La figura di Don Milani oltre le strumentalizzazioni e le ideologie

da Democratica
Luigi Giorgi

1 settembre 2018

La figura di Don Milani

oltre le strumentalizzazioni e le ideologie

“Salire a Barbiana. Don Milani dal Sessantotto a oggi” a cura di Renato Micheletti e Renato Moro vaglia con taglio critico una delle figure più affascinanti, e che per questo ha suscitato più dibattito, del panorama politico, culturale e religioso italiano
Don Milani è uno dei personaggi più importanti della storia recente italiana oggetto di molti studi e lavori di approfondimento storico. Fra le ultime uscite va segnalato un testo a cura di Renato Micheletti e Renato Moro, edito da Viella, dal titolo “Salire a Barbiana. Don Milani dal Sessantotto a oggi”.
Un volume scritto a più mani che affronta la figura e l’opera del sacerdote di Barbiana attraverso alcune delle categorie e delle fasi storiche (nonché tramite le sue opere e i suoi scritti più noti) che ne hanno incrociato, e conseguentemente contrassegnato, la vicenda: il ‘68 come contestazione, in cui si inserisce la “Lettera a una professoressa” come testo, fra altri, di riferimento; “Padre del 68?”, si interroga e ci domanda nel suo saggio Giovanni Turbanti; il dibattito sulla sua presunta santità proposto da Caliò; la memoria della sua figura nell’associazionismo cattolico e nei movimenti post conciliari, secondo l’analisi di Marcelli; la non violenza e il dibattito intorno a questa, affrontata da Mocciaro. Ruozzi ci propone, altresì, come i media (teatro, cinema e televisione) ne abbiano ricostruito e presentato la figura e l’opera; Mennini ci ragguaglia sui diversi “pellegrinaggi”, delle più varie forze ed espressioni politico-partitiche, che hanno avuto come meta Barbiana. A tal proposito quest’ultimo scrive che:
“Senza riferimenti partitici definiti […] simboli come Barbiana diventano culturalmente disponibili per un paese in cerca di luoghi in cui rimestare significati in grado di riformulare le appartenenze tradizionali, di dare un senso più autorevole a motivi di militanza rispetto ai quali si fa sempre più ampio il divario tra società civile e scelte politiche” (p. 254).
Un lavoro pregevole che ci conduce e ci fa salire, come propone il titolo, a Barbiana, e di cui tira le fila Renato Moro nel suo saggio dal titolo, Scendere da Barbiana, dove scrive che:
“Riflettere storicamente su Milani e le sue diverse immagini e rappresentazioni, in una feconda collaborazione tra storia religiosa e storia della società, significa allora entrare in quel mondo di ricostruzioni complici o demonizzanti (ma fondanti della nostra identità di italiani di oggi) e poterlo smontare dall’interno, significa poter avere una chiave di lettura privilegiata per ricondurre finalmente a coscienza e comprensione critica quel magma di idee, speranza, comportamenti che fu l’esperienza di quegli anni” (pp. 259-260).
Il volume si chiude con la proposizione dell’intervista a Tullio De Mauro, rilasciata il 2 ottobre del 2013, il quale afferma, tra le altre cose, che:
“Don Milani era una voce genuina e la sua genuinità – questo non va mai dimenticato – ha una radice pastorale, evangelica, vissuta profondamente”. (p. 275).
Uno studio che vaglia con taglio critico, proprio del più valido ed utile metodo storico, una delle figure più affascinanti, e che per questo ha suscitato più dibattito, del panorama politico, culturale e religioso italiano. Si cerca in definitiva di individuare e proporre un percorso che riesca a disegnare la figura di un don Milani lontano da empatie eccessivamente entusiastiche, da un lato, e, dall’altro, da fraintendimenti denigratori e capziosi che non permettono di coglierne la reale portata umana, storica e religiosa. Un tragitto di indagine e di studio che sia in grado, soprattutto, di sottrarre a strumentalizzazioni ed usi impropri il parroco di Barbiana stesso come uomo e sacerdote e, allo stesso modo, i suoi scritti sempre così potenti e lucidi.
Il saggio, attraverso i vari lavori che lo compongono, cerca di individuare, alla fine, chi fosse don Milani, quantomeno di delinearne, in modo il più possibile obiettivo e lucido, la figura e la memoria che lo ha accompagnato anche dopo la sua morte.
Quello che sembra emergere, a mio parere, sulla base dei “suggerimenti” e alle “suggestioni” che il libro in questione ci propone, è il fatto che don Milani sia stato essenzialmente un Sacerdote, e in quanto tale ha inteso testimoniare il Vangelo nella sua interezza e nel suo tempo. Sacerdote lo è stato nella Chiesa e da questa non ha inteso tirarsene fuori. Profeta e modello suo malgrado, a volte contradditorio a volte contraddetto; non sempre lineare; dentro e fuori, sul sagrato, ma non diverso e non alieno alla Chiesa (scrive Marcelli: “Fra la nicchia di un santo venerabile e la piazza di un eroe civico, il priore di Barbiana sembra dalla sua morte fino ad oggi, accomodarsi provvisoriamente sul sagrato. Abbastanza fuori per non destabilizzare le coscienze di nessuno e parlare al contempo un linguaggio comprensibile ad una società secolarizzata, ma comunque in terra consacrata e dunque potenzialmente, anzi doverosamente conciliabile”) [p. 119]; sul “comodino” virtuale ed evocativo della contestazione, sia quella del ’68 che dei movimenti seguenti, ma non appartenente, del tutto, ai contestatori e al loro mondo. Si legge nell’introduzione di Michetti che:
“L’umana esigenza di poter cogliere in modo sintetico e chiaro il suo pensiero e la sua azione, come fosse un intellettuale a tutto tondo, sembra destinata a non essere mai del tutto soddisfatta. D’altro canto è proprio questo procedere del suo ragionamento in un modo per nulla lineare e a volte imprevedibile, ma che consente comunque al lettore un improvviso scarto della sua riflessione, ad essere tra le ragioni più probabile del successo della sua scrittura” (p. 16).
Don Milani è nel moderno, a suo modo, sostenuto da una non comune intelligenza degli eventi, dotata di capacità empatica con gli avvenimenti, e soprattutto con le persone, e sostenuto, soprattutto, dalla fede. In quella dimensione sta il suo essere più profondo, e il suo ministero più genuino ed insondabile agli occhi dell’uomo e agli studi. Diceva la madre, citata anche ultimamente da papa Bergoglio: “Mi preme soprattutto che si conosca il prete, che si sappia la verità, che si renda onore alla Chiesa anche per quello che lui è stato nella Chiesa e che la Chiesa renda onore a lui….quella Chiesa che lo ha fatto tanto soffrire ma che gli ha dato il sacerdozio, e la forza di quella fede che resta, per me, il mistero più profondo di mio figlio….Se non si comprenderà realmente il sacerdote che don Lorenzo è stato, difficilmente si potrà capire di lui anche tutto il resto. Per esempio il suo profondo equilibrio fra durezza e carità” (pp. 83-84).
Ecco, forse, la vera essenza dell’uomo che ha scosso il mondo culturale, politico e civico del nostro paese, e su cui la storiografia si è esercitata a volte con successo, come in occasione di questo libro, a volte meno. Ma che al di là di questo resta un esempio luminoso di impegno e di indipendenza di analisi nel contesto dell’Italia di quegli anni, nell’ambito della Chiesa del periodo, che ci parla e ci interroga indicandoci una via non banale e superficiale di impegno individuale come cristiani (per chi lo è) e come cittadini che partecipano al destino comune e al bene comune del paese soprattutto delle sue fasce sociali più in sofferenza, più svantaggiate, più povere.

 

3 Commenti

  1. maurizia ha detto:

    Io ho sempre apprezzato il fatto che Don Milani, schierato dalla parte degli ultimi, si sia tenuto lontano dai partiti e dalla politica che voleva strumentalizzarlo. Una volta venne invitato ad appoggiare il Partito Comunista da Padre Balducci, un sacerdote fiorentino che ne era un attivo fiancheggiatore; Don Milani lo mise sdegnosamente alla porta.

    • Luigi ha detto:

      Leggi “Io e don Milani” di Ernesto Balducci e “Il mio amico don Milani” di David Maria Turoldo. “Quando qualche volta mi è capitato di confessarlo, allora veramente ho sentito, per merito di lui, quanto grande e misterioso è questo sacramento della fraternità e del perdono. Cose troppo delicate per dirle in un qualsiasi articolo. Anzi è una delle ragioni per cui io su don Milani ho preferito piuttosto tacere. E però questa volta, davanti a certe manipolazioni e storpiature, il silenzio poteva essere anche una colpa” (D.M. Turoldo)

  2. Elia ha detto:

    “Lettera a una professoressa” e “L’obbedienza non è più una virtù” sono due capolavori che resteranno per sempre nella mente di chi li a letti.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi