Omelie 2022 di don Giorgio PASQUA NELLA RISUREZIONE DEL SIGNORE

17 aprile 2022: PASQUA NELLA RISUREZIONE DEL SIGNORE
At 1,1-8a; 1Cor 15,3-10a; Gv 20,11-18
Tutti gli anni, da due millenni, ovvero da quando, dopo la risurrezione di Cristo, circa l’anno 30 dell’era cristiana, la Chiesa ha introdotto nella Liturgia la celebrazione del Mistero pasquale (diciamo che la Liturgia era ed è il Mistero pasquale), con l’annuncio solenne: “Cristo è risorto”, anche i credenti di oggi sono invitati a rivivere nella Fede quel “passaggio” (“pasqua” significa appunto “passaggio”) dalla morte alla vita che, pur assumendo diversi significati già presso la religiosità ebraica, trova in Gesù Cristo la pienezza salvifica.
Attenzione: dire “salvifica” potrebbe darci una falsa idea della Pasqua cristiana, che proprio per la sua originalità si distingue radicalmente dalla Pasqua ebraica.
L’idea di salvezza era sempre in ogni caso legata alla religiosità di Israele in quanto popolo eletto, ovvero scelto dal Signore per trasmettere un messaggio universale, ovvero: Dio vuole salvi tutti gli esseri umani. Ma Israele tradiva spesso e volentieri l’Alleanza con Dio, e Dio lo puniva, e poi lo salvava. La Pasqua ebraica ricordava uno dei momenti più importanti dell’intervento di Dio per salvare il suo popolo: quello dell’uscita dall’Egitto, il cosiddetto esodo, verso la Terra promessa.
Ridurre la Pasqua a qualcosa di salvifico, o, ancor peggio, come dice San Paolo, a qualcosa di redentivo nel senso di riscatto, toglie al Mistero pasquale il suo senso più profondo.
Che la Chiesa sia ancora legata a una visione diciamo utilitaristica del Mistero pasquale, ciò non toglie che dovremmo almeno tentare di approfondire uno dei Misteri più grandi della nostra Fede cattolica.
Ho detto “ visione utilitaristica della Pasqua”. Voi sapete che ci sono i cosiddetti precetti, di istituzione ecclesiastica: sono cinque. 1. Partecipare alla Messa la domenica e le altre feste comandate e rimanere liberi da lavori e da attività che potrebbero impedire la santificazione di tali giorni; 2. Confessare i propri peccati almeno una volta all’anno; 3. Ricevere il sacramento dell’eucaristia almeno a Pasqua; 4. Astenersi dal mangiare carne e osservare il digiuno nei giorni stabiliti dalla Chiesa; 5. Sovvenire alle necessità materiali della Chiesa stessa, secondo le proprie possibilità.
Mi ricordo ancora, quando ero prete giovane, la lunga fila di uomini davanti al confessionale, il mattino di Pasqua: si confessavano, poi ricevevano la comunione (che veniva distribuita o prima o dopo la Messa), e poi alcuni andavano a casa, senza assistere nemmeno alla Messa. Alla moglie dicevano, esigendo una immaginetta: “Ho fatto Pasqua!”.
Il Mistero pasquale va oltre il peccato, o meglio va oltre quel peccato come noi lo intendiamo. E tanto meno si riduce a una confessione sacramentaria. Qui la Chiesa istituzionale ha le sue colpe, e tante.
Se dobbiamo parlare di peccato, allora parliamo di quel peccato, che i Mistici medievali chiamavano “amor sui”, che è il vero peccato originale, che dà cioè origine, è la fonte di ogni male.
E allora possiamo dire che Cristo è morto su una croce, perché, donandoci il suo Spirito, ciascuno possa sradicare dal proprio io interiore quell’ego, che è amor sui, amore di se stesso, come appropriazione, possesso, egoismo.
Ma la Chiesa istituzionale si è sempre soffermata sul peccato individuale, elencando una lista senza fine di mancanze, distinguendole tra gravi e leggere (peccati mortali e peccati veniali) senza educare la gente a comprendere la vera origine di ogni peccato.
E poi che cosa è successo? Si è passati da una scrupolosità eccessiva, meticolosa (i santi si confessavano anche più volte ogni giorno) fino all’attuale permissività per cui nulla oggi è peccato: tutto lecito. Tutto è saltato di quella impalcatura moralistica con cui la Chiesa istituzionale ha voluto sostituire il mondo dello spirito interiore.
Non basta dire che bisogna educare la coscienza al senso del peccato: dobbiamo comprendere dove sta la fonte del peccato. Anche qui, attenzione: Giovanni Battista, scrive il quarto evangelista, quando vede Gesù venire verso di lui, esclama: “Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!”, nell’originale greco non c’è scritto i peccati del mondo, come purtroppo la Chiesa ha sempre fatto credere.
Cristo, dunque, è venuto a togliere non tanto i peccati singoli, ma “il peccato” del mondo, ovvero la radice di ogni peccato. “È venuto a togliere”, nel senso che ci aiuta con la sua grazia, il dono dello Spirito, a sradicare dal nostro essere interiore quell’ego, che è amor sui, amore di se stesso, amore del proprio ego.
Sembra quasi dalla Liturgia che non esista più il peccato, perché il Cristo risorto lo ha tolto; così sembra che non esista più la morte, perché Cristo risorto l’ha eliminata. Eppure pecchiamo ancora, e tutti muoiono.
Mi chiedo talora come intendere la Risurrezione di Cristo, e perché la Chiesa insista nel predicare certe corbellerie.
Dobbiamo uscire da una visione carnale di questo mondo. E per farlo dobbiamo rientrare dentro di noi, là dove Cristo può ancora dirci come a Marta, sorella di Maria e di Lazzaro: “Io sono la risurrezione e la vita”.
Quanto vorrei che si capissero le prime due parole: IO SONO. Già contengono le altre due parole: risurrezione e vita. Nell’essere purissimo vi è già la risurrezione, e dunque la vita. Ma come possiamo pretendere di cogliere e di vivere il Cristo risorto, se rimaniamo schiavi di una carnalità che è morte?
Basta dire avere, e tutto si fa buio, tomba di morte. Basta dire essere, e si aprono orizzonti nuovi: una Luce entra in noi, e siamo risorti.
Ma perché la Chiesa istituzionale non riesce a capire, ancora oggi, che alla violenza di un potere omicida, il potere dell’avere, non va contrapposta una via diplomatica, sempre sul piano del potere, ma la via della interiorità di un essere che fatica a imporsi, proprio perché nessuno ne parla, ma si preferisce usare gli stessi strumenti del potere carnale?
IO SONO, disse Gesù nell’orto del Getsemani, e tutti stramazzarono a terra. Se dicessimo: IO SONO, forse i potenti di oggi stramazzerebbero a terra.
La risurrezione di Cristo sta nell’essere, e non nell’avere. Purtroppo l’avere ha il potere di bloccare l’essere e dunque la risurrezione di Cristo. Ecco perché bisogna rientrare in noi, nel nostro essere, e qui troveremo la risurrezione e la vita.

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi