Che cosa è rimasto della esperienza dei preti operai?

Da MicroMega

“Il dovere di essere ribelli con intelligenza”.
Intervista a don Luigi Consonni

di Giuseppina Vitale

Luigi Consonni – classe 1941, famiglia cattolica: una madre donna di fede semplice, un padre cresciuto nell'opposizione al fascismo, fino a diventare ufficiale dei partigiani bianchi nei giorni decisivi attorno al 25 aprile – è ordinato prete nel 1968. Presta il suo primo servizio a Baggio (Mi) fino al ’72, in un quartiere nuovo di edilizia popolare.
Lì intuisce che il modo più serio di annunciare il Gesù a cui crede non è parlarne ai ragazzini della scuola media, ma testimoniarlo nel silenzio vivendo nelle condizioni materiali dei genitori di quei ragazzini.
Dopo altri 4 anni vissuti come prete dei giovani lavoratori a Trezzo sull'Adda (sono gli anni caldi del golpe cileno e poi del referendum sul divorzio e della "paura" del sorpasso dei comunisti nelle elezioni successive), nel 1976 inizia la sua vita da operaio: fino al 1980 lavorerà alla Lamprom, una combattiva fabbrica metalmeccanica che produce cerniere lampo, di proprietà di una multinazionale, zona sud di Milano: ma il progetto della nuova linea metropolitana (la linea "gialla") svuota delle fabbriche tutta la zona e la Lamprom chiude: la classe operaia non sarà più "maestra" di lotte e di vita nella fascia sud della città…
Nel 1981 viene assunto alla Breda Fucine di Sesto San Giovanni, zona nord-est di Milano: 40.000 posti di lavoro nell’industria metalmeccanica pubblica e privata, decenni di lotte operaie a partire dalla lotta antifascista prima, durante e dopo la seconda guerra mondiale. Ma bastano i due decenni 70 e 80 per fare piazza pulita delle grandi fabbriche e cancellare la leggenda della "Stalingrado d'Italia".
La sua ultima esperienza lavorativa, dal 1996 al 2005, è quella di operaio al Comune di Milano, dove è riuscito insieme ai compagni di lavoro che per diversi anni hanno dovuto lottare per difendere il diritto al lavoro proclamato dalla costituzione.
Trent’anni di vita lavorativa che si esprimono nella sua personalità decisa e battagliera. Alle sue spalle, durante la nostra conversazione, spiccano un Atlante geografico, due dizionari, uno d’italiano e l’altro di francese, ed i manuali di storia contemporanea di Peppino Ortoleva e Marco Revelli. Certamente il mio interlocutore è un uomo che è appartenuto al suo tempo.
Il suo nome compare nell'elenco dei preti che hanno sottoscritto l’appello contro la legge sul fine vita (in merito al “Caso Englaro”) pubblicato da MicroMega (2009); nel 2007 aveva sottoscritto una lettera aperta al Vescovo, ai presbiteri ed ai laici della diocesi di Torino, che esprimeva il turbamento di molti di fronte alle prese di posizione di autorevoli rappresentanti della CEI sulla progettata legge sui diritti di convivenza (2007) .
Negli anni Novanta è stato in Rwanda dove ha vissuto direttamente i drammi della guerra e l’esodo in massa della popolazione verso la Tanzania.
Oggi si occupa di immigrazione e integrazione sociale a Pioltello, il centro urbano a est di Milano che si trova nei primissimi posti nelle classifiche relative all'immigrazione.

Consonni, qual è il percorso che l'ha portato a scegliere il lavoro?
Ho cominciato a lavorare nel ’76, quando già si era nella fase discendente della forza della classe operaia in Italia; ma io avrei voluto iniziare qualche anno prima.
Nel ’68 sono finito a fare il “pretino” giovane a Baggio, periferia ovest di Milano, in uno dei quartieri malfamati, un quartiere di edilizia pubblica dove ho conosciuto per esempio i terremotati della Valle del Belice, ai quali veniva assegnata una casa popolare.
Ho avuto a che fare con un sottostrato sociale popolare; questa cosa mi aveva già convinto negli anni Settanta a mettermi a vivere come la gente comune, piuttosto che insegnare religione ai loro figli.
Le scuole medie in cui dovevo insegnare religione erano ribollenti, per cui il primo obiettivo di un preside "normale", sin dagli anni Settanta, era “tenere l’ordine”: non “insegnare bene”, ma “tenere l’ordine”! E se non sai tenere la classe, cosa insegni a fare?
Ma a me proprio non interessava "tenere la classe"…

Vuole parlarci della sua esperienza in fabbrica?
Sono riuscito ad andare in fabbrica come operaio nel ’76. Sono passati almeno 5-6 anni da quando avevo intuito che questa fosse la "mia strada": ci ho messo parecchio tempo perché volevo andarci senza gesti di ribellione verso l’autorità: erano quelli gli anni della contestazione anche dentro la Chiesa e alcune decine di preti erano entrati in condizione operaia contro il parere dell'autorità, che però aveva fatto terra bruciata intorno a loro, togliendo loro ogni ruolo all'interno della diocesi: ma io volevo poter continuare ad essere riconosciuto come prete dal mio vescovo…
Nel ’76 sono finito in una fabbrica di cerniere lampo, la Lamprom, nella zona Sud di Milano, zona Romana, una delle tre grandi zone industriali; la nostra azienda è finita rapidamente in crisi, in quattro mesi hanno chiuso ed ho perso il posto di lavoro.
Lì ho imparato la lotta da una compagna comunista emiliana di 45 anni; quando era arrivata a Milano, a 18 anni, aveva trovato una fabbrica quieta dove nessuno scioperava; quando sono arrivato io, era ormai la leader indiscussa di oltre 200 operai, in grande maggioranza donne.
Iole (così si chiamava) è stata molto importante per me, perché mi ha insegnato il valore del conflitto, di quel sano conflitto che è occasione di confronto e di crescita.
Era il 1980 quando abbiamo perso il posto di lavoro: vedermi chiudere la fabbrica e ritrovarmi in cassa integrazione "a perdere" (si diceva così allora) ha provocato anche in me una pesante crisi di identità. Oggi capisco bene cosa vuol dire per un operaio perdere il posto di lavoro: non si tratta solo di una questione economica, ma di identità. L’operaio senza lavoro non sa più chi è!

Che rapporto aveva con gli operai? Sapevano che era un prete?
No. Io sono sempre entrato in incognito, non solo perché non mi interessava proprio di essere riconosciuto come prete, ma soprattutto perché se avessi dichiarato di essere un prete non mi avrebbero assunto.
Sono pochi i preti operai che sono entrati in fabbrica senza nascondere la loro identità di prete; anche perché se un padrone ti assume sapendo che tu sei un prete, gli altri operai si fanno di te un’immagine non proprio pulita, perlomeno ambigua.
Quando ho compilato la mia prima domanda di assunzione ho dovuto inventare qualche notizia su di me, dicendo che ero stato magazziniere nella ditta di mio padre che però era chiusa, etc.
Poi, in ogni posto di lavoro, lentamente sono arrivati a conoscere che io ero un prete, di solito a causa di incontri casuali: per esempio, alla Lamprom c’era un giovane impiegato che mi conosceva benissimo perché abitava nella stessa parrocchia in cui io avevo iniziato a fare il prete; inizialmente ho ottenuto da lui il silenzio sulla mia identità, ma poi per altre vie la verità è saltata fuori.

Come viveva la "lotta operaia"?
Negli anni Ottanta a Sesto San Giovanni ho fatto in tempo a vedere quello che rimaneva della forza delle mobilitazioni operaie. Quei cortei che dalle periferie della città arrivavano a riempire piazza Duomo, davano un’immagine – a volte esaltante – di forza e determinazione.
Io credo che, se avessimo avuto una dirigenza seria e forte, ci saremmo conquistati il mondo.
Oggi però ho maturato uno sguardo piuttosto diverso, certamente meno ingenuo ed entusiasta di allora: i cambiamenti veri nella storia avvengono gradualmente e lentamente; e perché avvengano devono crescere generazioni consapevoli della necessità di cambiare davvero radicalmente questo mondo.

E i rapporti con il suo vescovo, invece?
La storia dei PO è molto diversificata, prima di tutto perché siamo gente che ha studiato, che ha delle basi culturali; poi perché inevitabilmente la tentazione del potere è molto forte, perché rimaniamo pur sempre clero.
In Francia la storia dei PO è parecchio diversa da quella italiana: là i preti operai nascono già semi- istituzionalizzati sotto la spinta intelligente dell'arcivescovo di Parigi (il card. Suhard prima e il card. Feltin poi): è la chiesa di Francia che si assume la responsabilità della missione in mezzo alle masse operaie; missione che nel 1954 il Vaticano deciderà che venga chiusa: le mani che consacrano l'Eucaristia non possono sporcarsi nel lavoro in fabbrica…
In Italia, l’esperienza torinese tenta di estendere la forma francese: siamo nel periodo del card. Pellegrino, uomo intelligente e aperto, che dovrà dimettersi, avendo commesso il reato di sostenere pubblicamente la lotta degli operai Fiat.
Nel Veneto, meno industrializzato, di origine prevalentemente contadine la storia dei PO è decisamente diversa.
I PO della Lombardia invece hanno una storia di adesione alle lotte operaie; noi lombardi eravamo criticati dai veneti e piemontesi di essere marxisti; critica veritiera, a mio parere, pienamente giustificata dal fatto che a noi lombardi è toccato di vivere il periodo delle lotte della classe operaia.
Diversa ancora è la vicenda di Sirio Politi a Viareggio, o di Luisito Bianchi a Mantova, etc.
La storia dei PO italiani è molto frammentata oltre ad essere variegata.
Nella maggior parte dei casi, i PO italiani sono entrati in condizione operaia senza il consenso del loro vescovo, o almeno senza il consenso ufficiale.
Io ho scelto di non scontrarmi con l’autorità: avevo già chiesto nel ’72 il permesso di lavorare, ma mi era stato negato; per questo nello stesso anno ho lasciato la parrocchia. Ma in linea di massima non ho avuto scontri diretti con i miei capi gerarchici. Dopo il ’72 mi hanno assegnato alla parrocchia di Trezzo sull’Adda, ai confini est della diocesi, dove per quattro anni ho operato a fianco dei giovani, dei lavoratori e delle Acli.
Nel referendum sul divorzio del '74, io ho scelto di schierarmi con le Acli per il “NO” all'abrogazione della legge; naturalmente il vescovo mi ha richiamato, ma l'incontro con lui è finito con un invito a pregare di più…
Nel ’74 e nel ’75 altri due preti, con cui io avevo un rapporto di amicizia serio (uno era Don Cesare Sommariva, "fratello minore spirituale" – se così si può dire – di don Lorenzo Milani) entrano in fabbrica; nel ’76 ottengo anch’io l’autorizzazione dal card. Colombo, con la condizione di risiedere nel monastero di Chiaravalle insieme a loro. Dopo tre anni siamo riusciti ad ottenere un incarico pastorale in un quartiere proletario a Cologno Monzese.
Siamo riusciti a stare lì per una dozzina di anni: ci siamo impegnati fortemente sulla formazione all'impegno sociale come primo passo che può introdurre a un cammino di fede cristiana.
Erano gli anni fecondi del card. Martini, che nel 1981 ha voluto venire a farci visita a casa nostra (noi abitavamo in un appartamento dentro quel quartiere); e da allora ci ha incontrato un'intera serata ogni anno, facendoci continue domande sulle condizioni di lavoro e sulla vita e le preoccupazioni delle famiglie operaie.

Perché la scelta a fianco degli operai?
Perché pensavo (e penso oggi) che un mondo come questo sia intollerabilmente ingiusto; ed ero convinto (e tuttora lo sono) che la trasformazione del mondo può avvenire dal basso; e in quel momento storico la classe operaia aveva ancora potenzialmente la forza e le capacità per realizzare quella trasformazione.
Lasciami qui citare il Don Milani che scrive ai cappellani militari: "se voi avete il diritto di insegnare che italiani e stranieri possono lecitamente anzi eroicamente squartarsi a vicenda, allora io reclamo il diritto di dire che anche i poveri possono e debbono combattere i ricchi. E almeno nella scelta dei mezzi sono migliore di voi: le armi che voi approvate sono orribili macchine per uccidere, mutilare, distruggere, far orfani e vedove. Le uniche armi che approvo io sono nobili e incruente: lo sciopero e il voto”.

Andiamo all'aspetto politico, voi PO lombardi vi sentivate rappresentati dal partito cattolico della Democrazia Cristiana?
Certamente no! Noi, in genere, abbiamo rifiutato di avere rapporti istituzionali con tutti i partiti, anche con il PCI. Naturalmente in fabbrica avevamo rapporti, spesso profondamente umani, con operai del PCI, perché i delegati di maggior rilievo erano di solito compagni comunisti.
Con gli uomini della DC c’era spesso un rapporto di diffidenza, o di ignoranza reciproca. A cavallo degli anni 50-60 don Cesare Sommariva, che era il più vecchio di noi, nella sua parrocchia a Pero aveva cercato di formare una generazione di giovani che si impegnasse in politica dall'interno della DC. Prima di lui Don Milani, e prima ancora Don Mazzolari fecero tentativi di quel genere; ma la DC, quella che aveva dentro La Pira e Dossetti, uomini grandi e generosi, fu immediatamente contaminata dalla tentazione del potere: il sogno democristiano di Sturzo è subito fallito.
Neanche con gli altri partiti abbiamo avuto una grande simpatia. Nei quartieri delle periferie noi abbiamo semplicemente scelto di metterci dalla parte della gente, così come in fabbrica stavamo dalla parte degli operai.

Dunque a voi PO non interessava agire politicamente per ottenere uno spazio istituzionale nella società? Agire per edificare una "società cristiana”?
Ci siamo mescolati insieme con il popolo che lotta per ottenere la sua emancipazione, non solo economica ma anche sociale, senza distinguere tra cristiani e non: davanti alla sofferenza e alla ingiustizia siamo tutti uguali. E tutti abbiamo il dovere di lottare contro sofferenza e ingiustizia per costruire un mondo che sia umano, indipendentemente dalla religione nella quale ciascuno ha il diritto di riconoscersi.
Questa impostazione è nettamente diversa da quella di Comunione e Liberazione – per esempio.

È anche vero che nei vangeli si ritrovano immagini diverse tra loro, l'una di fianco all'altra: "sale della terra" o "luce del mondo"?
I ciellini vogliono essere la luce del mondo, lo facciano pure.
Io ho scelto l'altra immagine. Io credo che sia importante mischiarsi in mezzo alla gente come il lievito nella farina, per dar sapore alla vita; o come il sale nella minestra, che per darle sapore accetta di scomparire…

(8 ottobre 2012)

da MicroMega

“Per una Chiesa dalla parte degli oppressi”.
Intervista a Beppe Manni, ex prete operaio modenese

di Giuseppina Vitale

Beppe Manni, classe 1939, è uno dei protagonisti della vita lavorativa del Villaggio Artigiano di Modena Ovest [1]. Quest’ultimo, nato nel 1951, diventò negli anni settanta culla del fermento rinnovatore figlio del Concilio Vaticano II.
Alla fine degli anni Sessanta, alla parrocchia del Villaggio, si proposero come co-parroci un gruppo di due preti e un laico, Giuseppe Manni, Gianni Ferrari e Franco Richeldi, con l’intenzione di applicare le direttive del Concilio Vaticano II; negli anni seguenti si aggiunsero altri due preti: Sandro Vesce e Alberto Garau [2].
Beppe Manni, dopo anni di sacerdozio deciderà di sposarsi e dedicarsi all’insegnamento secondario, per trent’anni insegnerà italiano e latino in diversi licei della provincia di Modena.
Collabora, tutt’ora, con la Gazzetta di Modena e scrive libri sugli artigiani.

Quali furono le motivazioni di fondo che hanno spinto voi preti operai modenesi a questa scelta?
La nostra è stata, prevalentemente, una motivazione ecclesiale-religiosa nata dal Concilio e dalla lettura della Bibbia.
Le ragioni che ci hanno spinto a fare questa scelta vennero generate appunto dal vento conciliare: una chiesa povera e dei poveri, che portava ad una particolare attenzione e amore verso gli ultimi; tutti elementi supportati da citazioni evangeliche; una per tutte: “Sono venuto per evangelizzare i poveri” (Luca 4, 18).
Inizialmente non esistevano ancora ragioni politiche; queste sono subentrate successivamente; nei primi tempi ci interessava solo andare in mezzo alla gente, condividerne la vita e la quotidianità, non tanto per evangelizzarla o fare del proselitismo, quanto per un’esigenza di contatto e di testimonianza diretta. Se poi qualcuno era interessato alla fede, sceglieva di sua spontanea volontà di venire in chiesa.
L’ambiente dove noi abbiamo lavorato era composto prevalentemente da gente di estrazione comunista che non andava più in chiesa, per cui era necessario mettersi in una condizione di grande rispetto.
La frase che molto spesso gli operai dicevano era: “Se tutti i preti fossero come voi, anch’io andrei in chiesa”.
Altra motivazione era quella di avere come preti l’indipendenza economica per essere più liberi e recuperare una laicità e un’ individualità che attraverso il seminario prima e successivamente con il ministero era stata perduta. Per diventare uomini tra gli uomini!

Quali furono i vostri rapporti con il vescovo?
A Modena, abbiamo avuto una situazione fortunata: il vescovo, mons. Amici, era un vescovo conciliare che aveva capito la possibilità di fare nuove esperienze. Era aperto, ma nello stesso tempo non era tanto coraggioso cosicché non troncò alcun esperimento per poi mettersi in conflitto. Infatti, l’esperienza dei sacerdoti al lavoro non era condivisa da altri preti; abbiamo avuto più contrasti con i sacerdoti che non condividevano questa scelta che con il vescovo.
A Modena, ciò nonostante, negli anni Settanta esistevano una quindicina di preti operai e settanta comunità di base, sintomo di un acceso fermento.

Quale fu la vostra posizione al Referendum sul divorzio del ’74?
Noi eravamo per il “NO”. La causa che ha diviso il clero modenese in due parti è avvenuta proprio con il referendum. Prima ci eravamo battuti contro il concordato e per la libertà del voto; quando i vescovi hanno obbligato i cattolici a votare “SI'” al referendum, ci siamo opposti con forza e questo ha portato a delle conseguenze: a me ad esempio era stato vietato di tenere conferenze pubbliche in difesa del “NO”.
A Modena, ancora oggi ci sono dei preti segnati fortemente dalla loro scelta pubblica di allora di lasciare liberi i cristiani di votare secondo coscienza.

I preti operai modenesi come si ponevano, all’epoca, dinnanzi ad un partito cattolico forte come la DC?
In quei tempi abbiamo fatto una scelta di sinistra; abbiamo valutato la DC come il partito dei 'padroni' e della Chiesa. Abbiamo preso delle posizioni molto chiare in merito alla libertà di voto, che per noi indirettamente significava votare a sinistra. Anche se in quel tempo si era tutti molto radicali e si contrastava sia la DC che il PCI, per cui la nostra proposta era quella di andare oltre alla dialettica classica dei partiti e costruire qualcosa di nuovo. Le nostre scelte nascevano dalla lettura della Bibbia e da esigenze politiche. Abbiamo fondato oltre che una comunità cristiana innovativa, delle forme nuove di sindacato, abbiamo fatto dei doposcuola alternativi, stavamo veramente inventando una società diversa. La nostra era una teologia della povertà, negli anni abbiamo anche sposato la teologia della liberazione, anche se in Italia non ha trovato degli agganci molto forti perché il contesto era diverso rispetto a quello dei paesi poveri dove, per l’appunto, è nata.
In sostanza, abbiamo aderito ad un tipo di teologia molto più semplice, legata alla scelta dei poveri, allo stare dalla parte degli oppressi, per lottare contro le ingiustizie e le repressioni, etc.

A cosa serve un prete operaio oggi?
Oggi non servono i preti-sacerdoti come sono 'strutturati' attualmente. E' necessario svecchiare questa figura e renderla autonoma dal clericalismo, una figura che lavori e si auto mantenga con delle professioni oneste, anche operaie. Io immagino così la figura del prete: un uomo che vive nella comunità, un testimone di fede, una persona adulta, maschio o femmina, eventualmente con una famiglia sua, che abbia un mestiere pulito. Scelto dalla comunità per essere loro pastore, accolto dal vescovo: solo così diventerà colui che sostiene, nella fede, la sua comunità.
Oggi c’è bisogno di discutere il ruolo del prete, del cardinale, del papa, di tutte quelle figure, insomma, che rievocano il potere del sacerdos dell’antico testamento.

Chi sono i poveri oggi?
I poveri sono gli immigrati, i precari, gli emarginati, i vecchi, i malati, le vittime della solitudine, etc. Il problema è che fin quando il prete vivrà l'attuale condizione di privilegio, che il suo essere parte di un clero gli consente, non potrà mai immedesimarsi nella gente, bisogna immergersi negli ambienti dell’emarginazione per poter agire attivamente nella società e mettere in pratica l’insegnamento evangelico dell’amore.

NOTE

[1] Negli anni Sessanta al Villaggio Artigiano di Modena Ovest c’erano moltissimi artigiani. Quel villaggio fu chiamato
così nel ’51 dal sindaco Alfeo Corassori, che lo progettò dando fiducia e opportunità di un lavoro sicuro a operai, perlopiù licenziati dalle officine modenesi negli anni Cinquanta.
I lavoratori che lo costruirono venivano da fabbriche modenesi ma erano fondamentalmente degli artigiani.
Nel ’60 alla periferia di Modena, su 50 biolche di terreno agricolo, 15 ettari tra la ferrovia e l’autodromo, erano nte 74 aziende.
(Beppe Manni, Un villaggio tra la ferrovia e la campagna. 30 storie di artigiani : racconti di invenzioni, di coraggio e di avventure nel Villaggio artigiano di Modena Ovest, Modena, Il Fiorino, 2006, p. 9).
[2] Ivi, p. 15.

(18 ottobre 2012)

4 Commenti

  1. Gianni ha detto:

    Nata in opposizioe e talora in aperta polemica con certo potere gerarchico della chiesa, certo da noi la figura del prete operaio non ha conosciuto la diffusione che ebbe in Francia.
    Forse, anche per questo, è considerata da molti sopratutto come testimonianza storica in gran parte superata.

  2. Giuseppe ha detto:

    Sbaglierò, ma a mio avviso non c’è niente di più straordinario della semplicità umile e operosa, che non ricorre a gesti eclatanti e soprattutto non si vanta di ciò che fa. Queste testimonianze sono un “manuale” più efficace di ogni lezione di catechesi per capire in cosa consiste il messaggio del redentore. Che cosa c’è di più cristiano del vivere in mezzo alla gente, condividendo la loro fatica, i loro problemi, le loro speranze ed illusioni e guadagnandosi col sudore della fronte ogni briciola del pane quotidiano? Penso ai principi della chiesa chiusi nelle loro stanze riscaldate, forse arredate senza badare troppo alle spese, che pontificano su ciò ch’è giusto e ciò ch’è sbagliato cercando di indirizzare le coscienze dei propri fedeli e se li metto a confronto con le esperienze dei preti operai, non ho alcun dubbio su quale sia realmente l’essenza del messaggio evangelico.

  3. Francesco Ferrari ha detto:

    La testimonianza di questi preti è toccante nel senso che proviene non dallo studio di una “teoria” ma da una esperienza di vita e quindi maggiormente significativa. A mio parere tuttavia il PO non poteva avere successo in quanto, soprattutto se in incognito, avrebbe avuto un ruolo ambiguo. Quale differenza infatti c’era fra lui ed un laico impegnato socialmente in fabbrica?
    Non occorre vivere come un povero per capire i problemi dei poveri e non occorre essere un operaio per capire i problemi della classe operaia, così come per un medico (lasciatemelo dire) non occorre “ammalarsi” per curare la malattia. Dal ’70 al 72 ho lavorato in Telettra a Milano in via Poma e nel mio gruppo in produzione c’era un prete-operaio. Era in “incognito” ma noi tutti sapevamo. Non so dire in quale modo e se fosse supportato dalla sua gerarchia, ma posso dire che a noi compagni di lavoro questa figura, né carne né pesce, non faceva alcun effetto. Era un lavoratore serio come molti altri e come tale lo stimavamo ma per noi non era un prete in quanto sul lavoro non svolgeva alcuna funzione tipica del prete. Ed allora, dicevamo, perché veniva in fabbrica? Se si fosse messo a capo di una organizzazione per la difesa dei diritti dei lavoratori sarebbe stato un semplice sindacalista (cattolico) e nulla più come tanti altri sindacalisti (comunisti) che facevano bene il loro mestiere anche se bestemmiavano alla grande.
    Questa è la mia esperienza e quindi il mio commento.

  4. Eusebio Pancotto ha detto:

    La Costituzione non proclama il diritto al lavoro.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi