Omelie 2022 di don Giorgio: SECONDA DOPO PENTECOSTE

19 giugno 2022: SECONDA DOPO PENTECOSTE
Sir 18,1-2.4-9a.10-13b; Rm 8,18-25; Mt 6,25-33
Mi sembra che anche nei tre brani scelti dalla Liturgia per questa domenica ci sia come un’unica parola di fondo che li ispiri. Ho detto “come un’unica parola”, in realtà è lo Spirito divino in quanto Sapienza. Sapienza significa non solo intelletto o luce, ma, come già suggerisce la parola, anche quel sapore da gustare spiritualmente nella creazione, vista come grembo che genera la vita.
Nel Salmo 34 leggiamo: “Guardate a lui e sarete raggianti”. Qualche esegeta traduce: “contemplatelo e sarete luminosi”. Nella contemplazione pura dello spirito avviene quell’unione mistica con il Divino, che trasforma il nostro essere in uno specchio di luce. Sempre nel Salmo 34 troviamo anche: “Gustate e vedete com’è buono il Signore”. Buono sta per bontà, ovvero quel Sommo Bene, che è l’essere stesso di Dio. Gustare significa vivere di quella Gioia che è pura gratuità.
L’autore sacro, nel brano di oggi, desunto dal libro del Siracide, pone una serie di riflessioni e di domande, quelle giuste, perché nascono spontaneamente da un’unica meraviglia, che è l’incanto davanti alla creazione, come dono di Dio.
L’incanto nasce dunque spontaneo non da speculazioni filosofiche, tanto complesse da disorientare l’uomo semplice, ma da quella contemplazione di cui parla il Salmo 34: “Contemplatelo e sarete raggianti”.
Due sono le riflessioni dell’autore sacro che mi hanno colpito: «Non c’è nulla da togliere e nulla da aggiungere, non è possibile scoprire le meraviglie del Signore». Nulla da togliere e nulla da aggiungere, perché Dio è infinito, e basta a se stesso. E, essendo infinito, “non è possibile scoprire di colpo tutte le meraviglie del Signore”. Forse potremmo accontentarci di qualche flash di meraviglia per star bene dentro. Più ci meravigliamo della Bontà divina, presente nel Creato, più siamo meravigliati. Già il nostro essere è una meraviglia, uno stupore.
E la seconda riflessione: “Come una goccia d’acqua nel mare e un granello di sabbia, così questi pochi anni in un giorno dell’eternità”. Non contano gli anni, più o meno numerosi, quanto gustare una goccia d’acqua nell’Oceano infinito o un granello o seme di vita nell’Eterno presente. Gli antichi riflettevano su queste cose, e noi invece siamo preoccupati di correre dietro a qualche piuma portata via dal vento.
Nella Lettera che San Paolo ha scritto ai cristiani di Roma troviamo l’invito a contemplare la creazione. La natura e il creato sono la stessa cosa: natura significa ciò che sta per nascere, è sempre in gestazione, creato significa l’universo che non è qualcosa di già realizzato, ma è sempre in fase di realizzazione, per cui dire universo, come dice la parola “verso l’uno”, è dire uno sviluppo, un cammino verso la sua unità.
Dunque, tutto è in gestazione che, come dice San Paolo, comporta gemiti come di una donna che sta per partorire. Ma ciò che colpisce è il fatto che la gestazione è ininterrotta, dunque sempre una meraviglia.
Poi l’apostolo Paolo dice: “Non solo, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli…”. Dunque, non solo “tutta insieme la creazione geme e soffre le doglie del parto”, ma anche il nostro essere interiore, che, come un grembo sempre fecondo, genera la vita per opera dello Spirito. Lo spirito geme, perché il distacco dalla carnalità comporta sofferenza, dolori.
Passiamo al terzo brano della Messa. Fa parte del famoso Discorso della Montagna: è la pagina più lirica presente nei quattro Vangeli.
Vorrei soffermarmi più specificatamente analizzando i verbi o le parole usate da Gesù. Dico solo che il verbo greco, tradotto in italiano con “preoccupatevi”, è “merimnao”, che significa di per sé “sono in ansia”. In che senso? Il verbo greco “merimnao, usato da Matteo, è una combinazione di due parole: “merizo”, che significa “dividere”, e “nous”, che significa “mente” (includendo le facoltà percettive, di comprensione, sentimento, ecc.)
Quindi, chi è in ansia ha la mente divisa, è confuso, si lascia prendere da emozioni o sentimenti fuori controllo, che non provengono dall’intelletto “attivo”, quello che è illuminato dall’Intelletto divino. Direbbe Aristotele: chi è in ansia si lascia condizionare dall’intelletto “passivo”, quello che assorbe ogni cosa che il proprio ego prende dalla carnalità.
Le cose ci dividono o ci separano nel nostro mondo interiore. Siamo dissociati, perciò in balìa delle cose, da qui ansie di ogni genere. Di qui l’invito di Cristo a non essere in ansia, in agitazione, con la mente confusa, e perché evitiamo di cadere in questo stato d’animo stressante il nostro essere occorre risvegliare il nostro intelletto interiore.
Ma Cristo non si limita a dire di non essere in ansia, passa poi al positivo: “Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio!”.
Qui dovrei soffermarmi sul verbo “cercare” e sull’espressione “regno di Dio”. Il verbo “cercare”, in greco, “zetèin”, è interessante. Pensate: la prima parola che Gesù pronuncia nel Vangelo di Giovanni è una domanda che pone a bruciapelo ai due che lo stanno seguendo: “Che cosa cercate?” Τί ζητεῖτε; È questa una domanda importante che tende a scavare le intenzioni più intime; l’evangelista la sceglie con cura e la riproporrà ancora due volte nel corso della sua narrazione: all’inizio della sua passione, Gesù chiede per due volte a coloro che sono venuti ad arrestarlo nel giardino: «Chi cercate?» (18,4.7); la stessa domanda ripete il Risorto al mattino di Pasqua, quando vuole scuotere la Maddalena piangente: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?» (20,15).
Gesù indica chiaramente ciò che bisogna cercare: il regno di Dio! E sul “regno di Dio” potremmo star qui a lungo a elencare tutte le spiegazioni che se ne sono date, dimenticando che quella giusta l’ha data Gesù stesso che alla domanda dei farisei: «Quando verrà il regno di Dio?», risponde: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è dentro di voi! Dire che il regno di Dio è dentro di noi cambia tutto. Il regno di Dio è spirituale, è il regno dello Spirito che agisce nello spirito di ogni essere umano.
Infine, Gesù unisce al regno di Dio la giustizia. La giustizia di Dio è qualcosa che va ben oltre il concetto umano di giustizia. Non posso soffermarmi: il tempo a disposizione è trascorso. Ma una cosa è da dire: chi cerca il regno di Dio e la sua giustizia otterrà anche tutto il resto. Gesù non l’ha detto, ma sembra chiaro: chi scopre il regno dello spirito scopre anche il segreto per la risoluzione dei problemi sociali e politici, che non troveranno una soluzione finché si rimane fuori dal proprio essere. Chi è un alienato, vive fuori dal proprio essere, penserà, vivrà sempre da alienato.

1 Commento

  1. Martina ha detto:

    STUPENDA!

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi