Omelie 2021 di don Giorgio: QUARTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE

26 settembre 2021: QUARTA DOPO IL MARTIRIO DI S. GIOVANNI IL PRECURSORE
1Re 19,4-8; 1Cor 11,23-26; Gv 6,41-51
Mi soffermo sul terzo brano
La Messa ci offre tre brani tutti interessanti, tuttavia anche per questione di tempo mi soffermerò sul terzo, tolto dal Vangelo secondo Giovanni.
Premetto subito che il quarto Vangelo è l’unico, a differenza dei tre sinottici (Marco, Matteo e Luca), a rileggere il miracolo della moltiplicazione dei pani al di là della sua carnalità, ovvero al di là del racconto in sé come evento. C’è un evento: Gesù ha moltiplicato pani e pesci, ma, ecco la domanda: come interpretarlo, se è vero che per Giovanni ogni miracolo è un “segno” che rivela qualcosa di misterioso?
Chiariamo: non è che Marco, Matteo e Luca riportino semplicemente i fatti, anche per loro nessun miracolo è un puro racconto, tuttavia Giovanni rilegge i fatti in un modo ancor più approfondito: l’esempio classico è il racconto del cieco nato.
Nel quarto Vangelo il miracolo della moltiplicazione dei pani ha un suo più ampio contesto, che si conclude con il famoso discorso sul pane della vita. Anzitutto, Gesù attira così tanta gente che ovunque va non trova un momento di respiro. Forse i Vangeli esagerano, per far capire poi la grande solitudine di Cristo in cui si troverà, abbandonato dalla stessa folla a cui aveva rivolto non solo parole di conforto, ma gesti di misericordia e di perdono.
Fa riflettere il drammatico contrasto tra gli entusiasmi degli inizi del suo ministero pubblico e l’abbandono della folla al termine, quando Gesù resterà solo fino alla morte in croce. Ed è proprio il quarto Vangelo che lo evidenzia, spiegandone i motivi, e il motivo era uno solo: quando Gesù parlava di un regno interiore, in cui scompare la carnalità per fare posto allo spirito, allora la gente inizia ad abbandonarlo, a partire dai suoi discepoli, perché, ecco la ragione che Giovanni annota: “Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?”.
“Questa parola è dura!”. Ovvero, è incomprensibile, non rientra nella nostra logica, secondo cui il benefattore è chi si preoccupa della carnalità: il nostro ventre.
Gesù non si era illuso, come se quella gente lo seguisse perché aveva fame di una parola, quella di Dio, che nutre lo spirito. E così provocava la folla: moltiplicava il pane, per poi portarla su un altro piano, quello di un pane del tutto speciale, il pane della Vita. Forse Gesù intendeva soprattutto questo Pane da chiedere nel Padre nostro: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”. Sull’aggettivo “quotidiano” ci sono divergenze di interpretazioni tra gli esegeti. Io prediligo l’interpretazione di San Gerolamo, che traduce il greco “epiùsion” con il latino “supersubstantialis”, ovvero soprannaturale.
Da notare poi ciò che scrive l’evangelista Marco: “Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose” (6,34). Si parla di pastore e non di taumaturgo o illusionista o stregone o mago o populista. Forse dovremmo ricuperare il vero senso della parola “pastore”, ed è sempre Giovanni che ce la spiega con le stesse parole di Gesù: “Io sono il buon pastore che dà la propria vita per le pecore”.
E c’è anche il verbo greco, tradotto in italiano con “ebbe compassione”, che letteralmente indica il movimento interiore delle viscere. Gesù ebbe compassione intima, profonda, viscerale. Si potrebbe pensare al movimento uterino della misericordia di una madre.
Notiamo un’altra cosa, che ritengo interessante.
Il miracolo della moltiplicazione dei pani avviene in un luogo deserto, e si conclude nella sinagoga di Cafanao, dove Gesù pronuncia il famoso discorso sul Pane della vita.
Dunque, deserto e sinagoga. Come dire oggi: deserto e chiesa, deserto e religione.
Per un ebreo il deserto richiamava le origini, quando c’erano solo le acque, prima di essere fecondate dallo Spirito di vita. Il deserto diventerà il luogo dell’appuntamento di Dio con la sua creatura, purificata e fecondata dallo Spirito divino.
I profeti Geremia e Osea ricordano il deserto come il luogo dove si era consumato il tradimento idolatrico del vitello d’oro. Ma Dio non si era rassegnato e aveva voluto trasformare quel luogo solitario nella sede dell’intimità, in cui svelare di nuovo al popolo ebraico la sua parola e condurlo con amore verso la meta della libertà.
E sempre il Signore penserà con nostalgia a questo “ritorno” di Israele a lui, come egli stesso confessa: «Mi ricordo con intensità della fedeltà amorosa della tua giovinezza, dell’amore del tuo fidanzamento, quando mi seguivi nel deserto, in una terra non seminata» (Geremia 2, 2).
Deserto, ovvero distacco da tutto per l’incontro con il Distacco per eccellenza, ovvero con quella Divinità, spoglia di ogni nostra immaginazione. Nel deserto siamo ciò che siamo, e Dio è ciò che è, in una nudità assoluta, ovvero sciolta da ogni rivestimento mentale o strutturale.
Nel deserto si sente solo il bisogno di una Parola che nutre lo Spirito. E allora non è una provocazione che Cristo abbia compiuto il miracolo della moltiplicazione dei pani proprio in un deserto, lui che aveva risposto al diavolo che lo aveva invitato a trasformare i sassi in pane: “ Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”?
E non è ancora una provocazione che Cristo abbia scelto la sinagoga per tenere quel discorso sul pane della vita che ha scandalizzato, come abbiamo visto, gli stessi discepoli tanto da abbandonare il Maestro?
Che cos’era per un ebreo la sinagoga? Era un luogo religioso, dove si era perso ogni senso del Divino. Ecco perché Cristo sceglie la sinagoga, proprio per purificarla, ma sarà un’utopia, poiché Cristo sarà costretto a eliminare in radice la religione, dando inizio a quel Cristianesimo, caduto subito nelle braccia di una chiesa istituzione che farà dello Spirito un qualcosa di proibito, per dare visibilità al “grosso animale”.
Cristo risorto vorrebbe ancora parlarci di un cibo del tutto spirituale, ma nessuno lo ascolta, neppure la sua Chiesa e tanto meno i credenti.
Tu parli di spirito, e la massa parla di ventre. Tu parli di pane, e subito la gente pensa a quello materiale.
E c’è ancora la stessa reazione dei discepoli di Gesù: “Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?”. E tutti se ne vanno a brucare erba secca.
Come non riflettere sulle parole di Cristo nei riguardi della folla che lo cerca: ”Voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati”.
Ecco, dobbiamo sempre conservare una fessura, e una fame: la fame del vero pane che nutre il nostro spirito.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi