Uno sfogo necessario per un risveglio salutare

L’EDITORIALE
do don Giorgio

Uno sfogo necessario per un risveglio salutare

Lo confesso. In questi ultimi tempi non mi sento o, meglio, non provo alcuna attrattiva, diciamo che sono pigro, o meglio, che non ho voglia di mettermi davanti a una videocamera e sparare a zero contro questo o contro quella: mi sembra di essere vuoto dentro, quasi amorfo, forse perché nauseato di tutto e di tutti.
Ma il motivo forse è un altro: a che serve?
Una domanda che prima, nei bei tempi delle lotte anche feroci, non mi ponevo, forse perché c’era una dura anche virulenta reazione anche popolare, il che mi teneva in vita, dandomi una ragione per continuare a lottare.
Ma era una illusione, forse non capivo che la vera dialettica non sta in una magari sterile contrapposizione, tanto più se da una parte c’è la durezza del potere politico e ecclesiastico, e dall’altra una voce di protesta, magari isolata o per lo meno lasciata sola in un contesto di comunità, che pensa solo a tenersi caro il “suo” prete, tanto caro da proteggerlo, pretendendo da lui una vita “normale”, di buon pastore che ha cura delle sue pecore, poche o tante che siano non importa, purché siano lasciate tranquille a vegetare senza essere troppo esposte ai lupi rapaci.
Da anni ormai (più di otto per precisione) non ho più un gregge da “curare”: sono un pastore a cui è stato tolto tutto, perfino il nome o la qualifica di pastore.
Lottare da prete di parrocchia mi prendeva con una passionalità tale da non sentirmi pastore senza espormi ed esporre anche il gregge alla violenza invasiva del lupi rapaci.
Mi hanno “strappato” il gregge; ciononostante mi sento empaticamente unito con quel pezzo di umanità che, volere o no, mi coinvolge, anche se quasi esclusivamente solo su internet.
Dicono che la realtà sia un’altra cosa da quella che si incontra sui social. Ma tutto è questione di empatia, che però va oltre la carnalità o quel rapporto talora brutale con le situazioni reali di una comunità o di un paese in quanto tali.
Ma è qualcosa che in realtà non ci lascia mai estranei o indifferenti, evitando di isolarci per non farci soffrire, per poi buttarci giù in una depressione tale da non permettere qualche salutare reattività.
Il contatto con la gente stimola a reagire, lottando perché il gregge non si lasci abbindolare da pastori mercenari.
Ora il contatto con la gente mi manca, e la domanda: A che serve?, torna frequentemente.
Se prima mi era istintivo colpire con un linguaggio per nulla politicamente corretto gentaglia che cavalcava qualsiasi forma di potere, ora la domanda torna: A che serve?
In realtà la domanda ha una sua logica: non si sconfigge il potere solo con le critiche anche aspre.
È il tempo il vero giudice implacabile del potere più o meno corrotto.
Prima ero insofferente, imprudente, impaziente, istintivo, forse troppo orgoglioso per capire che il potere ha la pelle troppo grossa e tenace perché una lingua tagliente lo possa anche semplicemente scalfire.
Il tempo!
Il temo ha messo in ginocchio l’orgoglio degli egiziani, dei persiani e dei babilonesi, dei romani, dei sovietici e dei nazisti e fascisti, anche se il tempo sfascia le strutture, gli imperi, ma lasciando ancora sopravvivere certe ideologie, che mutano nel nome, ma senza perdere la loro perversità mentale.
Il tempo!
Il tempo è il tribunale più spietato della storia.
Tutti prima o poi saranno vittime del tempo, soprattutto i ricchi e i potenti.
Lo dice anche il Magnificat, anche se è lo stesso Dio ad allearsi con il tempo.
No, non mi lascio prendere dalla depressione, solo ho cambiato tattica. Prendere di petto il potere e i potenti, le ricchezze e i ricchi non produce quegli effetti che ci aspetteremmo: forse la nuova tattica sta nella dialettica tra il Bene e il male.
Se il male c’è, e di conseguenza i farabutti, i criminali, gli ingiusti, è perché si crede poco nella potenza del Bene: il male in sé non esiste, esiste solo il bene, a cui però si toglie purtroppo la possibilità di realizzarsi. Ogni possibilità mancata, ecco il male.
Chi è allora il farabutto, il criminale, l’ingiusto? Colui che toglie al Bene qualche possibilità di realizzarsi.
Sto finalmente capendo che la migliore lotta per sconfiggere il potere sta nel proporre la Bellezza del Bene, così da convincere più gente possibile a realizzare il Bene, togliendo così ai farabutti ogni occasione per destabilizzare il Bene.
Certo, non basta dire questo: ciò potrebbe anche sembrare semplicistico. Qualcosa di affascinante, ma campato per aria.
Da quando ho scoperto la Mistica, nessuno riuscirà a convincermi che basta lamentarsi, borbottare, magari lottare anche scendendo in piazza, ma stando fuori di se stessi, come se la pelle va cambiata con un’altra pelle.
La rivoluzione deve partire dal di dentro, ma a chi spetta educare la gente a convertirsi, ovvero a rientrare in se stessa?
Eppure anche Cristo, oltre gli antichi greci, aveva parlato di cambiare mentalità. “Metanoèite!”.
Il problema è grave, disperato, quando la stessa religione non vuole raccogliere i messaggi dei Saggi, e la Buona Novella.
La domanda: A che serve? esige un’altra risposta. Certo, non basta averla trovata.
Ma c’è un’altra domanda: Oggi dove sono i veri saggi, che richiamano gli antichi filosofi greci?
E, parlando del Cristianesimo delle origini, dove sono i profeti, forse dovrei dire, dove sono i Mistici?
18/12/2021
EDITORIALI DI DON GIORGIO 1
EDITORIALI DI DON GIORGIO 2

1 Commento

  1. Giorgio ha detto:

    Il piccolo Mahatma Gandhi ha sconfitto la potente Inghilterra non con gli insulti ma presentando il Bene.
    Don Giorgio, sei sulla buona strada.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi