Omelie 2013 di don Giorgio: Seconda domenica di Pasqua

7 aprile 2013: Seconda di Pasqua

At 4,8-24a; Col 2,8-15; Gv 20,19-31

Il primo brano, tolto dal libro “Atti degli apostoli”, scritto da Luca, (un libro che ci accompagnerà per tutto il periodo pasquale) accenna ad un miracolo compiuto da Pietro e Giovanni, mentre salivano al tempio per pregare: erano circa le tre del pomeriggio, l’ora del sacrificio serale, quando si immolava un agnello.
Tra parentesi. Gli apostoli e i primi cristiani hanno continuato a frequentare il tempio, evitando all’inizio di scontrarsi con il culto ebraico. Saranno i capi dei giudei a respingere la Chiesa nascente. La guarigione miracolosa dello storpio è stato il punto di partenza dello scontro. Luca lo fa notare molto chiaramente: tale distacco non è stato voluto dagli apostoli, i quali anzi si sono adoperati a favore del popolo. Era evidente che prima o poi il problema si sarebbe posto: il cristianesimo doveva per forza staccarsi dalla religione ebraica. Era un’altra cosa. Appena gli apostoli testimoniano Cristo, nascono subito gli attriti. Ma gli attriti, notiamolo, non saranno tanto tra due religioni. In seguito, succederà purtroppo che il cristianesimo, riducendosi a religione, creerà scontri appunto di religione, e ciò non farà bene alla stessa società. Il cristianesimo, se deve scontrarsi, è per tutto ciò che è contro l’Umanità. Ma questo è un altro discorso.
Nelle vicinanze del tempio affluivano molti poveri, per lo più gente con dei difetti fisici (ciechi, storpi ecc.), costretti a mendicare per sopravvivere. Erano ritenuti socialmente improduttivi. Non è certo con una moneta che si risolvono le piaghe sociali. Tuttavia talora sono anche i piccoli gesti che possono aiutare un indigente. È comodo anche dire: a che serve fare un’offerta in denaro? Mi hanno colpito le parole del primo discorso della neo eletta Presidente della Camera, Laura Boldrini, quando ha detto: “Dovremo ingaggiare una battaglia vera contro la povertà, e non contro i poveri”. Quando ho davanti a me un poveraccio, che cosa gli dovrei dire: “Prima risolvo i problemi della povertà, e poi ti aiuto?”. Oppure: “Se si risolvono i problemi della povertà, anche tu non sarai più povero?”.
Certo, Pietro e Giovanni vanno alla radice del problema: rimettono in piedi quel disgraziato, che così potrà finalmente entrare come produttivo nella società. Ma non tutti noi abbiamo la capacità di compiere i miracoli. D’altronde, oggi il problema non è tanto un difetto fisico che è di impedimento ad un posto di lavoro: il problema è più generale. Anche i sani non trovano lavoro. E anche qui non dobbiamo aspettare che la crisi passi, perché torni un posto di lavoro a tutti. Nel frattempo, cosa fare? Le risposte sono complesse, sono soprattutto politiche, anche se i cittadini hanno una loro responsabilità per come votano, per come lottano, per come pensano e agiscono in quanto cittadini: sono coscienti che il bene comune è superiore al bene individuale o di gruppo?
Ciò che mi ha colpito del miracolo dello storpio sono le parole con cui Pietro si rivolge a quel disgraziato. Anzitutto, lo fissa negli occhi; lo guarda. Già questo è indicativo di un gesto che non è impersonale, freddo, magari calcolato. E poi Pietro gli dice: “Guarda verso di noi”. I due volti si devono incrociare. Le nostre elemosine talora avvengono tra due sguardi che si abbassano: io non guardo quel disgraziato negli occhi, e lui non mi guarda. Io do e lui riceve, senza guardarci.
E lo sguardo del paralitico si fa prolungato, in attesa di ricevere qualcosa. Ecco, sta qui l’errore di fondo: essere in attesa di ricevere qualcosa. Prima di un gesto d’amore. Qualcosa ci sembra bastare. Quel qualcosa che ci risolva il problema esistenziale, almeno in quel momento. Noi viviamo di qualcosa e di attesa di qualcosa.
Ma Pietro gli dice: “Non possiedo né argento né oro, ma quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, àlzati e cammina!”. Pietro non ha qualcosa, ma il potere, nel nome di Cristo, di farlo camminare. Chi crede in Dio e nei valori umani ha questo potere: far camminare le persone spente nella speranza di vivere. Non è questo di cui ha bisogno la società di oggi? Crediamo di risolvere i problemi esistenziali dando qualcosa o, peggio, promettendo qualcosa. E pensare che potremmo risollevare il mondo con un po’ di amore e di fede nell’Umanità. Il progresso economico ha forse risolto qualcosa? Ci ha dato un mondo migliore? Papa Francesco con poche parole, la sera di mercoledì 13 marzo, ha conquistato il mondo infondendo serenità e speranza più di quanto se avesse dato a tutti gli uomini un po’ di denaro.
Poi Pietro prende lo storpio per la mano, quella mano che era già tesa per ricevere qualcosa, e lo solleva. Commovente ciò che succede: l’infermo balza in piedi, cammina, salta e grida di gioia, contagiando la folla presente, che rimane profondamente colpita. E poi, camminando, saltando, gridando la sua gioia  e la sua riconoscenza al Signore e ai suoi benefattori, Pietro e Giovanni, e tenendoli per mano, l’uomo guarito attraversa la porta con loro e passa nel cortile interno del tempio, per assistere al sacrificio della sera.
Davanti alla folla piena d’entusiasmo per quanto era accaduto, Pietro tiene nel tempio un discorso per chiarire che quanto era successo non era dovuto alla magia di qualcuno, ma ad opera di quel Cristo che era stato ucciso. Ucciso da chi? Proprio da loro: «Voi avete rinnegato il Santo e il Giusto e avete chiesto che vi fosse graziato un assassino. Avete ucciso l’autore della vita, ma Dio l’ha risuscitato dai morti. E per la fede riposta in lui il nome di Gesù ha dato vigore a quest’uomo che voi vedete e conoscete». Mentre Pietro e Giovanni stavano ancora parlando al popolo, «sopraggiunsero i sacerdoti, il comandante delle guardie del tempio e i sadducei, irritati per il fatto che essi insegnavano al popolo e insegnavano in Gesù la risurrezione dai morti. Li arrestarono e li misero in prigione… Il giorno dopo… li fecero comparire davanti a loro e si misero ad interrogarli: “Con quale potere o in quale nome voi avete fatto questo?”.
Ed ecco il brano di oggi. Pietro tiene un altro discorso. Semplice ma chiaro. Ripete che il miracolo è avvenuto «nel nome di Gesù Cristo il Nazareno, che voi avete crocifisso e che Dio ha risuscitato dai morti». I capi non sanno più che cosa fare: rimangono colpiti dalle parole semplici, e non dotte, dei due apostoli e dalla loro franchezza, in greco “parresia”. Il sinedrio allora emette una contraddittoria ingiunzione:  Pietro e Giovanni non dovranno più parlare in pubblico “nel nome di Gesù”. Ma essi rispondono: “Noi non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato”.
A noi credenti di oggi manca la “parresia”. Martini così spiega: la “parresia” è  la “capacità di testimoniare liberamente e coraggiosamente il messaggio cristiano anche in un mondo ostile. Nel mondo greco essa (“parresia”) significava la libertà di parola che spettava nell’assemblea al cittadino che godeva dei pieni diritti civili, e di conseguenza il coraggio e la franchezza con cui tale privilegio veniva esercitato”.
Non si tratta tanto di un diritto di opinione, ma di dire la verità. Che è un’altra cosa. Anche l’espressione: “meglio obbedire a Dio che agli uomini” è stata talora presa in modo del tutto errato. Che significa “obbedire a Dio”? a quale Dio? E nel nome di Dio abbiamo fatto guerre, violenze, soprusi d’ogni genere.
So che il brano di Vangelo sarebbe interessante da commentare. L’episodio di Tommaso ci ha sempre affascinato. Tommaso è dentro ciascuno di noi con i suoi dubbi, le sue perplessità, la sua voglia di toccare la realtà prima di credere. A noi piace Tommaso. È simpatico. Lo sentiamo nostro.
Preferisco dire due brevissime parole sul tema di questa domenica che, come voi sapete, è stata dedicata alla Divina Misericordia fin dal 2000 da papa Giovanni Paolo II. Del resto al tema della misericordia di Dio aveva dedicato la sua seconda enciclica Dives in Misericordia, scritta nel 1980. Il papa attuale, Francesco, ha fatto subito della misericordia di Dio il cuore dei suoi messaggi. Ha colpito l’insistenza con cui parla di un Dio misericordioso. Già durante il suo primo Angelus, di domenica 17 marzo, commentando il Vangelo della quinta domenica di Quaresima, dedicato nel rito romano alla donna adultera, papa Francesco ha sottolineato che da Gesù ”non sentiamo parole di disprezzo o di condanna, ma solo amore e misericordia”. E si è soffermato su un aspetto della misericordia che è la pazienza di Dio.  “La misericordia cambia tutto – ha scandito Francesco parlando ai fedeli – cambia il mondo, e lo rende meno freddo e più giusto. Abbiamo bisogno di capire la misericordia di Dio. Egli – ha affermato ancora il Papa – è un padre misericordioso che ha tanta pazienza”. Francesco ha poi raccontato ai fedeli di un incontro avuto con una donna ultra ottantenne nel 1992, in occasione dell’arrivo in Argentina della statua della Madonna di Fatima. Durante una Messa per gli ammalati, mentre l’allora cardinale Bergoglio stava confessando, la donna gli si avvicinò. Il futuro Papa le disse: “Nonna lei vuole confessarsi? Ma se lei non ha peccato?”. “Tutti abbiamo peccato”, rispose l’anziana. “Ma forse il Signore non ci perdona”, replicò Bergoglio. “Se il Signore non perdonasse, tutto il mondo non esisterebbe”, disse la donna con sicurezza. “Mi dica, signora – rispose ancora Bergoglio – lei ha studiato alla Gregoriana?”. E da questo racconto Francesco ha tratto l’insegnamento per i fedeli che lo ascoltavano: “Non dimentichiamo questa parola: Dio mai si stanca di perdonarci. Mai. Il problema è che noi ci stanchiamo di chiedere perdono”.

 

 

 

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi