Omelie 2016 di don Giorgio: SESTA DI PASQUA

1 maggio 2016: SESTA DI PASQUA
At 21,40b-22,22; Eb 7,17-26; Gv 16,12-22
Di fronte ai tre brani della Messa, mi sento anch’io in forte difficoltà: ognuno di essi meriterebbe una particolare attenzione, e richiederebbe ben oltre i dieci minuti impegnati in un’omelia. Giustamente scrive don Angelo Casati, all’inizio del suo commento: «Sfioro i testi. Dico sfioro, perché non ci è possibile addentrarci profondamente sia per la molteplicità dei temi che li attraversano, sia anche per la mia limitata comprensione. Sono testi che ci lasciano forse più domande che risposte».
Mi limito, anch’io, a qualche considerazione di fondo.
Perseguitati dal dio religioso
Una prima considerazione. Si parla di persecuzioni. Nel brano degli “Atti degli Apostoli”, troviamo l’apostolo Paolo costretto a difendersi prima di essere incarcerato dai suoi ex connazionali in nome proprio del dio ebraico. Gesù, nel suo secondo Discorso d’Addio,   all’inizio del capitolo 16, poco prima dei versetti del brano di oggi, avverte i suoi apostoli: «Vi scacceranno dalle sinagoghe; anzi, viene l’ora in cui chiunque vi ucciderà crederà di rendere culto a Dio» (16,2).
Dunque, una lotta fratricida, tra i seguaci della stessa religione, oppure tra i seguaci di religioni diverse, in nome di ciò che ciascuna chiama dio: un dio che divide, che ordina di uccidere. Commenta a proposito don Angelo Casati: «Fa pensare il fatto che spesso per la Bibbia le persecuzioni vengano dagli uomini religiosi, in nome della religione, sembra quasi una costante: oggi, nella prima lettura, ci veniva raccontata la vicenda di Paolo, prima persecutore in nome della religione e poi, una volta convertito, perseguitato dagli uomini religiosi».
Lo stesso farà la Chiesa nei riguardi di coloro che la ostacoleranno o la contesteranno. Non c’è bisogno di portarvi delle prove.
Perché succede tutto questo? Perché la religione si crea un proprio dio, un proprio idolo, e per difenderlo come l’assoluto, perseguita e uccide coloro che adorano un altro dio, un altro idolo. È sempre questione di uno pseudo-dio. I Mistici preferiscono alla parola Dio la parola Divinità: la Divinità sfugge ad ogni classificazione, a qualità o caratteristiche tali dargli un nome specifico, come invece succede per le religioni che hanno un loro dio, un loro idolo, con nomi propri, caratteristiche e qualità tali da distinguere il dio cattolico dal dio islamico o dal dio ebraico. Sono stati per primi gli ebrei a monopolizzare dio, poi sono arrivati i cattolici e gli islamici. Ognuno si porta dietro il proprio dio, e in nome di questo dio va in guerra.
La Divinità, di cui parlano i Mistici, è quel profondo Divino che sfugge ad ogni manipolazione: non è il dio di nessuna religione. Il Divino in noi affratella tutti, proprio perché non è di nessuno.
“Perseguitai a morte questa Via”
Seconda considerazione. San Paolo, nella sua auto-difesa, dice: «Io perseguitai a morte questa Via», riferendosi al Cristianesimo.
Al capitolo 9, sempre del libro “Atti degli Apostoli”, i cristiani vengono chiamati “i seguaci della Via”.  Prima della nuova traduzione della Cei, il termine originale greco “odòs”, che significa via, veniva tradotto con dottrina. Ma Gesù non aveva forse dichiarato: “Io sono la via”? Sì, aveva anche aggiunto: “Io sono la verità”, che però è un cosa diversa dalla dottrina, che è un insieme di verità strettamente legate alla religione. Dire via significa dire cammino, come espansione della vita. Dio è verità che chiede da parte nostra una particolare disponibilità a muoverci dai nostri punti fermi, dai nostri dogmi intoccabili. Il cammino richiede un punto di partenza e un punto di arrivo, che è la stessa infinità di Dio.
La religione, purtroppo, tende sempre ad anticipare il punto di arrivo, e dargli subito un nome. Non lo dice, ma è così. Oppure, se parla di cammino, mette tali e tanti paletti che la strada è quella, ovvero quella fissata dalla religione. E su questa strada bisogna camminare. Altrimenti, fuori, c’è solo morte.
Ma lo Spirito di Cristo non è una strada a senso unico: è un crocevia di strade. Dallo Spirito di Cristo diramano infinite strade che trovano il punto di convergenza nel profondo dell’essere umano. Le religioni cercano di dirottare i credenti su altre strade, che non portano all’essere umano.
“Lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità”
Una cosa è certa: neppure il Cristo storico ha voluto rivelarci tutta la verità, per cui perché rifarci solo a quanto ha detto o ha fatto il Gesù Cristo dei Vangeli? Gesù ha detto chiaramente che la verità nella sua completezza è sempre aperta al futuro, e che bisogna camminare sulle ali dello Spirito santo, o del Cristo della fede.
La verità non è una dottrina già fissa in un dogma indiscutibile, qualcosa di immobile, di intoccabile, già scritto una volta per sempre. La verità, opera dello Spirito, non è neppure tutta presente nei Vangeli scritti. C’è sempre un oltre, che è una graduale conoscenza della verità divina, che lo Spirito scrive man mano nella storia dell’Umanità, e che bisogna leggere e interpretare con gli occhi della Mistica, e non con gli occhi carnali di una religione, che ha tutto l’interesse di imprigionare della verità ciò che fa comodo alla sua struttura.
In fondo al nostro cuore, nel fondo dell’anima, c’è una miniera da scavare ogni giorno, se vogliamo vivere di quella libertà, che è il frutto della verità divina, che ama le strade dello Spirito, e non della carne, come direbbe San Paolo.
La Bibbia è certamente un aiuto a scoprire la verità: non dimentichiamo che è sempre un libro scritto, ma lo Spirito non ama scrivere libri. Attenzione, dunque, ed è qui, secondo me, il limite di una Chiesa che si rifà sempre alla Sacra Scrittura, che è sempre e solo una Scrittura con tutti i rischi che può avere uno scritto.
La Bibbia termina con l’Apocalisse, ma, dopo l’Apocalisse, si è aperto un mondo nuovo, quello dello Spirito. Stiamo attenti a dire che la verità è tutta dentro la Bibbia. In ogni caso, per rivelazioni dello Spirito non intendo affatto le rivelazioni di santi o di madonne. Anche qui, lo Spirito agisce a modo suo: in modo del tutto invisibile, ma reale. Ed è qui la sua libertà d’agire. Ed è qui il fascino di una verità che sfugge al mondo visibile, ma opera nel mondo del nostro essere più profondo, là dove non esiste alcuna distinzione tra credenti e non credenti.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi