Come l’odio no vax e gli attacchi sessisti hanno contribuito a «svuotare» Jacinda Ardern

da New York Times

Come l’odio no vax e gli attacchi sessisti

hanno contribuito a «svuotare» Jacinda Ardern

di GIANLUCA MERCURI
Le dimissioni di Jacinda Ardern hanno sorpreso il mondo. In pochi anni, la premier neozelandese è diventata un’icona planetaria per il carisma gentile, il decisionismo ragionevole, il femminismo tautologico, naturalmente impresso in ogni suo passo, a spiegare al mondo che l’anomalia è quella millenaria che ha escluso le donne. E poi, la fermezza di fronte alle catastrofi che hanno segnato i suoi sei anni al potere e che alla fine, come ha detto nello spiegare la sua scelta clamorosa, le hanno «svuotato il serbatoio». Non se n’è fatta mancare una, «SuperJacinda»: la pandemia, una strage terroristica islamofoba che avrebbe potuto spaccare il Paese, perfino un’eruzione vulcanica epocale. In mezzo, sempre lei a reggere i «semplici» valori del rispetto e della solidarietà tra esseri umani, di qualsiasi identità, in anni in cui i Paesi che per la Nuova Zelanda sono riferimenti imprescindibili — l’Australia, la Gran Bretagna, gli Stati Uniti — hanno vissuto momenti di inquietante chiusura.
Alla fine, nell’analisi delle ragioni che hanno portato al burnout di una leader davvero sublime, la pandemia sembra quella dominante. Sembra strano, ripensando alle sue dirette social della prima fase, a tranquillizzare tutti, anche lei chiusa in casa nella sua apparente normalità domestica che alla lunga si è rivelata più claustrofobica e frustrante della nostra, di noi persone ordinarie che le decisioni dovevamo solo aspettarle, non prenderle, in un momento in cui nessuno poteva avere certezze.
Su questo aspetto si sofferma, in particolare, il New York Times: «La pandemia sembrava giocare a favore dei suoi punti di forza come comunicatrice chiara e unificante, fino a quando le chiusure prolungate e l’obbligo di vaccino non hanno danneggiato l’economia, alimentato teorie cospirative e scatenato una reazione. In una parte del mondo in cui le restrizioni del Covid sono rimaste, Ardern ha faticato ad andare oltre la sua associazione con la politica imposta sulla pandemia».
All’inizio, spiega il politologo neozelandese Richard Shaw, «la gente ha investito personalmente su di lei, e questo è sempre stato parte del suo fascino». Così «è diventata un totem, la personificazione di una particolare risposta alla pandemia, che le persone ai margini lontani di Internet, ma anche quelle ai margini non così lontani, hanno usato contro di lei».
Il punto è che Ardern ha applicato una strategia pensata con gli epidemiologi, che puntava a eliminare il virus per poi tenerlo definitivamente lontano dalla Nuova Zelanda. Frontiere sigillate all’esterno ma anche all’interno, al punto da rendere impossibile perfino «recuperare una palla da cricket smarrita nel giardino di un vicino». Nella fase iniziale, nel 2020, solo la sua forza persuasiva poteva convincere «la nostra squadra di cinque milioni di persone», come si rivolgeva ai neozelandesi, ad accettare restrizioni del genere. Ma quando le nuove varianti hanno reso impossibile lo sradicamento del virus, sono arrivate le difficoltà. L’obbligo di vaccinazione — un obbligo di fatto per chi volesse continuare a lavorare e ad avere una vita fuori da casa — ha spezzato la luna di miele con una parte della popolazione. Lo spiega Simon Thornley, un epidemiologo che non ha condiviso le scelte della premier, e che infatti la accusa di aver messo i vaccinati contro i non vaccinati: «La creazione di una società a due classi e il fatto che le previsioni non si siano avverate del tutto, in termini di eliminazione del virus, hanno rappresentato un punto di svolta».
Un quadro non troppo dissimile da quello delle altre democrazie in cui governi responsabili hanno scelto le chiusure e la vaccinazione di massa. In Nuova Zelanda, però, è successo qualcosa di particolare. La premier gentile, scrive il Nyt, «è diventata un bersaglio, all’interno e all’estero, per coloro che vedono l’obbligo dei vaccini come una violazione dei diritti individuali. In rete sono fiorite teorie cospirative, disinformazione e attacchi personali: le minacce contro Ardern sono aumentate notevolmente negli ultimi anni, soprattutto da parte di gruppi anti-vaccinazione». Il clima si è fatto particolarmente teso nel febbraio dell’anno scorso, quando estremisti no vax si sono accampati per tre settimane fuori dal Parlamento. È finita in scontri con la polizia senza precedenti, scene che «hanno scioccato una nazione non abituata a tanta violenza. Alcuni hanno incolpato i manifestanti, altri la polizia e il governo».
Secondo il giornalista Dylan Reeve, a quel punto la proiezione planetaria di Ardern le si è ritorta contro: «Il fatto che improvvisamente abbia avuto un profilo internazionale così vasto e che sia stata ampiamente acclamata per la sua reazione al virus sembra aver dato una spinta ai teorici della cospirazione locali. Hanno trovato sostegno per le idee anti-Ardern da parte di individui che la pensano allo stesso modo a livello globale, a un livello probabilmente fuori scala rispetto al tipico rilievo internazionale della Nuova Zelanda».
La premier, nel suo discorso d’addio, non ha citato questi eventi tra le ragioni dell’esaurimento del suo «serbatoio», e ha preferito spiegarlo come l’inevitabile logorio che accompagna ogni leadership intensa: «So che all’indomani di questa decisione si discuterà molto su quale sia la cosiddetta vera ragione. L’unico aspetto interessante che troverete è che dopo sei anni di grandi sfide, sono umana. I politici sono umani. Diamo tutto quello che possiamo, finché possiamo, e poi arriva il momento. E per me è arrivato il momento». Ma è inevitabile chiedersi — chiedersi, senza aspirare a una spiegazione definitiva — se la sua scelta sia legata anche all’essere donna, se l’essere donna porti cioè a un rapporto diverso col potere, un rapporto che sfugge con più consapevolezza ai suoi aspetti tossici, quelli che nei politici maschi generano più dipendenza.
Di certo, qualcosa di tipicamente femminile in ciò che ha vissuto Ardern c’è, ed è «il livello disgustoso di abusi sessisti e misogini a cui è stata sottoposta» e che, secondo la studiosa di leadership Suze Wilson, ha molto contribuito allo «svuotamento» della premier. Dobbiamo interrogarci sul perché, tra tanti leader mondiali che fortunatamente hanno scelto la strada del rigore antivirus, proprio lei — donna, giovane, bella, gentile, decisa — abbia catalizzato l’odio dei no vax, e tutte le idiosincrasie reazionarie che in genere si sono intrecciate all’odio no vax. L’augurio migliore che possiamo fare a noi è che torni, un giorno, da leader planetaria: sarebbe una splendida — e incisiva — segretaria generale dell’Onu, per esempio. L’augurio migliore che possiamo fare a lei, però, è di starsene in pace, lontana dall’infamia degli hater, e fare finalmente quel che le pare.
***
dal Corriere della Sera

Perché ricorderemo per sempre

Jacinda Ardern

di PAOLO LEPRI
Se la democrazia vince oggi un punto nello scontro con i suoi troppi nemici lo si deve ad una donna come Jacinda Ardern che se ne va, abbandonando questa lotta-simbolo della nostra disgraziata epoca. Spieghiamo meglio un apparente paradosso. Lasciando il suo incarico, la premier neozelandese mette in evidenza, della democrazia, la grande umanità. Avvicina la democrazia a tutti. Parlando della sua fragilità personale che la spinge a dimettersi per aver finito le energie, la mamma della piccola Neve — una leader politica che è stata capace di affrontare con determinazione tante emergenze, come l’attentato islamofobo di Christchurch (51 vittime) dopo il quale ha limitato significativamente l’uso delle armi da fuoco — ci offre una testimonianza decisiva.
Non è stata la prima, Jacinda Ardern, a mettere in guardia contro la debolezza della democrazia. Lo ha fatto l’anno scorso nel discorso inaugurale dell’università di Harvard, affermando che «questo imperfetto ma prezioso modo con cui organizziamo noi stessi è stato creato per dare una voce uguale a chi è debole e a chi è forte». Ma lei è stata l’unica a farci capire, anche con il suo esempio, la verità profonda di parole come queste.
L’altra ragione per cui l’addio di Ardern rafforza i valori «buoni» è che un vero leader, dice, «sa quando è il momento di andarsene». Tutto questo è ancora più giusto in un mondo dove rimanere attaccati al potere, anche se il proprio tempo è passato o sta per passare, sembra essere una regola. Ecco perché ricorderemo sempre la premier neozelandese. Non solo, come ha detto di sperare, per essere stata «una persona che ha tentato di essere gentile».

Lascia un Commento

CAPTCHA
*

 

Questo sito utilizza cookie a scopo tecnico, analitico e profilante anche di terze parti. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Cosa sono i cookie

In informatica i cookie – letteralmente “biscotto” - sono righe di testo usate per eseguire autenticazioni automatiche, tracciatura di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche riguardanti gli utenti che accedono al server.
Nel dettaglio, sono stringhe di testo di piccola dimensione inviate da un server ad un Web client (di solito un Browser) e poi rimandati indietro dal client al server (senza subire modifiche) ogni volta che il client accede alla stessa porzione dello stesso dominio web.

Tipologie di cookie

Cookie tecnici
Sono cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate o di settare alcune preferenze sul sito web e ritrovarle settate al prossimo accesso.
Senza il ricorso a tali cookie alcune operazioni sul sito potrebbero non essere possibili o potrebbero essere più complesse e meno sicure.
Cookie di profilazione
Sono cookie utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.
Cookie di terze parti
Sono cookie installati da siti differenti da quello sul quale si sta navigando generalmente a scopo di profilazione oppure per attivare specifiche funzionalità (ad esempio i cookie installati per i social plugins).
In tali casi, tuttavia, il Titolare del trattamento dei dati personali acquisiti tramite questo sito internet è esente da qualsiasi forma di responsabilità in tal senso posto che l’operatività di tali cookies rientra nella piena ed esclusiva responsabilità di società terze.

Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics
Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i “cookie” per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito (compreso l’indirizzo IP dell’utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.
Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/

Conferimento dei dati
Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell’interessato che decida di navigare su questo sito dopo aver preso visione dell’informativa breve contenuta nell’apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l’installazione di cookie.
Chiudendo il banner o proseguendo nella navigazione o selezionando un qualsiasi elemento della pagina, l’utente presta il consenso all’utilizzo di tutti i cookie presenti sul sito (inclusi quelli di terze parti) e il suo consenso viene memorizzato in un apposito cookie tecnico in modo che il banner non venga più visualizzato durante i futuri accessi al sito.
Come disattivare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile rifiutare tutti i cookie o permettere l’installazione di cookie provenienti solo da alcuni siti scelti. Il blocco di tutti i cookie potrebbe inficiare il corretto funzionamento di alcune funzionalità dei siti che si visitano.
Queste le istruzioni per disattivare / attivare i cookie nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392971?hl=it-IT
Come cancellare i cookie
Attraverso le impostazioni del proprio Browser è possibile cancellare tutti i cookie salvati sul proprio dispositivo.
Queste le istruzioni per cancellare i cookie (o solo alcuni di essi) nei principali Browser:
•    Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
•    Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
•    Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT
•    Microsoft Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies#ie=ie-11
•    Apple Safari su iOS: https://support.apple.com/it-it/HT201265
•    Google Android: https://support.google.com/chrome/answer/2392709?hl=it

Per completezza si informa l’utente che è possibile avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente decidendo di accettarli solo da parte di alcune società cliccando sulla risorsa Your Online Choices raggiungibile dal seguente link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte.

Chiudi