Omelie 2018 di don Giorgio: FESTA DELL’ASSUNTA

15 agosto 2018: ASSUNZIONE DELLA B. VERGINE MARIA
Ap 11,19-12,6a.10ab; 1Cor 15,20-26; Lc 1,39-55
Una festa con tante incognite
Non saprei dire in quale misura la celebrazione dell’Assunta abbia caratterizzato il cuore del ferragosto. Senz’altro, le tradizioni religiose hanno dato un tono particolarmente folcloristico.
E non saprei dire quanto oggi sia rimasto di una fede cristiana, che vede nel dogma mariano l’esaltazione del corpo immacolato della madre vergine di Gesù, il Figlio di Dio.
Infine, non saprei se esistano statue o immagini dell’Assunta che abbiano versato lacrime o lanciato particolari messaggi penitenziali: sembrerebbe fuori posto venerare una Assunta piangente proprio nel culmine delle ferie agostane in cui non sembra che la gente, neppure credente, abbia assolutamente voglia di vedere e di pensare a qualcosa di triste.
Un segno di grande speranza
Una cosa sembra certa: nella glorificazione del corpo di Maria il popolo credente vede un segno di grande speranza, ovvero che di noi mortali non tutto perirà, ma resterà qualcosa, oltre a ciò che noi chiamiamo spirito o anima.
Mi è difficile comprendere in che cosa consisterà quel qualcosa di “carnale” che sarà esaltato, dopo la morte, forse perché di ciò che noi chiamiamo corpo abbiamo un’esperienza non sempre positiva, e questo in particolare capita quando si è costretti a vivere in un mondo soggetto più al dolore che alla gioia.
Ed ecco la domanda: la Chiesa afferma che è  stato assunto in cielo, ovvero glorificato, il corpo verginale, ovvero incontaminato, di Maria. E questa glorificazione è stata un privilegio per Maria, madre del Figlio di Dio incarnato. È vero anche che nel Credo professiamo per ogni essere umano la risurrezione della carne, ma ancora oggi nessuno riesce a spiegarci in che cosa tale risurrezione consisterà.
Maria/Eva, Cristo/Adamo
A parte queste preliminari considerazioni, che sembrano del tutto svanire in una società, dove la corporeità prevale su tutto, tanto da goderne fino agli eccessi, anticipando già su questa terra la glorificazione del corpo di Maria, ecco: la figura di questa donna eccezionale continua a suscitare interesse e fascino, anche oltre misura, immergendola in una divinizzazione tale da richiamare l’antico mondo idolatrico, quando le divinità femminili si spartivano un certo potere di predominio insieme alle divinità maschili.
Per la Chiesa, Maria è sempre stata vista come il riscatto della donna, in contrapposizione a Eva, ovvero a colei che, secondo l’autore sacro della Genesi, aveva contribuito a far cadere il compagno Adamo, mediante quel gesto di ribellione a Dio, passato alla storia col nome di peccato originale.
Come Adamo è stato riscattato da Gesù, così Eva sarebbe stata riscattata dalla madre del Figlio di Dio incarnato.
Gesù e Maria rappresenterebbero, dunque, la nuova Umanità.
Riflettiamo al di là delle immagini
Tutta la storia delle origini del male sembra risolversi nel Figlio di Dio incarnato, e nella ragazza di Nazaret, che lo ha generato per opera dello Spirito santo.
Attenerci a queste nude verità, che tra l’altro la Chiesa fin dagli inizi ha riconosciuto e proclamato anche con dogmi, non è mai stato facile per il popolo credente, tentato sempre di enfatizzare, divinizzando anche le realtà più semplici.
Eppure, è proprio nella semplicità e nell’umiltà che possiamo scoprire il segreto della presenza del Divino nell’essere umano.
Ogni esteriorizzazione del Divino, visto dunque e vissuto al di fuori dell’essere umano nella sua realtà più interiore, ha sempre creato seri problemi al Mistero di Dio che, se si serve delle sue creature per manifestarsi, non lo fa dall’esterno, ma dall’interno dell’essere umano, e così acquistano un senso parole quali: verginità, divinizzazione, glorificazione.
Limitandoci alla corporeità o carnalità sarebbe il più grosso errore o deformazione del Mistero divino, e, quando è successo, come in realtà è successo, la Chiesa è uscita dai binari, portando l’essere umano alla sua alienazione.
Occorre, dunque, andare al di là delle parole “carnali” e interpretarle nel loro significato più mistico.
Maria va vista come il paradigma o l’ideale di ogni essere umano: la verginità è allora qualcosa che riguarda il mondo dello spirito, così pure la divinizzazione e la glorificazione.
Maria, dunque, una grande mistica?
In proposito, i grandi Mistici medievali avevano idee chiare, e forse per questo sono stati condannati e, condannandoli, la Chiesa non ha fatto che creare una fede mostruosa, diciamo essenzialmente “carnale”, emarginando il mondo dello Spirito, e, sfruttando anche i cosiddetti privilegi di Maria, ha enfatizzato una figura femminile nella sua più aberrante deformazione esteriore.
Credo che la Chiesa dovrebbe riscattarsi in quanto Madre di generazioni spirituali, attraverso un’azione di ricupero dell’aspetto mistico dell’essere, di quel Divino che non cessa di auto-generarsi nel Figlio di una madre vergine.
Dunque, verginità, divinizzazione e glorificazione non riguardano il nostro corpo, ma il nostro essere interiore: qui, si può essere eternamente vergini, divini e glorificati.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi