Omelie 2019 di don Giorgio: Domenica che precede il Martirio di S. Giovanni il Precursore

25 agosto 2019: Domenica che precede il Martirio di S. Giovanni il Precursore
2Mac 6,1-2.18-28; 2Cor 4,17-5,10; Mt 18,1-10 
Il primo brano della Messa non è di facile interpretazione. Il problema posto non è quello del divieto per un ebreo di mangiare carne di suino. Qualcuno ancora oggi potrebbe porre la domanda: come si può rinunciare alla vita per un pezzo di carne? La vita, cioè, non vale di più?
La Bibbia e le prescrizioni alimentari
Nella Bibbia le prescrizioni alimentari erano un segno di distinzione del pio israelita rispetto ai pagani. L’Antico Testamento indica, infatti, tutta una serie di norme che vietano la consumazione di determinati cibi, considerati impuri, e i metodi di macellazione di quelli invece leciti. Per questo le prescrizioni alimentari contraddistinguono ancora la religione ebraica e quella islamica ma non, come alcuni credono, il Cristianesimo.
Cristo, portando a compimento la Legge, ha dato una superiore definizione della categoria puro-impuro. Non è il cibo a rendere immondo l’uomo ma il peccato (Mt 15,10-20); ancora più esplicitamente l’evangelista Marco conclude: “Così dicendo, dichiarava puri tutti i cibi” (Mc 7,19), senza nessuna eccezione. Sulla stessa linea, san Paolo invita a considerare buono tutto ciò che fa parte del creato (1Tm 4,1-4), per cui non c’è più posto per condanne “in fatto di cibi o di bevande” (Col 2,16). Così Pietro, nella visione (Atti 11, 5-10), è invitato a mangiare cibi “immondi” con l’invito a non considerare impuro “quello che Dio ha purificato”.
I simboli
Una cosa vorrei dire a proposito di alcuni simboli che rappresentano valori sacri e intoccabili, sia per un cittadino (pensate alla bandiera nazionale) che per un cristiano (pensate alla croce).
Certo, anche i simboli sono relativi e possono mutare di contenuto lungo i secoli, ma credo che un periodo storico privo di simbologie sia triste e vuoto di speranze.
Attenzione: non è tanto un pezzo di stoffa o un pezzo di legno che è sacro e intoccabile, ma ciò che essi rappresentano (la patria o la fede).
Se togliamo tutti i simboli, priviamo la nostra esistenza di qualcosa per cui valga la pena di viverla.
Esempio di un anziano
C’è un alto aspetto molto importante presente nelle parole dell’anziano Eleàzaro, invitato dagli amici a salvare la vita fingendo di mangiare carne suina.
Don Angelo Casati così commenta: «Vi dirò che… mi ha colpito una delle motivazioni che Eleàzaro adduce a chi lo invita a fingere, per avere salva la vita. Egli risponde: “… non è affatto degno della nostra età fingere, con il pericolo che molti giovani, pensando che a novant’anni Eleàzaro sia passato alle usanze straniere, a loro volta, per colpa della mia finzione, per appena un po’ più di vita si perdano per causa mia e io procuri così disonore e macchia alla mia vecchiaia” . Mi colpivano, commenta Don Angelo, le parole di Eleàzaro perché mi spingevano a chiedermi se ci appartenga, o invece no, questa attenzione alle generazioni future, se ci sentiamo nei loro confronti in debito di una testimonianza e, ancora, se oggi dal mondo adulto o della vecchiaia essi possano attingere forza di credere, coraggio di sperare, voglia di impegnarsi o se, al contrario, messi davanti ai nostri intrighi, alle nostre diplomazie, ai nostri compromessi, non ricevano invece impulso a lasciar perdere. Con la conseguente crescita del disimpegno e della indifferenza».
Società liquida
Qui sta un insegnamento che chiamerei esistenziale, tale cioè da toccare un aspetto che oggi sembrerebbe venir meno. Mancano punti di riferimento che possiamo chiamare solidi esempi, modelli, testimonianze, a cui soprattutto i giovani guardano.
I giovani sono oggi disorientati, in balìa del vuoto, sballottati da una liquidità follemente instabile. È la cosiddetta “società liquida” di cui parlava Zygmunt Bauman, sociologo, filosofo e accademico polacco. Liquidità: non si poteva trovare un termine migliore, per fare capire l’instabile situazione sociale e soprattutto culturale del mondo d’oggi.
I giovani non sanno neppure da dove vengono e dove vanno. E tanto meno sanno come trovare qualche punto di appoggio. Basta una corrente diversa e ogni cosa viene trascinata altrove, ma i venti non sono quelli dello Spirito che indirizzano verso un porto sicuro, ma gli umori, i capricci, i condizionamenti vari di poteri dominati da altri poteri: alla fine è difficile individuare il vero movente.
«Chi è dunque più grande nel regno dei cieli?»
Il brano di Matteo ha come contesto la domanda dei discepoli a Gesù: «Chi è dunque più grande nel regno dei cieli?». «Allora chiamò a sé un bambino», così traduce la nostra versione liturgica. Commenta don Angelo Casati: «Ma il termine in greco non si riferisce al bambino. Il termine, più correttamente, significa ragazzo, servo, garzone. “In questione, scrive il biblista don Gianantonio Borgonovo, “non è la figura del bambino, ma quella del garzone o del servo che non aveva alcuna specifica mansione, se non quella di aiutare. Questo è il modello per i discepoli. Infatti la parola del Maestro è chiara: “Se non cambierete modo e non diventerete come questi garzoni/ragazzi non entrerete nel regno dei cieli. Chi si fa piccolo come questo ragazzo, come questo garzone, entra…”». Continua don Angelo Casati: «Siamo lontani da possibili fraintendimenti, come se in queste parole di Gesù potessimo odorare quasi un invito a una sorta di infantilismo. L’invito è a diventare, passate la parola, “garzoni” nella comunità, contrastando ogni atteggiamento o manifestazione che sa di dominio. Non è forse vero che, proseguendo nella lettura del Vangelo, ascolteremo Gesù dire: “Voi sapete che i governanti delle nazioni dominano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole diventare il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in  riscatto per molti”» (Mt 20,25-28).
Una sola brevissima riflessione pratica. Come sono le nostre comunità cristiane? Sono scomparsi i garzoni, nel senso di gente sempre disponibile a qualsiasi servizio, anche il più umile. No! Ognuno si tiene in parrocchia il proprio incarico, possibilmente una buona posizione di dominio, e guai a smuoverlo invitandolo a fare qualche umile servizio. Questa mania di comandare, di tenersi autonomamente le proprie responsabilità di comando, quanto male sta facendo a una comunità che vuole maturare nella fede.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi