L’arcivescovo Mario Delpini viene di persona a esprimermi solidarietà!

L’arcivescovo Mario Delpini

viene di persona a esprimermi solidarietà!

di don Giorgio De Capitani
Non tutto il male vien per nuocere!
La sentenza di condanna dell’11 novembre scorso, emessa nei miei confronti dal Tribunale di Lecco (giudice monocratico Nora Lisa Passoni), una sentenza pesantissima tanto da “scandalizzare di brutto” tantissime persone che conosco e anche gente che non conosco, è stata una “bomba” che ha scatenato anche un’apertura “provvidenziale” dagli aspetti diversi: dalla mia presa di coscienza che per certe battaglie politiche ed anche ecclesiali non occorre insistere perennemente sullo stesso metodo, ma che a una certo punto si deve cambiare tattica (mi sono già ripromesso di farlo, da subito, senza tuttavia cedere di un millimetro), fino ad assistere, quasi meravigliato, fortemente meravigliato, al risveglio di quella chiesa milanese, che negli anni passati ho combattuto, forse con troppa audacia, visto che man mano che il tempo passava il silenzio si intensificava come una cappa di piombo sulla mia residenza privatamente forzata.
Sì, pestavo sempre più i piedi in attesa che qualche pezzo grosso della Curia milanese reagisse, nella speranza che si aprisse qualche spiraglio per un dialogo, all’inizio magari difficile, ma che avrebbe portato, con la buona volontà di tutti, ad una soluzione pacifica.
No! Ci è voluto una condanna pesante perché succedesse come un miracolo. Prima la telefonata (subito dopo la sentenza) di monsignor Franco Agnesi, con cui il Vicario Generale della Diocesi milanese mi esprimeva sentitamente solidarietà, disposto anche, forse in nome della Curia, di aiutarmi economicamente, vista l’ingente somma che “dovrei” versare a Salvini e allo Stato, e poi, dopo qualche giorno (14 novembre) lo stesso arcivescovo di Milano, Mario Delpini, scriveva di suo pugno un biglietto in cui mi diceva:

Nei giorni precedenti l’incontro, mi ero posto diverse domande sul perché della visita così inaspettata dell’arcivescovo a casa mia, in località Perego (La Valletta Brianza). Una cosa era sicura: tutto è successo, subito dopo quella “maledetta” e “benedetta” sentenza giudiziaria per la querela di Matteo Salvini nei miei riguardi.
Prima che mi arrivasse il biglietto dell’arcivescovo (ci ha messo 6 giorni di tempo!), avevo realizzato un video, in cui, dopo l’incontro di Salvini-Ruini e dopo l’invito da parte del leader leghista per un altro incontro al cardinale di Bologna Matteo Zuppi, con il proposito di allargare i colloqui ad altre autorità ecclesiastiche, ebbene, in quel video, dopo aver stigmatizzato il colloquio tra l’altro privatissimo tra Salvini e Ruini, avevo posto qualche domanda alla Curia milanese: quale sarebbe stata la sua scelta? accettare l’incontro con Salvini oppure rifiutarlo?
Ed ecco la risposta immediata dell’arcivescovo, che ha espresso esplicitamente con una visita personale la sua solidarietà nei miei riguardi.
Non è difficile vedervi una scelta esplicita della Curia milanese, che ha preferito solidarizzare con un prete anti-salviniano nell’anima e nel corpo.
Questa è la realtà dei fatti. Certo, si può discutere sulle mie supposizioni, ma è veramente difficile confutarle.

 

11 Commenti

  1. Giorgio ha detto:

    Non vorrei deludere i molti che hanno espresso entusiasmo per la visita di Delfini a don Giorgio, ma volevo solo ricordare la sesta Opera di misericordia corporale: visitare i carcerati. E se fosse stato solo questo?
    Anche Montini e’ andato a San Vittore.

  2. simone ha detto:

    Scrivo qui perchè è una pagina bella di questo blog e tra le cose belle mi permetto di aggiungere questa bella intervista al card. Zuppi sulla chiesa dei nostri giorni e sul tema della morte.

    https://www.quotidiano.net/cronaca/cardinale-zuppi-intervista-1.4902742

    riporto solo questa risposta che personalmente mi ha commosso:

    Lei come si immagina il dopo?
    “Come una luce. Una pienezza di luce senza diaframmi, in cui tutto si chiarisce e tutto si riconcilia. Anche il peccato, il buio, le cicatrici della nostra vita: tutto viene pienamente amato. E poi l’amore con gli altri: quello che divideva, scompare. Saremo tutti una cosa sola”.

    buona lettura

  3. Luigi ha detto:

    Felice per l’incontro. Hai fatto bene don Giorgio a manifestare a Delpini l’interesse per le profondità mistiche. Delpini e Franco Agnesi hanno collaborato con Martini. Sanno che: “occorre educare a gesti, pensieri e parole di perdono, di comprensione e di pace, usando tolleranza zero per ogni azione che esprima sentimenti di antisemitismo, di xenofobia”. Se la memoria non m’inganna, Martini si rifiutò d’incontrare la cattolica leghista Irene Pivetti.

  4. Teofilo ha detto:

    Caro don Giorgio,
    sono davvero felice! Lei lo sa bene: non è stata una visita di circostanza; non una delle visite che il vescovo fa a i suoi preti. Io sono certo (e lei lo sa) che Delpini ha voluta cercarla. Mi è venuta in mente la parabiola di Zaccheo: “Voglio venire a cassa tua”. E don Mario è venuto. Basta questo? NO! Vorrei sapere che avrà libertà di celebrazione, di predicazione, di movimento. Lo chieda al Vescovo.La porta è aperta. E’ un bel regalo di Natale.
    La prego don Giorgio: preghi per me
    suo aff.mo d. Tommaso

  5. Patrizia ha detto:

    Il coraggio di quest’uomo ha smosso le coscienze, ed era ora. E poi la pace e la solidarietà fanno sempre bene al cuore.
    Veramente una buona notizia.

  6. simone ha detto:

    Questa fa onore a mons. Delpini. Non tanto per la posizione anti-Salvini ma per la vicinanza che un pastore deve a tutte le sue pecorelle.
    Dopo l’omelia nella solennità di San Carlo (una belle strigliata al clero milanese) ho iniziato a rivalutare questo vescovo. Certo ha ancora mille lacune ma forse, a mio modo di vedere, ha centrato il campo d’intervento.
    1- i preti che si sentono i PADRONI delle comunità facendo tutto quello che vogliono.
    2- i laici schiavi del volontarismo, che vivono la fede come un palcoscenico e son diventati incapaci di dare una testimonianza autentica tanto da esser ormai impossibile definirli “cristiani”….son figuranti.

    Certo la strada è ancora lunghissima ma forse si è imboccata la direzione corretta.
    don Giorgio mi permetta di dirle che questo piccolo segno ha un grandissimo valore. Buon Natale don Giorgio…di cuore!

  7. lanfranco consonni ha detto:

    Ho letto solo ora e solo il titolo di questa notizia.
    Al di là di ogni riflessione e prima di ogni ragionamento, la prima reazione è che mio sono commosso.

  8. Marco Brenna ha detto:

    Caro don Giorgio questa è una Sua grande vittoria e la prova certa che Gesù e Maria detestano l’empio individuo che li strumentalizza. Di sicuro don Livio Fanzaga di Radio Maria si starà mangiando il fegato.:-)

  9. marco ha detto:

    Un piccolo grande passo per ritrovare capacità di incidere sulla realtà politica, sociale ed ecclesiale.
    Ognuno con i suoi carismi.

  10. giuseppe ha detto:

    EGREGIO DON GIORGIO, SONO MOLTO LIETO DELLA VISITA DEL NOSTRO ARCIVESCOVO A CASA SUA. LE SONO VICINO E PREGO PER LEI.
    CON CORDIALITA’, GIUSEPPE

  11. bartolomeo palumbo ha detto:

    FINALMENTE!!!!!!!!!!!!SPERO BENE!!!!!!!!!!!!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi