Il Diavolo e le sue “trappole” di bellezza

L’EDITORIALE
di don Giorgio

Il Diavolo e le sue “trappole” di bellezza

Quando penso a ciò che “è” l’essere umano, e a ciò che rappresenta il mondo dell’essere interiore, non posso tacere, proprio in nome dell’essere umano, di fronte a qualsiasi violazione di ogni diritto dell’essere interiore, che è anzitutto un dovere, da parte di ognuno di noi, di essere “se stesso”.
Se l’opera del Maligno è separaci nel nostro mondo interiore (per questo si chiama diavolo, dal greco “dia”, attraverso, “ballo”, metto, ovvero: separare, metter in mezzo, frapporre una barriera, creare fratture), chi o che cosa collabora con lui nel dividerci nel nostro essere, è diabolico.
Smettiamola di rappresentare il Diavolo (non uso la parola “demonio”, che ha un significato positivo: demonio deriva da “demone”, un “essere divino” che fa da intermediario: pensiamo al demone Eros del “Convito” di Platone), con la faccia di un orco, sotto le sembianze animalesche, le più orrende, schifose e feroci.
Il Diavolo è intelligente (dopo Dio, dicono i teologi, il più intelligente è lui) e scaltro (lo dice anche Gesù: “I figli di questo mondo (maligno) sono più scaltri dei figli della luce”), perciò non  agisce da idiota: si fa bello, affabile, affascinante, seduttore, ingannevole.
L’inganno, per essere tale, non può essere grossolano, volgare: semina ovunque “trappole” che sembrano le stesse, se non ancor più “trappole”, di quelle divine.
Anche Dio, dice Simone Weil, ha messo nel mondo delle “trappole”, e la trappola più seducente è la Bellezza. Il Diavolo imita Dio, lo copia, ma ci inganna sotto le vesti di un dio bello, generoso, misericordioso, compassionevole.
La storia degli “ossessi”, di “posseduti” dal Maligno e dai suoi scagnozzi, è una bella o brutta trovata di una Chiesa, che ha tutto l’interesse a farci credere nelle manifestazioni animalesche del Diavolo, con l’intendo di farci paura: ogni religione vive creando paure per convincere i suoi credenti a stare in riga: genuflessi, sottomessi, obbedienti ai suoi dogmi e alle sue inflessibili norme moralistiche.
Anche il cattolicesimo, che è la deformazione più oscena del cristianesimo originario, è vissuto sulle paure, facendoci tuttora credere che il Diavolo assuma il volto di un mostro che divora le anime più minchione.
E il Diavolo se la ride, perché lui è altrove, là dove la religione non pensa che sia, ed è all’interno della Chiesa stessa, sotto le spoglie di un pontefice populista, o le sottane di preti anticonciliari e fondamentalisti o con il dolce paterno sorriso di un prete che abusa sessualmente di un bambino.
Una prova che la Chiesa abbia ancora una visione distorta del Maligno sta nella sua attuale preoccupazione di aumentare il numero degli esorcisti. Casomai, il vero esorcismo andrebbe fatto all’interno del nostro essere, con una seria, impegnativa, costante educazione per la scoperta del mondo interiore, là dove è presente il Divino, ma ancora seppellito, come scrive Etty Hillesum nel suo “Diario”, sotto una valanga di pietre di una ostinata indifferenza, e là dove c’è anche la presenza del Maligno, sotto le vesti dell’Ego, il quale, nella sua azione di appropriazione (questo è mio, quello è mio, ecc.) fa da ostacolo, bloccando la libertà dello spirito, e agisce da filtro, lasciando entrare dall’esterno solo cose, cose, cose ingombranti.
Ecco il Diavolo: l’Ego. Un Ego che diventa il nostro “signore”, che ha un bel volto, tale da offuscare quello di Dio.
In altre parole, il Diavolo gareggia con Dio, non offrendoci il Brutto, ma il Bello, ingannandoci.
Il Diavolo non è colui che divora le anime distogliendole da Dio: è colui che divide l’essere umano, separandolo dal mondo del Divino.
E per fare questo il Diavolo assume il volto di una bellezza che è apparenza, una falsificazione ingannevole della Realtà divina.
La Chiesa non ha capito nulla dell’inganno del Maligno, forse perché essa stessa è preda del Maligno, e lo sarà fino a quando idolatrerà il suo “grosso animale”, ovvero la sua struttura dogmatica e morale, i suoi organismi assistenziali ed educativi, che pensano solo a curare la “carnalità”, dimenticando l’essere interiore, ovvero il mondo dello spirito, nelle mani di un Ego che divide, separa, frantuma ogni rapporto con il mondo del Divino.
E poi ci si lamenta di ciò che di orrendo succede nel mondo: guerre, violenze, stupri, femminicidi, pedofilie, ecc.. Ci scandalizziamo e protestiamo, ma non otterremo nulla, saremo solo ridicoli pagliacci che espongono pezzi colorati di tela fuori dalle finestre o scendendo sulle piazze gridando contro questo o contro quello, a vanvera.
Siamo alieni, e protestiamo da alieni!
Solo all’interno del nostro essere, potremo vincere la battaglia tra il bene e il male. Fuori, tutto è bello e tutto è brutto, ma la bellezza talora è solo apparenza che nasconde il male.
Sì, siamo alieni fottuti dalla nostra stessa alienazione!
La società è ipocrita, e la religione è ipocrita. E la Chiesa è spenta: grida “al lupo! al lupo!”, ma il lupo non c’è, là dove grida la Chiesa.
Il lupo è quell’Ego che ci divorando nel nostro essere.
La società è l’incarnazione dell’Ego, così la religione, così la Chiesa: esse vivono di “carnalità”, ovvero di un corpo sociale e religioso, che è il vero “grosso animale” platoniano.
E il Diavolo se la ride di gusto. Sembra quasi che, dall’alto di un monte, tranquillamente seduto, guardando la vallata dica soddisfatto: “Fanno tutto loro!”.
E continuamente passa da una cima all’altra, perfino vola sulla guglia più alta di una cattedrale, e ripete la stessa cosa: “Fanno tutto loro!”.
Dicono che l’abbiano visto anche sulla guglia più alta del Duomo di Milano.
Aveva il volto della “madonnina”, tutta luccicante d’oro, come quello che affascinava il popolo in  adorazione del vitello d’oro.
Sono qui, a meditare e a soffrire, pensando. “Quale Mosè potrà liberarci, per condurci verso la Terra Promessa?”.
18 maggio 2019
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi