Omelie 2017 di don Giorgio: TERZA DI AVVENTO

26 novembre 2017: TERZA DI AVVENTO
Is 51,1-6; 2Cor 2,14-16a; Gv 5,33-39
Alla ricerca di una parola “interessante” e “provocatoria”
I tre brani della Messa sembrano fuori contesto. Forse avremmo preferito una scelta più appropriata al tempo liturgico dell’attesa del Salvatore.
Ma facciamo uno sforzo, e cerchiamo di cogliere almeno qualche parola, che ci aiuti a riflettere in vista del Mistero natalizio che, diciamolo ancora una volta, meriterebbe una concentrazione anche mentale più di quanto noi cristiani facciamo, sommersi come siamo, anche perché ci fa comodo, in una massa di banalità, oramai diventate una prassi doverosa, per non dire necessaria: la prassi di una vigilia che si prolunga in uno spasmodico consumo di companatico, dimenticando il vero pane sostanzioso, quello che nutre il nostro spirito interiore.
“Ascoltatemi”… “risvegliati”… “ridestati”
Mi soffermo sul primo brano. Se leggiamo tutto il capitolo 51 del libro scritto dal Secondo Isaia, e l’inizio del 52, troviamo ripetuti i verbi all’imperativo: “ascoltatemi” e “risvegliati” oppure “ridestati”. Per ascoltare bisogna fare silenzio, altrimenti se parliamo non possiamo ascoltare chi ci parla, e succede, come avviene nei dibattiti politici, che le parole si sovrappongano, con  il caos che ne segue.
Se poi a parlare è Dio, allora il silenzio deve essere ancor profondo e interiore: possiamo anche non dire parole con la nostra lingua, ma se siamo distratti nei nostri pensieri o nel nostro cuore, allora non c’è ascolto.
Ecco poi il senso del verbo “risvegliarsi” o ”ridestarsi”. Se dentro di noi facciamo silenzio e lasciamo parlare lo Spirito interiore, si ridesta in noi quel Sé che è il fondo della nostra anima. “Risvegliatevi!”. Quanto mi piace questo verbo! Avevano ragione i grandi filosofi greci, i mistici indù e i mistici cristiani medievali a dire che dentro di noi c’è un Sé addormentato, magari in coma, da risvegliare. Tutti nasciamo con un sé addormentato: il nostro compito è di risvegliarlo.
Ma se noi lasciamo allo Spirito la possibilità di parlare, il Sé divino si risveglia. Più noi parliamo o lasciamo parlare chi non ha diritto di parlare con il linguaggio dello Spirito, il nostro sé, ovvero il nostro essere più interiore, rimane in coma. E allora ecco una società di alienati, di fuori testa: fuori di quel Sè che è il nostro vero essere.
Detto questo, ci è più facile ora cogliere il significato della parola “giustizia”.
Giustizia, diritto o legge
Non solo nella società, dove la parola “giustizia” come l’insieme di diritti da conquistare ha forse superato la parola amore, ma anche nella Bibbia la parola “giustizia” ricorre frequentemente, anche sotto forma di diritto o di legge.
I primi cinque libri dell’Antico Testamento, che formano il Pentateuco, sono chiamati dagli ebrei la Torah, ovvero la Legge. Pensate anche ai Salmi, dove la legge è quasi un ritornello. Del resto, la parola “testamento”, che significa patto o alleanza, richiama la legge.
Ed ecco la domanda: che rapporto c’è tra la giustizia e la legge o il diritto? Nel campo sociale, c’è un rapporto così stretto che non si può parlare di giustizia senza il diritto o la legge.
Purtroppo, ripeto purtroppo, nel campo religioso si è commesso l’errore di interpretare il nostro rapporto con Dio, facendo prevalere la legge, cadendo in quel fariseismo che non è mai morto. Per cui: tra il singolo e Dio c’è di mezzo la legge religiosa, che manipola a suo piacere sia il singolo che l’immagine stessa di Dio.
Secondo gli studiosi, nella Bibbia la “giustizia” (in ebraico, sedeq o sedaqh) è associata al volere di Dio e spesso indica la sua volontà. Può essere sinonimo di legge, intesa nel senso di rivelazione. Sempre secondo la Bibbia, “volere” o “seguire” la giustizia indica l’impegno a realizzarla; “conoscere” la giustizia implica la dedizione di tutta la persona nel vivere la volontà divina. Per questo equivale, come dice il profeta Geremia, ad “avere la legge nel cuore”.
Che dire? Tante belle parole, ma sulle parole si può equivocare, e cadere sempre nel difetto del fariseismo. Se legge è rivelazione del volere di Dio, bisogna sapere qual è la volontà di Dio, che non va fatta coincidere con il volere umano, e nemmeno della religione o della Chiesa. Sta qui il punto: qual è il volere di Dio? E poi: che significa volere?
Dio è il volere del Bene assoluto, e quindi del nostro bene come ricerca del Bene assoluto. La giustizia di Dio allora è Dio stesso come Bene assoluto. Giustizia umana è tendere alla giustizia di Dio come Bene assoluto. Sganciata dal Bene assoluto, la giustizia cade nell’egoismo più spietato o nella schiavitù più feroce.
Ci tengo a parlare di giustizia, perché ritengo che sia la parola da scoprire nella sua essenza: una scoperta che precede quella dell’amore, della libertà e della verità.
Se ben riflettiamo, i nostri concetti di amore, di libertà e di verità sono riduttivi o addirittura falsi, perché ci manca il vero concetto di giustizia, intesa come quell’armonia che dà ad ogni cosa il suo vero posto.
Se in Dio tutto è giustizia o armonia, tra di noi e in noi non è così. Tutto è squilibrato, per quel senso di falsa giustizia che fa prevalere i nostri diritti sugli altri. In tal caso come possiamo parlare di amore, di libertà e di verità?
Quando diciamo che Dio è giusto, quando parliamo dei giusti di Dio, non possiamo non ribaltare i nostri concetti di giustizia, di diritto e di legge.
Poco fa ho citato Geremia. Il profeta spiega cos’è la nuova alleanza che Dio vuole concludere con il popolo d’Israele: «Porrò la mia legge dentro di loro, la scriverò nel loro cuore».
Dunque, la legge di Dio è nel nostro essere interiore. Da qui, dal nostro essere interiore, ha origine la vera giustizia, e dalla giustizia hanno origine l’amore, la libertà e la verità.

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi