Omelie 2013 di don Giorgio: Quinta domenica di Pasqua

28 aprile 2013: Quinta di Pasqua

At 4,32-37; 1Cor 12,31-13,8a; Gv 13,31b-35

Il primo brano è una specie di sommario con cui Luca cerca di cogliere ciò che univa i primi cristiani in una comunità d’intenti, facendo sì che si sentissero “un cuore solo e un’anima sola”. Un’espressione che andrebbe intesa bene. Già le parole sono indicative: si parla di una unità di cuori e di anime, prima e al di là di ogni organizzazione, che è la caratteristica di ogni sistema politico o religioso. Solitamente rimaniamo colpiti dalla compattezza potente ed efficace della struttura, nelle sue varie manifestazioni. E tutto ciò richiede obbedienza, ordine, disciplina. Anche il cristianesimo, man mano si trasformava in un sistema religioso, era costretto ad assumere queste caratteristiche, ma a discapito della sua forza interiore. Più la struttura s’ingrossa, più perde nello spirito. La storia insegna, ma nessuno raccoglie l’insegnamento. Si parte dal poco, poi a poco a poco la cosa diventa imponente, e così si finisce schiacciati dalla stessa struttura. Ogni struttura che s’ingrossa e poi perde l’anima, conosce il tramonto. Ecco gli imperi del passato, di cui oggi vediamo tanti ruderi, ecco i movimenti che diventano col tempo statici, spegnendo idee e ideali, che erano la loro forza iniziale.
Certo, l’unitarietà di cuori e di anime richiede anche una certa visibilità. Il brano di oggi degli Atti degli apostoli cita un esempio concreto: una volontaria comunione dei beni materiali. Si è parlato di comunismo ante litteram: un anticipo di quello che poi sarà l’intuizione di Carlo Marx. Tuttavia sarebbe troppo riduttivo leggere il brano di oggi  come il primo caso di comunismo cristiano. Carlo Maria Martini ha dato una sua interpretazione: secondo il cardinale, non si trattava di una rinuncia radicale alla proprietà privata; non è che tutti fossero costretti a privarsi dei loro beni; si trattava invece della “disponibilità” a mettere i propri beni al servizio degli altri, per venire incontro alle necessità dei bisognosi, ma quando la situazione lo richiedeva. A me pare che questa lettura di Martini sia interessante e da valutare. Una lettura che coglie il cuore del cristianesimo come carità interiore e come disponibilità concreta ad aiutare in qualsiasi momento i poveri.
Dunque, i primi cristiani non si sentivano obbligati a mettere tutto in comune. Si sentivano invece obbligati, in forza della loro fede, a rendersi “disponibili” ad aiutare anche concretamente, con i propri beni, chi si trovasse in qualche difficoltà economica. È questo l’aspetto che Luca vuole sottolineare: era veramente encomiabile la disponibilità d’animo dei primi cristiani! Quasi un istinto naturale – frutto della loro fede nel Dio d’amore – in forza del quale, davanti al bisogno o alla richiesta d’aiuto, non si fermavano a pensare due volte prima di intervenire. La carità concreta era il frutto spontaneo della loro fede.
Parlare di istinto naturale sembrerebbe quasi che si possa fare a meno della fede in un Dio. Anche gli atei sono generosi, capaci di atti eroici di altruismo. Forse perché già il fatto di essere umani ci porta ad essere fraterni, a sentirci della stessa famiglia, quella appunto dell’Umanità di cui facciamo parte. Ma la fede sembra stimolarci di più, sembra quasi che aggiunga qualcosa. In realtà non è così. La fede non è un supplemento o quel di più che serve a distinguerci dagli altri che non credono. Noi cristiani non dobbiamo essere più caritatevoli degli altri, dimostrando così di essere migliori.
Ho conosciuto Movimenti ecclesiali che facevano della carità un distintivo, quasi un incentivo per dare una certa soddisfazione interiore ai loro seguaci. Talora anche come motivo di attrazione. “Venite da noi: guardate come siamo bravi! Mettiamo tra le nostre opere una proposta caritativa”. E se tale proposta era d’avanguardia, era ancora più attraente, stimolante soprattutto tra i giovani.
Dire “istinto naturale” significa far capire che il cristianesimo “riscopre” la nostra vera natura umana, che consiste appunto nel sentirci fratelli. Il servizio, la carità, l’amore per gli altri non sono un’aggiunta o un privilegio del nostro essere cristiani. Per la nostra stessa natura umana siamo altruisti, generosi, disponibili a soccorrere i bisognosi. La fede in un Dio, dunque, mi è di stimolo, come potrebbe essere di stimolo la fede nell’Umanità. Gli atei agiscono per la loro fede nell’Umanità, i cristiani per la loro fede nel Dio dell’Umanità. Possiamo trovarci d’accordo. Il problema è che se gli atei talora faticano a credere nell’Umanità, noi cristiani talora e spesso separiamo Dio dall’Umanità. La religione, più è rigida più separa. Invece il cristianesimo puro unisce: porta all’Umanità.
Anche nel campo politico varrebbe lo stesso discorso. Ma qui le cose si complicano. È difficile far capire il concetto autentico di solidarietà umana in una società dove a prevalere è la legge del mercato o dell’economia. Parliamo sì di diritti umani, in pratica però rimaniamo chiusi in un mondo individualistico o corporativistico. L’individualismo è frutto di un certo progresso economico: quando stiamo bene, allora la carità perde il suo istinto naturale. E quando torniamo ad essere poveri o precari o in difficoltà per una improvvisa crisi economica devastante, non è che torniamo ad essere solidali nel vero senso della parola. Si pretende l’assistenza, e basta, ma non torniamo ad essere umani. Ognuno lotta per sé, e pretende di essere aiutato, ma non aiuta l’altro che si trova nelle stesse difficoltà. Dite quello che volete, ma al tempo delle lotte sindacali di anni fa, quando gli operai non conoscevano ancora i diritti sociali conquistati poi con le loro lotte, c’era grande spirito di solidarietà sociale. Oggi, non vedo più questo spirito di corpo. A parole, sì. Oppure nei casi di emergenze, ma sempre, ripeto, quando ci si trova in difficoltà, e allora si grida rivendicando diritti più individuali che sociali. Non è una contraddizione, spaventosa contraddizione, che gli operai d’oggi votino per i capitalisti? Dal comunismo sono passati al più osceno berlusconismo.
I primi cristiani, dunque, erano disponibili a vendere ciò che avevano appena si accorgevano che qualcuno si trovava in difficoltà. È sulla disponibilità d’animo che bisognerebbe puntare per far capire che, se non c’è apertura di mente e di cuore, ogni cosa che facciamo è solo forzatura. E ciò lo si nota quando per smuovere le coscienze bisogna fare un’opera tale di persuasione o di convincimento da costringere l’altro a compiere un’opera buona per mettere la coscienza a posto. C’è qualcosa che blocca il nostro essere umani. C’è qualcosa che ci chiude in un tale egoismo oppure in una tale indifferenza che dovrebbe, appena ci accorgiamo, mettere in crisi il nostro essere umano. Certo, anche oggi si nota una grande solidarietà nei momenti di emergenza: si fa il proprio dovere offrendo un po’ di denaro, e nello stesso tempo si continua a vivere nello spreco, senza capire la lezione, ovvero che ogni emergenza collettiva deve essere un esame di coscienza per tutti, precari e non precari, occupati o disoccupati, ricchi e poveri.
Noi cristiani parliamo tanto di carità di Dio, usiamo parole stupende sull’amore per il prossimo, e poi, appena siamo chiamati in causa, troviamo mille scuse per non impegnarci, continuando a fare elogi sulla carità di Dio e sull’amore per il prossimo.
Se almeno una delle migliaia di parole che usiamo la traducessimo nella vita concreta di tutti i giorni, non saremmo certo a questo punto di crisi di valori, di disimpegno socio-politico ed ecclesiale, di contraddizione tale da chiederci: è mai possibile che non ci rendiamo conto che i primi responsabili siamo noi, ciascuno di noi, per le nostre scelte sbagliate, per le nostre incoerenze, per il nostro modo di pensare e di agire a partire dalle piccole cose, dall’ambiente in cui viviamo?
Certo, fa piacere notare che ci siano forti gesti di rinnovamento, azioni altamente profetiche, personaggi che danno speranza per la loro umanità, ma ciò non basta. Oggi tutti pretendiamo che la società si rinnovi e che la Chiesa si umanizzi, ma è la base che è immobile. E ciò fa paura. Manca la coscienza che siamo umanità e che siamo figli dello stesso Padre. È questa coscienza che stabilisce poi le scelte o i criteri di convivenza. Non ci sarebbe bisogno di imporre nulla. Ognuno di noi si renderebbe disponibile, nella misura della propria responsabilità e della propria consapevolezza di appartenere alla stessa umanità e di appartenere alla stessa famiglia di Dio. Cittadini o credenti, non c’è differenza. Le motivazioni possono essere diverse, ma il fine è lo stesso: l’Umanità accomuna credenti e atei.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi