. O, diciamo, lo avrei potuto anche fare, ma con un altro intento: ovvero, togliere qualche velo di quell’ansia di Paradiso che, più che nostalgia (termine che comunque eviterei), era quel mondo interiore di un prete innamorato del Divino/Umano che, prima di fare, pensava, sapendo che il suo pensiero (scusate il gioco di parole) andava ben oltre il suo fare.
Ho voluto invece mettermi quasi di fianco, per camminare insieme, con un certo timore per non essere di incomodo, verso quel mondo (paradiso o caverna del cuore) che non sta in alto (cielo) o in basso (terra), ma intra, dentro, dove ciascuno “è”.
Le cose passano, ma il grande Pensiero lascia tracce così profonde che né il tempo né le ideologie né le banalità della vita riusciranno a distruggere. Non dobbiamo ricordare solo le opere grandiose di chissà quali costruttori della storia del fare; la nostra vera eredità, da rivivere ogni giorno, è il puro Pensiero dei filosofi e la pura Profezia dei Mistici.
Ho detto “grandi”, ma ci sono anche gli umili spiriti liberi, che non mancano neppure nei nostri piccoli paesi. In ogni paese, c’è un riflesso di saggezza antica e sempre nuova.
Inoltre, anche se potrebbe sembrare del tutto azzardato, vorrei tuttavia fare una specie di confronto tra don Piero e don Lorenzo Milani, se non altro perché: morti entrambi quarantenni, per una grave malattia tumorale, nello stesso anno, 1967, lo stesso mese, giugno.
Notevolmente differenti, sotto tanti punti di vista, soprattutto nel campo pastorale e pedagogico (senz’altro più innovativo e rivoluzionario don Milani, la cui popolarità ha varcato i ristretti confini di Barbiana, paese di pochi abitanti), vorrei far notare un aspetto che ritengo interessante: don Lorenzo non ha lasciato nulla in opere (prima di morire ha chiuso perfino il suo doposcuola), ha lasciato solo il suo insegnamento o diciamo la sua pedagogia, che è stata studiata in tutto il mondo, mentre don Piero è ricordato solo per alcune sue opere, e non per il suo pensiero, ritenuto da tutti difficile e incomprensibile.
Ed è per questo che, mentre il don Lorenzo pensiero è più che evidente, sotto gli occhi di tutti, il don Piero pensiero è tutto da riscoprire, approfondire, ripresentare nelle sue profonde intuizioni.
Ma… sarei troppo semplicistico facendo questa distinzione a favore di don Milani, come se il Priore di Barbiana fosse stato bene inteso e non invece anche frainteso.
Paradossalmente, quasi quasi mi azzardo a dire che don Piero, nel suo piccolo, è rimasto almeno incontaminato nel suo pensiero, ancora lì tutto da scoprire, mentre don Lorenzo è stato ed è tuttora strumentalizzato nel suo “extra pensiero”. Mi spiego. Tutti ancora a parlare di un don Milani sessantottino, rivoluzionario social-politico, di sinistra, comunista classista, addirittura costituzionalista, dai modi poco ortodossi, sgarbati, volgari, offensivi; un prete scomodo per la Chiesa per aver messo in discussione il suo metodo pastorale ed educativo, e soprattutto il maestro integralista che ha contestato la scuola italiana.
Mi chiedo: è tutto questo il vero don Lorenzo Milani? E il suo mondo interiore dov’è? Qual era il suo Dio? Credo che sia lecito chiederci in quale Dio don Milani credesse. Don Milani stesso si definiva un “mezzo ebreo” e ha cercato sempre di rimanere il più possibile vicino alla propria origine. Qualcuno parla di un ebraismo in don Milani a tratti latente, nascosto, eppure ben riconoscibile.
Forse è difficile rispondere alla domanda: a differenza degli appunti di don Piero, dove è continuo, come in un dialogo spontaneo e serrato, il confronto con il suo mondo divino, certo quello cattolico, ma nello stesso tempo sottoposto ad una severa indagine speculativa e meditativa, negli scritti di don Lorenzo poche volte si parla di Dio, di Cristo, del Vangelo, della fede: sì, si parla della Chiesa ma nei suoi aspetti istituzionali da riformare per una pastorale più aderente agli ultimi e ai poveri.
Eppure, ci sono almeno due indicazioni che potrebbero aiutarci a scoprire la sorgente interiore di don Milani.
Don Lorenzo, ad una domanda sulla scuola, così risponde: «Spesso gli amici mi chiedono come faccio a far scuola e come faccio a averla piena… Sbagliano la domanda, non dovrebbero preoccuparsi di come bisogna fare per fare scuola, ma solo di come bisogna essere per poter far scuola. Bisogna essere…». Sì, bisogna essere!
La seconda indicazione la trovo nel dialogo tra Lorenzo seminarista e il suo vecchio maestro di pittura, Hans Joachim Staude. Un giorno Lorenzo va a trovarlo. Quando Staude lo vede, esclama: «Ma che cosa è questa tonaca?». E Lorenzo: «Ho deciso di farmi prete. È tutta colpa tua, caro Joachim… Sì, perché tu mi hai parlato della necessità di cercare sempre l’essenziale, di eliminare i dettagli, di semplificare, di vedere le cose come un’unità dove ogni parte dipende dall’altra. A me non bastava fare tutto questo su un pezzo di carta. Non mi bastava cercare questi rapporti tra i colori. Ho voluto cercarli tra la mia vita e le persone del mondo. E ho preso un’altra strada».
Ma, insistendo sul confronto tra i due preti, a differenza di don Piero che non è salito sull’altare di una popolarità mondiale fuori controllo, mantenendo perciò quella incontaminata libertà di spirito ancora tutta da scoprire, don Lorenzo subirà via via il martirio di una “santificazione” soprattutto laicale per non dire laicista, che tradirà la persona don Milani, facendone un personaggio buono per ogni stagione, e tradirà il suo messaggio, riducendolo in slogan populisti per tappare ogni buco e ogni ricorrenza.
L’errore più grosso è quello di rendere qualcuno un mito, metterlo sul piedistallo e quasi venerarlo ponendo un’aureola sopra qualsiasi cosa abbia fatto o sopra qualsiasi parola abbia detto. Anche i santi hanno commesso errori, hanno detto o scritto castronerie. Pur nel suo piccolo, hanno reso un mito anche don Piero: se osi rimarcare qualche suo difetto, sei fulminato, e magari da parte di coloro che, quando don Piero era in vita, lo avevano crocifisso.
Ma vittima della mitizzazione è stato soprattutto don Lorenzo, che torna sul piedistallo, ogniqualvolta ci sono le commemorazioni, quando è d’obbligo parlarne bene.
Ma chi opera queste mitizzazioni? Soprattutto la folla che, come ha scritto un grande filosofo e teologo danese, riesce sempre a farla da padrona e a togliere al Singolo il suo mondo interiore: “In ogni campo, per ogni oggetto, son sempre le minoranze, i pochi, i rarissimi, i Singoli, quelli che sanno: la Folla è ignorante”.
Il Singolo è solitudine, come è stata solitudine estrema quella di Cristo morente che, sulla croce, urla: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. E si chiude così, nel silenzio drammatico del Padre, la vicenda storica di Gesù di Nazaret, il quale, come scrive Giovanni, mentre muore “consegna lo spirito”, che alcuni traducono: “dona lo Spirito santo”.
Don Piero scrive nei suoi appunti: «Quando moristi, dalla tua bocca uscì un soffio: un suono che ciascuno intese, ma che nessuno comprese. Lasciamo pensare che in quell’ultimo anelito ci fosse anche il mio nome. Lasciamo pensare che mi chiamasti con un soffio divino».
Se don Piero è diventato un mito per i rovagnatesi, don Milani non ha certo evitato di dare occasioni alla folla di osannarlo. In una lettera alla mamma scrive: «In quanto a San Donato, io ho la superba convinzione che le cariche di esplosivo che ci ho ammonticchiato in questi cinque anni non smetteranno di scoppiettare per almeno cinquant’anni sotto il sedere dei miei vincitori».
L’ipertrofia dell’ego di don Lorenzo forse non è solo una invenzione dei suoi detrattori, ma sembra talora evidente dal suo modo di agire e da alcune sue affermazioni. Nel libro “Non so se don Lorenzo”, Adele Corradi riporta il seguente episodio: «“Voi non ci credete”, ripeteva don Lorenzo un giorno sì e uno no a quegli otto ragazzi che stavano scrivendo la Lettera a una professoressa, “ma io sono un grande maestro. Voglio scriverlo su un cartello a caratteri cubitali: IO SONO UN GRANDE MAESTRO e appenderlo sulla mia testa qui sopra il mio letto, perché voi non lo capite che io sono UN GRANDE MAESTRO”».
Eppure, credo che valgano ancora le parole di Cristo: «Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro maestro e voi siete tutti fratelli» (Mt 23,8). E queste altre parole, sempre di Cristo: «… dite: Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”» (Lc 17,10).
Don Piero scrive: «Ciò che avvicina l’uomo a Dio è innanzitutto una relazione di presenza nel silenzio. Poiché Dio è l’Infinito, possederlo significa imporsi il silenzio d’ogni personalismo egoistico. Poiché Dio è l’Amore e l’amore è ineffabile, solo il silenzio può esprimerlo. Come il bimbo che, guardando una cosa bellissima, subito disse: “Oh mamma!” poi tacque, questa relazione di presenza nel silenzio si completa in quella di “donazione in consumazione”. Poiché la materia si spiritualizza, consumandosi nel dono, come la goccia che sale all’amplesso del cielo, sublimando la sua natura, mentre par che la terra la perda. Poiché solo quando l’uomo è discreto come una goccia, allora Dio ne fa una perla del suo cuore».
Qualcuno potrebbe pensare che io abbia cambiato idea su don Milani e che ora quasi lo disprezzi. Ma si sbaglia. Non è così. Certo, metto in discussione il don Milani manipolato, frainteso, usato e strausato, citato in ogni occasione opportuna e inopportuna.  Vorrei che uscisse fuori il vero don Lorenzo, cioè che si riscoprisse sotto la sua scorza ruvida e orgogliosa quello spirito interiore che lo animava nel suo agire e che col tempo si è quasi disperso tra osanna sperticati e oblii di una generazione che facilmente si immerge nel presente, staccandolo dalle eredità di un passato segnato da grandi maestri e da grandi profeti. Così vorrei che uscisse fuori il vero don Piero, al di là delle tre o quattro opere che sono ancora rimaste, oramai logore. D’altronde, non dimentichiamo: i tempi cambiano, per tutti. Se fossero qui oggi don Piero e don Lorenzo, probabilmente non sarebbero lo stesso don Piero e lo stesso don Lorenzo. Se dovessi tornare a fare il prete a Cambiago (erano gli anni ‘70), anzitutto non ci tornerei, e se dovessi tornare non sarei più il don Giorgio di 60 anni fa.
Che significa, allora, commemorare don Piero e don Lorenzo? Cerchiamo almeno di non restare all’esterno del loro essere. Farne dei miti sarebbe l’errore più grossolano, scimmiottarli ancor peggio.
In fondo, siamo tutti piccole gocce che vanno a far parte dell’oceano dell’infinito divino. Gocce d’eternità! Se sono appesantite, vanno a fondo.
Prima di lasciare la parola a Marco Vannini, vorrei caldamente ringraziarlo: per avermi fatto dono di una bella Introduzione al mio libro, e per aver accettato di essere qui stasera a tenere questa conferenza.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi