Congo: è ancora tempo di uccidere…

da Vitaepensiero

Congo:

è ancora tempo di uccidere…

di Fabrizio Floris
Tempo di uccidere scriveva Flaiano a proposito della guerra in Etiopia del 1936, ma adesso in Etiopia c’è la “pace” e in Congo persiste la guerra, sembra che in Congo sia sempre tempo di uccidere. A partire dal XVIII secolo gruppi di pastori tutsi hanno iniziato a stabilirsi in Kivu, nel territorio di Mwenga, dove i capi locali concessero loro l’uso dei pascoli. Già prima della divisione coloniale sancita dalla conferenza di Berlino del 1884-1885 clan composti sia da hutu che da tutsi vivevano nella regione di Rutshuru, a Walikale, a Goma e nel massiccio del Masisi (attualmente la popolazione di origine ruandese in Congo è di circa 3 milioni di persone molte delle quali vedono i gruppi ribelli come eserciti di liberazione). In sintesi storia, demografia e cultura si sono intrecciate e scontrate in questi territori e la scoperta di sempre nuove ricchezze nel sottosuolo ha aggiunto ulteriore complessità. Ma l’effetto più deflagrante è avvenuto nel 1994 con l’afflusso di rifugiati tutsi e hutu fuggiti dal genocidio del Ruanda il Congo è diventato un luogo di transfert della contesa ruandese a cui si sono aggiunte e sovrapposte altre tensioni (Uganda) e gruppi di guerriglia sia indipendenti, sia sostenuti in modo incrociato dai Paesi confinanti finalizzati al controllo delle enormi risorse minerarie delle provincie del Kivu e dell’Ituri.
La violenza nel corso di questi anni è stata una costante con picchi e livelli diversi, ma da quando è stato decretato lo stato d’emergenza e la legge marziale i morti e gli episodi di violenza sono raddoppiati. Almeno 131 civili sono stati uccisi dai ribelli dell’M23 (Movimento 23 marzo) tra il 29 e 30 novembre nell’est della Repubblica Democratica del Congo, secondo un’indagine preliminare delle Nazioni Unite che sta ricostruendo quanto accaduto a Kishishe e nel vicino villaggio di Bambo. «Sono ammazzati come le bestie, racconta un dottore nato nella regione che chiede di rimanere anonimo, in Congo non c’è più da sperare, i volti della gente sono spenti, atterriti, non c’è più la felicità tipica dei villaggi africani, l’entusiasmo per l’ospite, la gioia dell’altro. L’abitudine qui è vedere morti, persone senza testa, arti sparsi per le strade».
Le violenze sono una cronaca quotidiana, ma si sono ulteriormente inasprite. A partire da maggio 2022 quando il Movimento 23 marzo (M23) filo ruandese tutsi, ha avviato un’offensiva che l’ha portato a controllare parti sempre più ampie di territorio, uccidendo e sfollando decine di migliaia di persone. Per tutta la durata della crisi, Kinshasa ha accusato la Forza di Difesa del Ruanda (RDF) di sostenere i ribelli. Come in passato, Kigali ha negato qualsiasi coinvolgimento in quello che ha definito «un conflitto interno al Congo» e, a sua volta, ha accusato Kinshasa di cooperare con le Forces démocratiques pour la libération du Rwanda(FDLR), un movimento ribelle ruandese hutu (alcuni membri dell’esercito congolese hanno stretto alleanze ad hoc con gruppi armati locali, tra cui le FDLR, per combattere l’M23).
Ma la domanda che sta dietro a questi fatti è perché? La violenza è un effetto, ma qual è la causa? L’M23 sostiene che gli attacchi derivano dal mancato rispetto del governo congolese di reintegrare i militari dell’M23 nell’esercito congolese. Poi si parla della necessità di difendere i tutsi che vivono in Congo e di rivalità commerciali tra Kigali e Kampala dovute al desiderio di controllare le vie di comunicazione per far passare nei rispettivi Paesi coltan, oro e terre rare, sarebbero queste le motivazioni all’origine della ripresa dei combattimenti dell’M23. Dieci anni fa l’M23 era stato sconfitto e i suoi miliziani si erano reinsediati nei campi profughi ruandesi e confidavano nell’amnistia e nel poter essere integrati nell’esercito congolese anche ad alti livelli. Lo spiegamento delle forze ugandesi nel Nord Kivu, l’arrivo di altri eserciti regionali (Sud Sudan, Kenya, Burundi) per conto della Comunità dell’Africa orientale, e il fatto che il Ruanda sia stato escluso da questa iniziativa (dai contorni e dai finanziamenti poco chiari), sono tutti sviluppi che Kigali ha percepito come «atti ostili», e che forse l’hanno spinta a dare il suo sostegno militare ai ribelli. Non si tratta di controllare questa o quella miniera, ma le vie di comunicazione che portano la ricchezza del Congo verso Uganda e Ruanda. E per questo è ancora tempo di uccidere.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi